Sistema numerico vigesimale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I numeri Maya sono un sistema in base-20.

Il sistema numerico vigesimale o in base-20 si basa sul "venti" (nello stesso modo in cui il sistema numerico decimale si basa sul "dieci").

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

In un sistema posizionale vigesimale, vengono utilizzati venti numeri individuali (o simboli numerici), dieci in più rispetto al comune sistema decimale. Un metodo moderno per trovare i simboli extra necessari è scrivere dieci come la lettera A20 (il 20 significa "in base 20"), scrivere diciannove come J20 e i numeri compresi con le corrispondenti lettere dell'alfabeto. Questo è simile alla pratica informatica comune di scrivere numeri esadecimali oltre il 9 con le lettere "A – F". Un altro metodo meno comune ignora la lettera "I", al fine di evitare confusione tra I20 come diciotto e uno, in modo che il numero diciotto sia scritto come J20 e diciannove sia scritto come 20 . Il numero venti è scritto come 1020.

Tabella di conversione[modifica | modifica wikitesto]

Tavola pitagorica vigesimale
1 2 3 4 5 6 7 8 9 A B C D E F G H I J 10
2 4 6 8 A C E G I 10 12 14 16 18 1A 1C 1E 1G 1I 20
3 6 9 C F I 11 14 17 1A 1D 1G 1J 22 25 28 2B 2E 2H 30
4 8 C G 10 14 18 1C 1G 20 24 28 2C 2G 30 34 38 3C 3G 40
5 A F 10 15 1A 1F 20 25 2A 2F 30 35 3A 3F 40 45 4A 4F 50
6 C I 14 1A 1G 22 28 2E 30 36 3C 3I 44 4A 4G 52 58 5E 60
7 E 11 18 1F 22 29 2G 33 3A 3H 44 4B 4I 55 5C 5J 66 6D 70
8 G 14 1C 20 28 2G 34 3C 40 48 4G 54 5C 60 68 6G 74 7C 80
9 I 17 1G 25 2E 33 3C 41 4A 4J 58 5H 66 6F 74 7D 82 8B 90
A 10 1A 20 2A 30 3A 40 4A 50 5A 60 6A 70 7A 80 8A 90 9A A0
B 12 1D 24 2F 36 3H 48 4J 5A 61 6C 73 7E 85 8G 97 9I A9 B0
C 14 1G 28 30 3C 44 4G 58 60 6C 74 7G 88 90 9C A4 AG B8 C0
D 16 1J 2C 35 3I 4B 54 5H 6A 73 7G 89 92 9F A8 B1 BE C7 D0
E 18 22 2G 3A 44 4I 5C 66 70 7E 88 92 9G AA B4 BI CC D6 E0
F 1A 25 30 3F 4A 55 60 6F 7A 85 90 9F AA B5 C0 CF DA E5 F0
G 1C 28 34 40 4G 5C 68 74 80 8G 9C A8 B4 C0 CG DC E8 F4 G0
H 1E 2B 38 45 52 5J 6G 7D 8A 97 A4 B1 BI CF DC E9 F6 G3 H0
I 1G 2E 3C 4A 58 66 74 82 90 9I AG BE CC DA E8 F6 G4 H2 I0
J 1I 2H 3G 4F 5E 6D 7C 8B 9A A9 B8 C7 D6 E5 F4 G3 H2 I1 J0
10 20 30 40 50 60 70 80 90 A0 B0 C0 D0 E0 F0 G0 H0 I0 J0 100
Decimale Vigesimale
0 0
1 1
2 2
3 3
4 4
5 5
6 6
7 7
8 8
9 9
10 A
11 B
12 C
13 D
14 E
15 F
16 G
17 H
18 I J
19 J K

Secondo questa notazione:

20 significa quaranta in decimale = (2 × 201) + (0 × 200)
D0 significa duecentosessanta in decimale = (13 × 201) + (0 × 200)
100 significa quattrocento in decimale = (1 × 202) + (0 × 201) + (0 × 200) .
Nel resto di questa voce, i numeri sono espressi in notazione decimale, se non diversamente specificato. Ad esempio, 10 significa dieci, 20 significa venti. I numeri in notazione vigesimale usano la convenzione per cui I significa "diciotto" e J significa "diciannove".

