Stone Sour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stone Sour
Gli Stone Sour all'Heineken Jammin' Festival del 2007
Gli Stone Sour all'Heineken Jammin' Festival del 2007
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative metal[1]
Post-grunge
Hard rock[1]
Periodo di attività 19921997
2002in attività
Album pubblicati 6
Studio 5
Live 1
Gruppi e artisti correlati Slipknot
Sito web
StoneSour.png

Gli Stone Sour sono un gruppo alternative metal statunitense, formatosi a Des Moines, Iowa, nel 1992.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1992-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stone Sour dal vivo nel 2007

Il gruppo venne fondato dal cantante Corey Taylor e dal batterista Joel Ekman. Il suo nome deriva da quello di un cocktail, e significa letteralmente "acido di pietre". Inizialmente il gruppo ebbe dei problemi interni, anche perché fino al 1995 non riuscì ad avere un chitarrista stabile, fino a quando Jim Root non fece la sua comparsa. In un primo momento Root non volle farne parte, ma dopo aver sentito alcuni brani del gruppo, cambiò radicalmente idea. Così gli Stone Sour giunsero ad una formazione stabile con Corey Taylor al microfono, Joel Ekman alla batteria, Jim Root e Josh Rand alle chitarre e Shawn Economaki al basso.

Dopo tre anni di ricerche per un contratto discografico, nel 1995 Taylor e Root abbandonarono il gruppo per unirsi agli Slipknot, provenienti anch'essi da Des Moines e presto divenuti tra i capofila del genere nu metal. I componenti rimasti registrarono nel 2000 Click Here to Exit, un album mai pubblicato e contenente 13 tracce e che permise al gruppo di firmare un contratto con la Roadrunner Records. Molte di queste tracce (Get Inside, Bother, Idle Hands e Omega) furono inserite nell'album di debutto del 2002 mentre altre tre tracce (Kill Everybody, The Wicked e Road Hog) apparvero nei singoli estratti dal primo album.

Stone Sour (2002-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Josh Rand in concerto nel 2010

Nel 2002 Taylor e Root decisero di contattare Rand e Economaki per la realizzazione di un album e non appena rientrati in studio, gli Stone Sour incisero l'omonimo album di debutto, prodotto dalla Roadrunner Records (già responsabile del successo degli Slipknot); il disco ottenne un buon successo e fu certificato dalla RIAA disco d'oro.[1] Inoltre il brano Bother fu inserito nella colonna sonora del film Spider-Man (sebbene il brano sia stato accreditato al solo Taylor).[1]

Gli Stone Sour realizzarono anche un breve tour per promuovere l'album, dopodiché entrarono in pausa a causa degli impegni di Taylor e di Root con gli Slipknot per la realizzazione dell'album Vol. 3: (The Subliminal Verses), pubblicato nel 2004.[1]

Come What(ever) May (2006-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 2006 il gruppo si riunì per la registrazione di un secondo album, intitolato Come What(ever) May e pubblicato il 1º agosto dello stesso anno. Durante le prime fasi di registrazione del disco Ekman abbandonò il gruppo e fu sostituito da Roy Mayorga (ex-batterista dei Soulfly e dei Amebix). Le parti di batteria registrate nel brano 30/30-150 furono curate dal batterista dei Godsmack Shannon Larkin.[2] Anche per questo album seguì un tour promozionale composto da diverse date, tra cui il Family Values Tour del 2006 a cui hanno partecipato Korn e Deftones.[1]

Il 26 giugno 2007 uscì un'edizione speciale dell'album, contenente sei tracce aggiuntive e un DVD intitolato Live in Moscow,[3] il quale uscì digitalmente sull'iTunes Store statunitense il 14 agosto dello stesso anno.[4]

Audio Secrecy (2009-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 febbraio 2009 Corey Taylor rivelò che gli Stone Sour avrebbero lavorato a un nuovo album a partire dall'autunno 2009[5] per poi confermare in un'altra intervista che il gruppo sarebbe entrato in studio nel gennaio 2010 per le prime fasi di registrazioni dell'album, fissato per l'estate 2010.[6] Il disco, a detta di Taylor, è stato descritto come "più oscuro di Come What(ever) May, ma molto più melodico, molto più forte, molto più maturo e i testi che stanno venendo fuori sono molto buoni".

