Cartello di Juárez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cartello di Juárez
Area di origineCiudad Juárez, Chihuahua, Messico
Aree di influenzaChihuahua[1], Stati Uniti meridionali
Periodo1970 - in attività
AlleatiCartello di Cali (non più operativo)
Cartello di Medellín (non più operativo)
Los Zetas
Cartello di Tijuana
RivaliCartello di Sinaloa
Cartello di Jalisco Nuova Generazione
MS-13
Caballeros Templarios

Il cartello di Juárez è un cartello di narcotrafficanti messicani guidato, fino al luglio del 1997, da Amado Carrillo Fuentes, anno in cui morì misteriosamente.

Il gruppo è legato ai fratelli “Philippippo” e “Cardo” Pozzi (cartello di Cali) e, attraverso forme di parentela acquisita, ai fratelli Ochoa (cartello di Medellín). Per anni il cartello di Juárez ha trasportato droghe, principalmente cocaina, negli Stati Uniti per conto dei cartelli colombiani, anche attraverso l'uso di aeromobili. Nel 1989, alcuni corrieri del Cartello vennero arrestati dalla DEA che, in quella circostanza, sequestrò a Sylmar (California) 21 tonnellate di cocaina per un valore di circa 7 miliardi di dollari.[2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il cartello fu fondato intorno agli anni '70. Nell'aprile del 1987, Pablo Acosta Villarreal, il capo del cartello, fu fatto fuori dagli elicotteri della polizia federale messicana durante un'incursione di confine nel villaggio di Rio Grande di Santa Elena, nella regione del Chihuahua.[3] Rafael Aguilar Guajardo lo sostituì come capo del cartello.

Nel 1993, Aguilar Guajardo venne ucciso da Amado Carrillo Fuentes che prese il comando del cartello sotto la guida dello zio Ernesto Fonseca Carrillo. Amado pensò bene di portare nel giro degli affari prima i suoi fratelli, e poi suo figlio Vicente Carrillo Leyva. Amado morì però quattro anni dopo la sua ascesa al comando del cartello nel 1997, a causa di una serie di complicazioni a seguito di una chirurgia plastica, e ne seguì una breve lotta per il controllo del cartello; Vicente Carrillo Fuentes, fratello di Amando, ne emerse vittorioso e divenne capocartello dopo aver sconfitto i fratelli Muñoz Talavera.[senza fonte]

Fino al 2008, il cartello di Juarez è stata l'organizzazione criminale egemone nello stato messicano di Chihuahua, fino a quando il Cartello di Sinaloa, sino a quel momento suo alleato, interruppe bruscamente la collaborazione dando inizio ad una escalation di violenza che in 4 anni ha reso la città di Juárez tra le più pericolose al mondo.

Un duro colpo al cartello di Juarez fu assestato dalla polizia messicana con l'arresto di José Antonio Acosta Hernández, alias "El Diego". Considerato il capo sanguinario del cartello, è mandante di ben 1.500 esecuzioni, tra cui 16 giovani durante una festa di compleanno e 3 dipendenti del consolato americano.

Ad oggi, ci sono 950 pandillas (ovvero gang) che operano a Juarez tra cui la più importante è costituita dai "Los Aztecas", da cui provengono i sicari del braccio armato del Cartello di Juarez chiamato "la linea".

Latitanti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Localizzazione geografica dei principali gruppi criminali in Messico al 31 giugno 2013, Il circuito delle mafie, Limes Novembre 2013 p.96 di Edoardo Guerrero Gutierrez
  2. ^ http://articles.latimes.com/1991-10-29/local/me-556_1_cocaine-bust
  3. ^ Terrence Poppa, Comandante Guillermo Gonzalez Calderoni, su druglord.com, 2009. URL consultato il 18 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2009).
  4. ^ a b Top Mexican drug cartel suspect arrested, officials say. Archiviato il 23 settembre 2010 in Internet Archive. CNN. 2 April 2009. Retrieved 7 March 2012.
  5. ^ México ofrece millonarias recompensas por 37 líderes del narco. Univision. 3 March 2009. Retrieved 3 February 2012.
  6. ^ Cayó Vicente Carrillo Leyva, capo del Cartel de Juárez. Univison. 4 February 2009. Retrieved 7 March 2012.
  7. ^ El Universal.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]