Slipknot (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Slipknot
Artista Slipknot
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 giugno 1999
Durata 58:05
Dischi 1
Tracce 14
Genere Heavy metal[1]
Alternative metal[1]
Rap metal[1]
Nu metal[1][2][3]
Etichetta Roadrunner
Produttore Ross Robinson
Slipknot (co-produzione)
Registrazione 1998-1999, Indigo Ranch, Malibù (California)
Formati CD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi di platino Australia Australia[4]
(vendite: 70 000+)
Canada Canada[5]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito[6]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[7]
(vendite: 2 000 000+)
Slipknot - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Wait and Bleed
    Pubblicato: 2000
  2. Spit It Out
    Pubblicato: 2000

Slipknot è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense omonimo, pubblicato il 29 giugno 1999 dalla Roadrunner Records.

Certificato disco d'oro in sole due settimane[8] e disco di platino in tre mesi negli Stati Uniti, l'album ha riscosso ottime vendite anche a livello mondiale, permettendo agli Slipknot le prime partecipazioni ai concerti dell'Ozzfest. Il disco riprende sia alcune tracce da un demo omonimo del 1998 che altre dall'album Mate. Feed. Kill. Repeat. (1996). Secondo la rivista Q, Slipknot è uno dei 50 album più aggressivi di tutti i tempi.[senza fonte] L'album è inoltre il primo pubblicato dalla Roadrunner Records ad ottenere il disco di platino.[9]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Le sonorità dell'album sono influenzate principalmente dal rap metal e dal nu metal tipico dei Korn e dei Deftones, riproposti però in forma molto più aggressiva[1][10][8] e molto vicina al death metal.[11] È infatti molto presente l'influenza di gruppi appartenenti a generi di metal estremo, come gli Slayer[3] e i Sepultura.[12] Il disco si fa notare anche per l'ampio utilizzo di percussioni nei brani, per l'abilità tecnica del batterista Joey Jordison, per le forti influenze thrash metal e per gli elementi provenienti da generi di musica elettronica, come industrial e drum and bass.[13][14]

La copertina dell'album mostra i componenti del gruppo tutti in maschera e con le tute da operaio, immagine che li ha resi famosi.[1][3]

Alle registrazioni del disco partecipò in prima istanza il chitarrista Josh Brainard, che abbandonò gli Slipknot a metà delle sessioni; al suo posto subentrò Jim Root.[15]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche degli Slipknot.

  1. 742617000027 – 0:36
  2. (sic) – 3:19
  3. Eyeless – 3:56
  4. Wait and Bleed – 2:27
  5. Surfacing – 3:38
  6. Spit It Out – 2:39
  7. Tattered & Torn – 2:53
  8. Me Inside – 2:39
  9. Liberate – 3:06
  10. Prosthetics – 4:58
  11. No Life – 2:47
  12. Diluted – 3:23
  13. Only One – 2:26
  14. Scissors – 19:18 – contiene la traccia fantasma Eeyore
Tracce bonus nell'edizione limitata[16]
  1. Scissors – 8:25
  2. Get This – 2:03
  3. Interloper (Demo) – 2:18
  4. Despise (Demo) – 14:35 – contiene la traccia fantasma Eeyore

10th Anniversary Edition (2009)[modifica | modifica wikitesto]