Dopo aver annunciato Rob Cavallo alla produzione dell'album,[7] il gruppo decise tuttavia di affidarsi nuovamente a Nick Raskulinecz,[8] produttore dell'album precedente. Il 10 maggio 2010 gli Stone Sour annunciarono il titolo dell'album, Audio Secrecy, e la data di pubblicazione, fissata per il 7 settembre 2010. Il 24 settembre 2011 prendono parte al Rock in Rio con l'ex-batterista dei Dream Theater Mike Portnoy in temporanea sostituzione di Roy Mayorga.[9]

House of Gold & Bones (2012-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: House of Gold & Bones Part 1 e House of Gold & Bones Part 2.

Il 12 giugno 2012 gli Stone Sour hanno annunciato la pubblicazione di un quarto album, intitolato House of Gold & Bones. Tale disco è stato presentato come un concept album suddiviso in due parti: la prima parte è stata pubblicata il 22 ottobre 2012 mentre la seconda parte è stata pubblicata il 9 aprile 2013.[10]

Il 17 maggio 2014 viene annunciato che il chitarrista Jim Root ha lasciato il gruppo, per dedicarsi alla registrazione del quinto album degli Slipknot.[11] A ricoprire il posto di chitarrista è stato Christian Martucci.

Meanwhile in Burbank... (2014-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di febbraio 2014 il gruppo ha realizzato presso il Room 237 di Burbank una reinterpretazione del brano The Dark dei Metal Church, successivamente pubblicato il 6 febbraio 2015 all'interno della colonna sonora del film Fear Clinic, diretto da Corey Taylor.[12] Tale reinterpretazione ha svolto da base per una realizzazione di un album di cover da parte del gruppo, il cui titolo, rivelato da Taylor il 30 ottobre 2014, è Meanwhile in Burbank....[13]

Pubblicato il 18 aprile 2015, in concomitanza con il Record Store Day, il disco è un EP composto da cinque reinterpretazioni di altrettanti brani originariamente interpretati dai Judas Priest, Kiss, Alice in Chains, Metallica e Black Sabbath.[14] Ad anticiparne la pubblicazione è stata la reinterpretazione del brano dei Metallica Creeping Death, resa disponibile per l'ascolto a partire dal 13 aprile.[15]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia degli Stone Sour.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Stone Sour su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  2. ^ Informazione presente nel libretto di Come What(ever) May.
  3. ^ (EN) Come What(ever) May (Special Edition) su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) Live In Moscow, iTunes.com. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  5. ^ COREY TAYLOR - Prima gli Stone Sour, poi l'album solista : Groovebox.it
  6. ^ STONE SOUR - A gennaio in studio, album forse in estate : Groovebox.it
  7. ^ STONE SOUR - Scelto il produttore di Green Day : Groovebox.it
  8. ^ STONE SOUR - Cambiano idea sul produttore : Groovebox.it
  9. ^ (EN) Mike Portnoy to fill in for Roy Mayorga, StoneSour.com. URL consultato il 18 aprile 2012.
  10. ^ Stone Sour - Album update from Corey
  11. ^ (EN) Stone Sour, As some of you might have heard by now, Stone Sour and Jim Root have indeed parted ways..., Facebook, 17 maggio 2014. URL consultato il 18 maggio 2014.
  12. ^ (EN) Video: STONE SOUR's Cover Version Of METAL CHURCH's 'The Dark', Blabbermouth.net, 9 febbraio 2015. URL consultato il 3 marzo 2015.
  13. ^ (EN) COREY TAYLOR Reveals Title Of STONE SOUR's Upcoming Covers Album, Blabbermouth.net, 30 ottobre 2014. URL consultato il 3 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Graham 'Gruhamed' Hartmann, Stone Sour Cover Metallica, KISS + More for Covers EP, Loudwire, 2 marzo 2015. URL consultato il 3 marzo 2015.
  15. ^ (EN) Brandon Geist, Hear Stone Sour's Crushing Cover of Metallica's 'Creeping Death', Rolling Stone, 13 aprile 2015. URL consultato il 14 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]