Joey Jordison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joey Jordison
JoeyJordison.jpg
Joey Jordison nel 2008
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative metal[1]
Nu metal[2][3][4]
Industrial metal[5]
Punk metal[6]
Rap metal[6]
Death metal[4]
Periodo di attività 1992 – in attività
Strumento batteria, percussioni, chitarra, basso
Etichetta Roadrunner
Gruppo attuale Vimic
Gruppi precedenti Slipknot, Murderdolls, Roadrunner United, Modifidious, Anal Blast
Album pubblicati 13
Studio 7
Live 5
Raccolte 1
Sito web

Nathan Jonas Jordison (Des Moines, 26 aprile 1975) è un batterista e polistrumentista statunitense, membro cofondatore del gruppo alternative metal Slipknot fino al 2013, anno in cui ha fondato gli Scar the Martyr (ora Vimic).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato al Mercy Hospital di Des Moines (Iowa) il 26 aprile 1975,[7] Jordison ha passato la sua infanzia in un'area rurale vicino a Waukee, dove era solito giocare a pallacanestro nella strada davanti a casa sua. I primi contatti con la musica arrivarono in tenera età, attribuendo questo all'influenza dei suoi genitori: "loro erano soliti farmi sedere davanti alla radio, invece che alla TV."[7] Da quel momento cominciò a suonare la chitarra, fino a quando non ricevette una batteria come regalo dai suoi genitori per il suo ottavo compleanno.[7] In quegli anni inoltre, i suoi genitori divorziarono; lui e le sue due sorelle più giovani scelsero di stare con la madre,[7] la quale si risposò successivamente. Jordison affermò di aver sentito un'improvvisa responsabilità di essere l'uomo di casa, e questa responsabilità lo rendeva odioso mentre suonava la batteria.[7] Durante l'adolescenza, si esibì dal vivo come membro di supporto di gruppi locali come gli Atomic Opera, gruppo comprendente Jim Root, e gli Heads on the Wall, che comprendeva Shawn Crahan.[7]

Dopo aver lasciato la scuola, Jordison fu assunto in un negozio di musica chiamato Musicland. Nel marzo 1994, dopo una raccomandazione da un suo amico, trovò un lavoro alla Sinclair Oil Corporation di Urbandale, nella quale lavorò soltanto nei turni notturni, in quanto durante il giorno preferiva spendere il suo tempo con i suoi amici e per ascoltare la musica.[7] Agli inizi del 1995, entrò nei The Rejects come chitarrista, suonando soltanto in un paio di concerti. Jordison entrò anche un gruppo composto da Paul Gray e dal cantante Don Decker e chiamato Anal Blast.[8] Durante i primi momenti della formazione degli Slipknot, Gray reclutò Jordison in gruppo punk chiamato Have Nots nella primavera 1996; Jordison successivamente abbandonò il gruppo l'anno successivo per concertarsi sugli Slipknot, ma tuttavia riformò i The Rejects fino a quando gli Slipknot non cominciarono le registrazioni per l'omonimo album di debutto, alla quale prese parte anche Gray non appena gli Have Nots si sciolsero.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Slipknot[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Slipknot.
Joey Jordison in concerto con gli Slipknot nel 2008 al Mayhem Festival

Il 28 novembre 1995, Mark Anthony Cadavos avvicinò Jordison mentre quest'ultimo stava lavorando, offrendogli un posto in nuovo progetto chiamato The Pale Ones.[8] Interessato e in momento in cui si definiva "perso",[7] Jordison fece alcuni provini nella stanza di Anders Colsefini e subito dopo mostrò il proprio interesse ad entrare nel gruppo. Riguardo a quel momento, "ricordo che tentavo difficilmente di non sorridere, quindi non mostrai la mia voglia di entrare, rimanevo impassibile, ma pensavo che alla fine erano loro a decidere."[7] Gli Slipknot sarebbero diventati i pionieri del New Wave of American Heavy Metal.[9][10]

All'interno del gruppo, ogni componente ha un numero che lo identifica e quello di Jordison è il numero 1.[11] Con il gruppo ha prodotto anche l'album dal vivo 9.0: Live (2005).[12] Nell'agosto 2008, Jordison ruppe la sua anca, costringendo gli Slipknot a cancellare molte date che avrebbero dovuto tenere nel Regno Unito,[13] mentre il 22 agosto 2009, Jordison venne portato d'emergenza al pronto soccorso per un'appendicite, meno di un'ora prima che il gruppo si esibisse al concerto organizzato dalla stazione radio KISW-FM.[14][15] A causa di questo, gli Slipknot cancellarono tutte le date programmate tra agosto e settembre, in modo da dare il tempo a Jordison di recuperare.