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Poiché 20 è divisibile per due e cinque ed è adiacente a 21, il prodotto di tre e sette, coprendo così i primi quattro numeri primi, molte frazioni vigesimali hanno rappresentazioni semplici (sebbene i terzi siano più complicati che in decimale, ripetendo due cifre anziché una). In decimale, dividendo per tre due volte (noni) dà un periodo a una sola cifra 1/9 = 0,1111 .... per esempio) perché 9 è il numero inferiore a dieci. 21, tuttavia, il numero adiacente a 20 che è divisibile per 3, non è divisibile per 9. I noni in vigesimale hanno periodi di sei cifre. Poiché 20 ha gli stessi fattori primi di 10 (due e cinque), una frazione termina in decimale se e solo se termina in vigesimale.

In decimale

Fattori primi della base: 2, 5

Fattori primi sotto la base: 3

Fattori primi sopra la base: 11
In vigesimale

Fattori primi della base: 2, 5

Fattori primi sotto la base: J

Fattori primi sopra la base: 3, 7
Frazione Fattori primi

del denominatore
Rappresentazione posizionale Rappresentazione posizionale Fattori primi

del denominatore
Frazione
1/2 2 0.5 0.A 2 1/2
1/3 3 0.3333... = 0.3 0.6D6D... = 0.6D 3 1/3
1/4 2 0.25 0.5 2 1/4
1/5 5 0.2 0.4 5 1/5
1/6 2, 3 0.16 0.36D 2, 3 1/6
1/7 7 0.142857 0.2H 7 1/7
1/8 2 0.125 0.2A 2 1/8
1/9 3 0.1 0.248HFB 3 1/9
1/10 2, 5 0.1 0.2 2, 5 1/A
1/11 11 0.09 0.1G759 B 1/B
1/12 2, 3 0.083 0.1D6 2, 3 1/C
1/13 13 0.076923 0.1AF7DGI94C63 D 1/D
1/14 2, 7 0.0714285 0.18B 2, 7 1/E
1/15 3, 5 0.06 0.16D 3, 5 1/F
1/16 2 0.0625 0.15 2 1/G
1/17 17 0.0588235294117647 0.13ABF5HCIG984E27 H 1/H
1/18 2, 3 0.05 0.1248HFB 2, 3 1/I
1/19 19 0.052631578947368421 0.1 J 1/J
1/20 2, 5 0.05 0.1 2, 5 1/10

Numeri ciclici[modifica | modifica wikitesto]

La scomposizione in fattori primi di venti è 22   ×   5, quindi non è una potenza perfetta. Tuttavia, la sua parte quadrata libera, 5, è congruente a 1 (mod 4). Pertanto, secondo la congettura di Artin sulle radici primitive, il vigesimale ha infinitamente molti numeri primi ciclici, ma la frazione di numeri primi ciclici non è necessariamente del 37,395%. Un programma UnrealScript che calcola le lunghezze dei periodi ricorrenti di varie frazioni in un dato insieme di basi ha scoperto che, dei primi 15.456 numeri primi, ~ 39.344% sono ciclici in vigesimale.

Numeri reali[modifica | modifica wikitesto]

Numero algebrico irrazionale In decimale In vigesimale
√ 2 (la lunghezza della diagonale di un quadrato con lato unitario ) 1,41421356237309. . . 1.85DE37JGF09H6. . .
√ 3 (la lunghezza della diagonale di un cubo con spigolo unitario) 1,73205080756887. . . 1. ECG82BDDF5617. . .
√ 5 (la lunghezza della diagonale di un rettangolo 1   ×   2 ) 2,2360679774997. . . 2.4E8AHAB3JHGIB. . .
φ (phi, il rapporto aureo = 1+Template:Radical/2 1,6180339887498. . . 1. C7458F5BJII95. . .
Numero irrazionale trascendentale In decimale In vigesimale
π (pi, il rapporto tra circonferenza e diametro) 3,14159265358979. . . 3.2GCEG9GBHJ9D2. . .
e (la base del logaritmo naturale) 2,7182818284590452. . . 2. E7651H08B0C95. . .
γ (la differenza limite tra la serie armonica e il logaritmo naturale) ,5772156649015328606. . . 0. BAHEA2B19BDIBI. . .

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

In molte lingue europee, 20 è usato come base, almeno per quanto riguarda la struttura linguistica dei nomi di determinati numeri (sebbene un sistema vigesimale coerente e completo, basato sui poteri 20, 400, 8000 ecc., non sia generalmente usato).