CD
  1. 742617000027 – 0:36
  2. (sic) – 3:20
  3. Eyeless – 3:56
  4. Wait and Bleed – 2:28
  5. Surfacing – 3:38
  6. Spit It Out – 2:40
  7. Tattered & Torn – 2:54
  8. Purity – 4:25
  9. Liberate – 3:07
  10. Prosthetics – 4:58
  11. No Life – 2:47
  12. Diluted – 3:23
  13. Only One – 2:26
  14. Scissors – 8:24
  15. Eyeore – 2:49
  16. Me Inside – 2:41
  17. Get This – 2:04
  18. Spit It Out (Hyper Version) – 2:25
  19. Spit It Out (Stamp You Out Mix) – 2:38
  20. (sic) (Molt-Injected Mix) – 3:27
  21. Wait and Bleed (Terry Date Mix) – 2:31
  22. Wait and Bleed (Demo) – 2:34
  23. Snap (Demo) – 2:42
  24. Interloper (Demo) – 2:19
  25. Despise (Demo) – 3:41
DVD
  1. of the (sic): Your Nightmares, Our Dreams – 52:23
  • Live at Dynamo 6.3.2000
  1. 742617000027 – 1:53
  2. (sic) – 3:24
  3. Eyeless – 5:04
  4. Wait and Bleed – 2:46
  5. No Life – 3:32
  6. Liberate – 4:02
  7. Purity – 4:38
  8. Prosthetics – 5:55
  9. Spit It Out – 6:09
  10. Get This – 2:41
  11. Surfacing – 4:18
  • Music Videos
  1. Spit It Out – 3:08
  2. Wait and Bleed – 3:09
  3. Surfacing – 3:58
  4. Wait and Bleed (Animated Version) – 3:10

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1999) Posizione
massima
Australia[17] 32
Finlandia[17] 30
Francia[17] 175
Nuova Zelanda[17] 49
Paesi Bassi[17] 42
Regno Unito[18] 37
Stati Uniti[19] 51
Stati Uniti (catalog albums)[20] 27
Stati Uniti (hard rock albums)[21] 7
Svezia[17] 53

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Slipknot - Slipknot su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  2. ^ Tommaso Iannini, 2003, p. 77
  3. ^ a b c R. Bertoncelli, 2006, p. 1086
  4. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2001 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  6. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 23 agosto 2015.
  8. ^ a b Gianni Della Cioppa, 2010, p. 97
  9. ^ (EN) Slipknot su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  10. ^ Daniel Bukszpan; Ronnie James Dio, 2003, p. 58
  11. ^ Lorenzo Zingaretti, Recensioni: Slipknot - Slipknot, Spaziorock.it, 25 luglio 2011. URL consultato il 22 novembre 2014.
  12. ^ Peter Buckley, 2003, p. 954
  13. ^ Luca Signorelli, 2001, p. 168
  14. ^ (EN) Loud Rock '99 in CMJ New Music Report, vol. 61, nº 649, CMJ Network, Inc., 10 gennaio 2000, p. 20, ISSN 0890-0795.
  15. ^ (EN) Jon Wiederhorn, Interview: Slipknot Look Back on the Making of Their Self-Titled Album, Revolver Magazine, 14 agosto 2015. URL consultato il 4 agosto 2015.
  16. ^ (EN) Slipknot – Slipknot (CD, Album, Limited Edition, Digipak) su Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  17. ^ a b c d e f (NL) Slipknot - Slipknot, Ultratop. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  18. ^ (EN) 1999 Top 40 Official Albums Chart UK Archive - 10th July 1999, Official Charts Company. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  19. ^ (EN) Slipknot - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  20. ^ (EN) Slipknot - Chart history (Catalog Albums), Billboard. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  21. ^ (EN) Slipknot - Chart history (Hard Rock Albums), Billboard. URL consultato il 13 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Bertoncelli, Cris Thellung, Ventiquattromila dischi. Guida a tutti i dischi degli artisti e gruppi più importanti, Baldini Castoldi Dalai, 2006, ISBN 978-88-6018-151-0.
  • (EN) Peter Buckley, The rough guide to rock, Rough Guides, 2003, ISBN 1-84353-105-4.
  • Daniel Bukszpan, Ronnie James Dio, The Encyclopedia of Heavy Metal, Barnes & Noble Publishing, 2003, ISBN 0-7607-4218-9.
  • Gianni Della Cioppa, Heavy Metal. I contemporanei, Giunti Editore, 2010, ISBN 978-88-09-74962-7.
  • Tommaso Iannini, Nu metal, Giunti Editore, 2003, ISBN 88-09-03051-6.
  • Luca Signorelli, Metallus. Il libro dell'heavy metal, Giunti Editore, 2001, ISBN 88-09-02230-0.
heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal