Sindacato ebraico: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
fiz qua e la
(fiz qua e la)
Il crimine organizzato degli ebrei americani aveva origine nei bassifondi: da adolescenti o iniziando già in fase di prepubertà si riunivano in bande per estorcere denaro ai negozi, da giovani adulti praticavano lo ''schlamming'' (picchiare con tubi di ferro avvolti in carta da giornale i lavoratori in sciopero o persone non gradite), e una volta maturati entravano nelle bande organizzate coinvolte in variegate attività illegali, in particolare il contrabbando d'alcolici durante il [[proibizionismo]].<ref name=nyt120498>[http://www.nytimes.com/books/98/04/12/reviews/980412.12patrict.html This You Call a Stick-Up?], The New York Times, April 12, 1998 (Review of ''Tough Jews'' by Rich Cohen)</ref>
 
I figli degli immigrati ebrei, italiani, irlandesi, ebrei e di altre etnie erano tentati dal crimine, dal richiamo del denaro facile, con la prospettiva di grandi successi. Gli ebrei, si incontravano nei racket attorno a cui gravitavano. Ciò causò a New York un “boom di criminalità” ebraica all'inizio del XX secolo, che portò a numerosi arresti (un sesto dei delinquenti arrestati erano ebrei).<ref name=foner>[http://www.migrationinformation.org/Feature/display.cfm?id=439 The Second Generation from the Last Great Wave of Immigration: Setting the Record Straight], by Nancy Foner, Hunter College and the Graduate Center of the City University of New York & Richard Alba, State University of New York at Albany, October 2006</ref> Come descritto dal sociologo Stephen Steinberg, circa un sesto dei fermati totali a New York risultava essere ebreo negli anni '20, nonostante gli ebrei costituivano invece circa un terzo dell'intera popolazione newyorkese.<ref name=griswold>[https://www.commentarymagazine.com/viewarticle.cfm/higher-immigration--lower-crime-15297 Higher Immigration, Lower Crime] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20100131042056/http://www.commentarymagazine.com/viewarticle.cfm/higher-immigration--lower-crime-15297 |data=31 gennaio 2010 }}, by Daniel Griswold, Commentary Magazine, December 2009</ref>
 
Col proseguire del XX secolo, mafiosi del calibro di [[Benny Fein]] e [[Joe Rosenzweig]] entrarono nel racket del lavoro, il cui monopolio esercitato da [[Nathan Kaplan]] e [[Johnny Spanish]] della [[Five Points Gang]], divenne causa di conflitto. Per anni le bande si rivaleggiarono nelle [[guerre per il racket del lavoro]] a New York, fino a che nel 1927 l'intero spazio fu conquistato da [[Jacob Shapiro]], ponendo fine alla faida. Altri gangster ebrei coinvolti nel racket dei sindacati furono [[Mosè Annenberg]] e [[Arnold Rothstein]], quest'ultimo considerato responsabile dello [[scandalo dei Black Sox]] all'edizione 1919 della [[World Series]].<ref name="Pietrusza, David 2003"/>
 
== I rapporti con Israele ==
{{Senza fonte|Diversi famigerati mafiosi ebrei americani hanno provveduto a supportare la causa israeliana sul piano finanziario attraverso donazioni a organizzazioni ebraiche fin dalla proclamazione d'indipendenza dello Stato nel 1948.}} Diversi mafiosi per sfuggire a una imminente cattura, processi e/o deportazioni hanno utilizzato la [[legge del ritorno]], la quale permette la cittadinanza israeliana a qualunque ebreo del mondo che si trasferisca in Israele.Tra i più famosi v'è [[Joseph Stacher]], che contribuì a costruire il paradiso del gioco d'azzardo di [[Las Vegas]] su commissione della mafia di origine e religione ebraica e nazionalità italiana, coalizzate insieme sotto il [[sindacato nazionale del crimine]].
Tra i più famosi v'è [[Joseph Stacher]], che contribuì a costruire il paradiso del gioco d'azzardo di [[Las Vegas]] su commissione della mafia di religione ebraica e nazionalità italiana, coalizzate insieme sotto il [[sindacato nazionale del crimine]].
Il primo ministro [[Golda Meir]] cercò di soppiantare questa tendenza e, nel 1970, negò l'ingresso a Meyer Lansky, considerato il più influente, nonché celebre, mafioso di origine ebraica ma di nazionalità Americana, grazie al suo impero economico fondato sul gioco d'azzardo.
 
Utente anonimo

Menu di navigazione