Africa[modifica | modifica wikitesto]

I sistemi vigesimali sono comuni in Africa, ad esempio in lingua yoruba.

Ogún, 20, è il blocco numerico di base.

Ogójì, 40, (Ogún-meji) = 20 moltiplicato per 2 (èjì).

Ogota, 60, (Ogún-mẹ̀ta) = 20 moltiplicato per 3 (ẹ̀ta).

Ogorin, 80, (Ogún-mẹ̀rin) = 20 moltiplicato per 4 (ẹ̀rin).

Ogorun, 100, (Ogún-màrún) = 20 moltiplicato per 5 (àrún).

16 (Ẹẹ́rìndílógún) = 4 in meno di 20.

17 (Etadinlogun) = 3 in meno di 20.

18 (Eejidinlogun) = 2 in meno di 20.

19 (Okandinlogun) = 1 in meno di 20.

21 (Okanlelogun) = 1 in più di 20.

22 (Eejilelogun) = 2 in più di 20.

23 (Etalelogun) = 3 in più di 20.

24 (Erinlelogun) = 4 in più di 20.

25 (Aarunlelogun) = 5 in più di 20.

Americhe[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sistema di numerazione maya, Calendario maya, Lingue maya, Lingua maya yucateca e Lingua nahuatl.
  • Venti era una base nei sistemi numerici Maya e Aztechi. I Maya usarono i seguenti nomi per le potenze del venti: kal (20), bak (20 2 = 400), pic (20 3 = 8.000), calab (20 4 = 160.000), kinchil (20 5 = 3.200.000) e alau (20 6 = 64.000.000). . Gli Aztechi li chiamavano: cempoalli (1 × 20), centzontli (1 × 400), cenxiquipilli (1 × 8.000), cempoalxiquipilli (1 × 20 × 8.000 = 160.000), centzonxiquipilli (1 × 400 × 8.000 = 3.200.000) e cempoaltzonxiquipilli (1 × 20 × 400 × 8.000 = 64.000.000). Si noti che il prefisso ce(n/m) significa "uno" e viene sostituito con il numero corrispondente per ottenere i nomi di altri multipli della potenza. Ad esempio, ome (2) × poalli (20) = ompoalli (40), ome (2) × tzontli (400) = ontzontli (800). Il -li in poalli (e xiquipilli ) e il -tli in tzontli sono suffissi grammaticali dei nomi; quindi poalli, tzontli e xiquipilli si compongono come poaltzonxiquipilli (invece di * poallitzontlixiquipilli).
  • I Tlingit usano la base 20.
Numeri Inuit
  • I numeri dei Kaktovik Inupiaq usano un sistema in base 20. Nel 1994, degli studenti di Kaktovik, in Alaska, inventarono i "numeri di Kaktovik Inupiaq". Prima che i numeri fossero stati sviluppati, i nomi in Inuit erano caduti in disuso.[2]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dzongkha, la lingua nazionale del Bhutan, ha un sistema vigesimale completo, con numerali per le potenze di venti 20, 400, 8.000 e 160.000.
  • Inoltre, una lingua parlata nelle colline del Garo meridionale dello stato di Meghalaya, nell'India nord-orientale e nelle aree adiacenti del Bangladesh, ha un sistema vigesimale che oggi è considerato arcaico.[3]
  • In lingua santali, una lingua Munda dell'India, "cinquanta" è espresso dalla frase bār isī gäl, letteralmente "due venti dieci".[4] Allo stesso modo, in Didei, un'altra lingua munda parlata in India, i numeri complessi sono decimali fino al 19 e decimali-vigesimali fino al 399.[5]
  • Il sistema numerico Burushaski è in base 20. Ad esempio, 20 altar, 40 alto-altar (2 volte 20), 60 iski-altar (3 volte 20) ecc.
  • Nell'Asia orientale, anche il linguaggio Ainu utilizza un sistema di conteggio basato sul numero 20. hotnep è 20, wanpe etu hotnep ("altri dieci prima dei due venti") è 30, tu hotnep ("due venti") è 40, ashikne hotnep ("cinque venti") è 100. Anche la sottrazione viene utilizzata, ad es. shinepesanpe ("uno per arrivare a dieci") è 9.
  • La Lingua ciukcia ha un sistema numerico vigesimale.[6]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono prove dell'uso della base 20 nella lingua māori della Nuova Zelanda, come si vede nei termini Te Hokowhitu a Tu che si riferisce a un partito di guerra (letteralmente "i sette 20 di Tu") e Tama-hokotahi, che si riferisce a un grande guerriero ("un unico uomo che vale come 20").

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Vigesimal deriva dall'aggettivo latino vicesimus .

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

  • Venti (vingt) è usato come base in lingua francese nei nomi dei numeri da 70 a 99, tranne nel francese di Belgio, Svizzera, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Valle d'Aosta e Isole del Canale. Per esempio, "quatre-vingts", parola francesce per "80", significa letteralmente "quattro-venti"; soixante-dix, "70", è letteralmente "sessanta-dieci"; "soixante-quinze" ("75") è "sessanta-quindici"; quatre-vingt-sept ("87") è "quattro-venti-sette"; quatre-vingt-seize ("96") è "quattro-venti-sedici", eccetera. Invece nelle altre varianti del francese 70 e 90 hanno in genere i nomi septante e nonante. Pertanto, l'anno 1996 è "mille neuf cent quatre-vingt-seize" nel francese nazionale, ma "mille neuf cent nonante-six" nel francese belga. In Svizzera, "80" può essere quatre-vingts (Ginevra, Neuchâtel, Jura) o huitante (Vaud, Valais, Friburgo); octante è anche usato nelle regioni rurali del sud della Francia.
  • Venti (tyve) è usato come base in lingua danese per i numeri da 50 a 99. Per esempio, "tres" (abbreviazione di "tresindstyve") significa "3 volte 20", cioé 60. Tuttavia, i numerali danesi non sono vigesimali in quanto sono solo i nomi di alcune decine che sono formati etimologicamente in sistema vigesimale.
  • Venti (ugent) è usato come base in lingua bretone nei nomi dei numeri da 40 a 49 e da 60 a 99. Per esempio, "daou-ugent" significa "2 volte 20", cioé 40, e "triwec'h ha pevar-ugent" (letteralmente "tre-sei e quattro-venti") significa 3×6 + 4×20, cioè 98. Invece 30 è "tregont" e non "dek ha ugent" ("dieci e venti"), e 50 è "hanter-kant" ("mezzo centinaio").
  • Venti (ugain) è usato come base in lingua gallese, anche se dalla fine del ventesimo secolo si è sempre più preferito un sistema decimale. Comunque il sistema vigesimale è usato solo per i numeri ordinali. "Deugain" significa "2 volte 20" cioè 40, "trigain" significa "3 volte 20" cioè 60, ecc.
  • Venti (fichead) è tradizionalmente usato come base in lingua gaelica scozzese, con "deich ar fhichead" o "fichead 's a deich" che significa "30" ("dieci oltre il venti", o "venti e dieci"), "dà fhichead" 40 ("due ventine"), "dà fhichead 's a deich" 50 ("due ventine e dieci") / "leth-cheud" 50 ("mezzo centinaio"), "trì fichead" 60 ("tre ventine") e così via fino a "naoidh fichead" 180 ("nove ventine"). Al giorno d'oggi viene insegnato il sistema decimale, ma il sistema vigesimale è utilizzato dalle fasce più anziane della popolazione.
  • Venti (njëzet) è usato come base in lingua albanese. La parola per "40" (dyzet) significa "due volte venti" (alcuni dialetti della lingua albanese ghega usano invece "katërdhetë"). L'Arbëreshë in Italia può usare 'trizetë' per 60. In passato, si diceva 'katërzetë' per 80. Oggi gli albanesi Cham in Grecia usano tutti numeri con "zet": 20 si dice 1 zet, 40 "2 zet", 60 3 zet e 80 4 zet.
  • Venti (otsi) è usato come base in lingua georgiana. Per esempio, 31 ("otsdatertmeti") letteralmente significa "venti e undici"; 67 (samotsdashvidi) è "tre-venti-e-sette".
  • Venti (tqa) è usato come base nelle lingue nakh.
  • Venti (hogei) è usato come base in lingua basca per i numeri fino a 100 (ehun). Le parole per 40 (berrogei), 60 (hirurogei) e 80 (laurogei) significano "due-venti", "tre-venti" e "quattro venti" rispettivamente. Per esempio il numero 75 è chiamato "hirurogeita hamabost", lett. "tre-venti-e-dieci-cinque". Il nazionalista basco Sabino Arana propose un sistema di cifre vigesimale per una corrispondenza con il linguaggio parlato e, in alternativa, una riforma del linguaggio parlato per renderlo decimale, ma le proposte non ebbero seguito.
  • Venti (dwisti o dwujsti) è usato come base nel dialetto resiano della lingua slovena nella valle di Resia. 60 è espresso come trïkrat dwisti (3×20), 70 come trïkrat dwisti nu dësat (3×20 + 10), 80 come štirikrat dwisti (4×20) e 90 come štirikrat dwisti nu dësat (4×20 + 10).
  • Nel vecchio sistema di valuta del Regno Unito (pre-1971), esistevano 20 scellini (ognuno valeva 12 pence) per ogni sterlina. Dopo l'introduzione del sistema decimale nel 1971 (1 sterlina equivale a 100 nuovi pence invece di 240 pence del vecchio sistema), le monete di scellin ancora in circolazione furono rivalutate a 5 pence (non più coniate, poi fuori circolazione dal 1990).
  • Nel sistema imperiale di misura del peso ci sono venti "hundredweight" in un "ton".
  • In inglese, contare per venti è stato usato storicamente, come nell'apertura del famoso Discorso di Gettysburg "Four score and seven years ago…", per indicare ottantasette anni fa. Nella Bibbia di re Giacomo il termine "score" (arcaico per "venti") è usato oltre 130 volte, anche se solo quando preceduto da un numero maggiore di uno, mentre un singolo "score" è espresso sempre come "venti". L'uso di "score" per indicare multipli di venti è caduto in disuso nell'inglese moderno.
  • Altre lingue hanno equivalenti allo "score" del vecchio inglese, per esempio il danese e il norvegese "snes".
  • In regioni in cui tracce delle lingue brittoniche sono sopravvissute nei dialetti, il sistema di conteggio delle pecore in vigesimale è pervenuto fino ai nostri giorni.