Nel 2010, Jordison venne votato come il miglior batterista degli ultimi 25 anni dai lettori di Rhythm, battendo altri batteristi del calibro di Mike Portnoy, Neil Peart, Phil Collins o Dave Grohl. Quando gli fu chiesto di commentare, egli ammise di essere "a corto di parole. Questo è al di là dell'incredibile. Qualcosa di simile mi ricorda ogni giorno perché io continuo a fare questo."[16][17]

Il 12 dicembre 2013 gli Slipknot annunciano attraverso il proprio sito ufficiale che Jordison ha deciso di abbandonare il gruppo per motivi personali.[18] In un'intervista apparsa su Team Rock il 21 giugno 2016 Jordison ha rivelato che la separazione dal gruppo era stata conseguenza di una severa malattia, la mielite trasversa acuta, che lo aveva colpito nell'agosto 2012 e che aveva richiesto mesi di ricovero, terapie e riabilitazione, smentendo le voci che lo davano affetto da dipendenze da alcool o droghe.[19]

Murderdolls[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Murderdolls.

Mentre stava partecipando all'Ozzfest 2001 per supportare Iowa, Jordison incontrò l'allora chitarrista degli Static-X Tripp Eisen e i due discussero sulla creazione di un side-project.[20] Nel 2002, Jordison riportò in vita i The Rejects, rinominando il gruppo in Murderdolls.[21] Jordison divenne il chitarrista dei Murderdolls, e reclutò al basso Wednesday 13 dei Frankenstein Drag Queens from Planet 13. Wednesday 13 divenne successivamente il cantante del gruppo, mentre il batterista Ben Graves e il bassista Eric Griffin completarono la formazione.[22] Sempre nel 2002, i Murderdolls firmarono per la Roadrunner Records e pubblicarono l'EP Right to Remain Violent, seguito ad agosto dello stesso anno dal primo album in studio Beyond the Valley of the Murderdolls.[23] I testi del gruppo si basano sui film horror, quali Venerdì 13 e La notte dei morti viventi.[24]

Jordison e Wednesday 13 riformarono i Murderdolls nel 2010,[25] pubblicando il secondo album Women and Children Last il 31 agosto 2010.[26] In un'intervista di marzo 2013, Wednesday 13 confermò che il gruppo è stato ufficialmente sciolto.

Scar the Martyr e Vimic[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Vimic.

Nell'aprile 2013, alcune voci si soffermarono un progetto creato da Jordison, Jed Simon e da Kris Norris. Successivamente, fu confermato che Jordison avrebbe suonato gran parte della strumentazione e che Chris Vrenna e Henry Derek sarebbero entrati nel gruppo rispettivamente come tastierista e cantante. Il 21 giugno giunse la conferma da Jordison che il gruppo si sarebbe chiamato Scar the Martyr.[27]

Il 5 maggio 2016 Jordison ha rivelato il cambiamento del nome del gruppo in Vimic, che include nella formazione anche il cantante Kalen Chase Musmecci e tre componenti degli Scar the Martyr, il chitarrista Jed Simon, il bassista Kyle Konkiel e il tastierista Matthew Tarach.[28]

Maschera[modifica | modifica wikitesto]

Jordison creò la propria maschera una volta tornato a casa ubriaco da una festa di Halloween al college. Per la sua creazione si è ispirato a quella con cui la madre lo spaventò a morte sempre nello stesso giorno di Halloween durante la sua adolescenza. Più in particolare la sua maschera si ispira al volto di Gesù Cristo in quanto ha dei tagli sul viso e spesso Jordison vi indossa sopra una corona di spine. Dal giorno della sua creazione, dopo che la madre infuriata la prese e gettò nel cestino della spazzatura, il batterista non abbandonò più la maschera fino al 2008, quando la modificò da bianca-nera a bianca-marrone.[senza fonte]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Jordison ha contribuito vocalmente al brano Stitch Her Further dei Necrophagia, presente in Harvest Ritual: Vol 1. Il batterista è inoltre apparso nel videoclip di Tainted Love dei Marilyn Manson e ha suonato la batteria in diversi brani del secondo album degli Otep, House of Secrets. Ha inoltre contribuito alla creazione di alcuni esemplari di bacchette tra cui le Pro-Mark 515 (il suo signature model) in una maniera molto singolare: si è fatto prelevare due provette di sangue e successivamente ha mischiato il liquido all'impasto adoperato per la marchiatura delle bacchette e le Ahead Joey 1 (adesso non più in commercio). Ha disegnato per la Pearl un rullante in acciaio 13"x6,5" (JJ-1365) con una finitura satinata nera con decorazioni incise.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Slipknot[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia degli Slipknot.