Osservazioni correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Tra i multipli di 10, 20 è descritto in modo speciale in alcune lingue. Ad esempio, le parole spagnole treinta (30) e cuarenta (40) sono costituiti da "tre (3) + inta (10 volte)", "cuar (4) + enta (10 volte)", ma la parola "veinte" (20) non è attualmente collegata a nessuna parola che significhi "due" (sebbene storicamente lo sia). Allo stesso modo, nelle lingue semitiche come l'arabo e l'ebraico, i numeri 30, 40 ... 90 sono espressi da forme morfologicamente plurali delle parole per i numeri 3, 4 ... 9, ma il numero 20 è espresso da una forma morfologicamente plurale di 10. La lingua giapponese ha una parola speciale (hatachi) per 20 anni (di età) e per il 20 °giorno del mese (hatsuka).
  • In alcune lingue (ad es l'inglese, le lingue slave e il tedesco), i nomi dei numeri a due cifre da 11 a 19 consistono in una parola, ma i nomi dei numeri a due cifre da 21 in poi consistono in due parole. In francese, questo vale fino al 16. In un certo numero di altre lingue (come l'ebraico), i nomi dei numeri dall'11 al 19 contengono due parole, ma una di queste parole è una speciale forma riferita al dieci (come il -teen in inglese), che è diversa dalla forma ordinaria della parola per il numero 10, e in effetti può essere trovato solo in questi nomi dei numeri 11-19.
  • Il cantonese[7] e il cinese Wu usano frequentemente la singola unità 廿 (Cantonese yàh, Shanghainese nyae o ne, Mandarin niàn) per venti, oltre al valore decimale 二十 (Cantonese yìh sàhp, Shanghainese el sah, Mandarin èr shí ) che significa letteralmente "due dieci". Esistono equivalenti per 30 e 40 ( e rispettivamente: mandarino e ), ma questi sono più raramente utilizzati. Questo è un residuo storico di un sistema vigesimale.
  • Sebbene i numeri Khmer abbiano rappresentato un sistema numerico decimale posizionale almeno dal 7° secolo, il Khmer antico o il Khmer angkoriano, possedeva anche simboli separati per i numeri 10, 20 e 100. Ciascun multiplo di 20 o 100 richiedeva un tratto aggiuntivo al carattere, quindi il numero 47 è stato costruito usando il simbolo 20 con un tratto superiore aggiuntivo, seguito dal simbolo per il numero 7. Ciò suggerisce che il Khmer angkoriano parlato usasse un sistema vigesimale.
  • Il Thai usa il termine ยี่สิบ (sorso) per 20. Altri multipli di dieci sono costituiti dal numero di base, seguito dalla parola per dieci, ad esempio สามสิบ (sam sip), lett. tre dieci, per trenta. Lo yi di yi sip è diverso dal numero due in altre posizioni, che è สอง ( song). Tuttavia, yi sip è una parola in prestito dal cinese.
  • Allo stesso modo il Lao forma multipli di dieci mettendo il numero di base davanti alla parola dieci, quindi ສາມສິບ (Sam Sip), letteralmente "tre dieci", per trenta. L'eccezione è venti, per cui viene utilizzata la parola ຊາວ (xao). (ซาว sao è anche usato nei dialetti nord-orientali e settentrionali del tailandese, ma non nel tailandese standard.)
  • Il sistema numerico di Kharosthi si comporta come un sistema vigesimale parziale.