Con i Murderdolls[modifica | modifica wikitesto]

Con i Vimic[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensioni: Scar the Martyr - Scar the Martyr, Spaziorock.it. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  2. ^ Tommaso Iannini, Nu metal, Giunti Editore, 2003, pp. 65; 76-77, ISBN 88-09-03051-6. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  3. ^ Peter Buckley, 2003, p. 954
  4. ^ a b (EN) Slipknot, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  5. ^ (EN) 'Scar The Martyr' – Album Review, Fearnet.com. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  6. ^ a b (EN) Murderdolls, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  7. ^ a b c d e f g h i j Jason Arnopp, Slipknot: Inside the Sickness, Behind the Masks, Ebury, 2001, ISBN 0-09-187933-7.
  8. ^ a b Mark Crampton, Barcode Killers: The Slipknot Story in Words and Pictures, Chrome Dreams, 2001, p. 15, ISBN 1-84240-126-2.
  9. ^ (EN) 'New Wave Of American Heavy Metal' Book Documents Over 600 Bands, Blabbermouth.net, 30 novembre 2005. URL consultato il 22 giugno 2013.
  10. ^ (EN) LAMB OF GOD - Burn The Priest, MetalExpressRadio.com. URL consultato il 22 giugno 2013.
  11. ^ (EN) Slipknot, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2013.
  12. ^ (EN) 9.0 Live - Slipknot : Credits, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2013.
  13. ^ (EN) Slipknot pull out of UK festival, BBC.co.uk, 20 agosto 2008. URL consultato il 22 giugno 2013.
  14. ^ (EN) 'Burst Appendix' Felled SLIPKNOT Drummer, Sources Say, Blabbermouth.net, 27 agosto 2009. URL consultato il 22 giugno 2013.
  15. ^ (EN) Slipknot drummer suffers a "burst appendix", Kerrang.com, 29 agosto 2009. URL consultato il 22 giugno 2013.
  16. ^ (EN) Slipknot drummer Joey Jordison is 'best in 25 years', Telegraph.co.uk, 29 agosto 2010. URL consultato il 22 giugno 2013.
  17. ^ (EN) Slipknot drummer Joey Jordison tops magazine poll, BBC.co.uk, 29 agosto 2010. URL consultato il 22 giugno 2013.
  18. ^ (EN) Robert Pasbani, SLIPKNOT Part Ways with Drummer Joey Jordison, MetalInjection.net, 13 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  19. ^ (EN) The real story behind why Joey Jordison left Slipknot – but came back stronger, Team Rock, 21 giugno 2016. URL consultato il 9 maggio 2017.
  20. ^ (EN) Murderdolls, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2013.
  21. ^ Joe McIver, Slipknot: Unmasked (Again), Omnibus, 2003, p. 108, ISBN 0-7119-9764-0.
  22. ^ (EN) Eric Waggoner, Merry-Gore-Round, MetroTimes.com, 7 agosto 2002. URL consultato il 22 giugno 2013.
  23. ^ (EN) Official Artist Biography, RoadrunnerRecords.com. URL consultato il 22 giugno 2013.
  24. ^ (EN) Joey Jordison, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2013.
  25. ^ (EN) Carlos Ramirez, Murderdolls, 'Women and Children Last' -- New Album, Noisecreep.com, 24 marzo 2010. URL consultato il 22 giugno 2013.
  26. ^ (EN) Murderdolls: New Song Preview Available, BraveWords.com, 9 agosto 2010. URL consultato il 22 giugno 2013.
  27. ^ (EN) Mary Ouellette, Slipknot Drummer Joey Jordison Reveals New Project Scar the Martyr, Loudwire, 21 giugno 2013. URL consultato il 22 giugno 2013.
  28. ^ (EN) Former SLIPKNOT Drummer JOEY JORDISON Launches New Band VIMIC, Blabbermouth.net, 5 maggio 2016. URL consultato il 13 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN80086356 · GND: (DE135290333