Esempi nelle lingue mesoamericane[modifica | modifica wikitesto]

Potenze di venti in Yucatec Maya e Nahuatl[modifica | modifica wikitesto]

Potenze di venti in Yucatec Maya e Nahuatl
Numero inglese maya Nahuatl (ortografia moderna) Nahuatl classico Radice di nahuatl Pittogramma azteco
1 Uno unno Se Ce Ce Uno Nahuatl.png
20 Venti K'áal Sempouali Cempohualli (Cempoalli) Pohualli Veinte Nahuatl.png
400 Quattrocento Bak Sentsontli Centzontli Tzontli Cuatrocientos Nahuatl.png
8.000 Ottomila pic Senxikipili Cenxiquipilli Xiquipilli Xiquipilli.jpg
160.000 Centosessantamila Calab Sempoualxikipili Cempohualxiquipilli Pohualxiquipilli
3.200.000 Tre milioni duecentomila Kinchil Sentsonxikipili Centzonxiquipilli Tzonxiquipilli
64.000.000 Sessantaquattro milioni Alau Sempoualtzonxikipili Cempohualtzonxiquipilli Pohualtzonxiquipilli

Contando in unità di venti[modifica | modifica wikitesto]

Questa tabella mostra i numeri Maya e i nomi dei numeri nello Yucatec Maya, Nahuatl nell'ortografia moderna e nel Nahuatl classico .

Da uno a dieci (1 – 10)
1  (uno) 2 (due) 3 (tre) 4 (quattro) 5 (cinque) 6 (sei) 7 (sette) 8 (otto) 9 (nove) 10 (dieci)
Maya 1.svg Maya 2.svg Maya 3.svg Maya 4.svg Maya 5.svg Maya 6.svg Maya 7.svg Maya 8.svg Maya 9.svg Maya 10.svg
Hun Ka'ah Óox Kan Ho' Wak Uk Waxak Bolon Lahun
Se Ome Yeyi Naui Makuili Chikuasen Chikome Chikueyi Chiknaui Majtlaktli
Ce Ome Yei Nahui Macuilli Chicuace Chicome Chicuei Chicnahui Matlactli
Da undici a venti (11 – 20)
11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
Maya 11.svg Maya 12.svg Maya 13.svg Maya 14.svg Maya 15.svg Maya 16.svg Maya 17.svg Maya 18.svg Maya 19.svg Maya 1.svg

Mayan00.svg
Buluk Lahka'a Óox lahun Kan lahun Ho' lahun Wak lahun Uk lahun Waxak lahun Bolon lahun Hun k'áal
Majtlaktli onse Majtlaktli omome Majtlaktli omeyi Majtlaktli onnaui Kaxtoli Kaxtoli onse Kaxtoli omome Kaxtoli omeyi Kaxtoli onnaui Sempouali
Matlactli huan ce Matlactli huan ome Matlactli huan yei Matlactli huan nahui Caxtolli Caxtolli huan ce Caxtolli huan ome Caxtolli huan yei Caxtolli huan nahui Cempohualli
Da ventuno a trenta (21 – 30)
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Maya 1.svg

Maya 1.svg
Maya 1.svg

Maya 2.svg
Maya 1.svg

Maya 3.svg
Maya 1.svg

Maya 4.svg
Maya 1.svg

Maya 5.svg
Maya 1.svg

Maya 6.svg
Maya 1.svg

Maya 7.svg
Maya 1.svg

Maya 8.svg
Maya 1.svg

Maya 9.svg
Maya 1.svg

Maya 10.svg
Hump'éel katak hun k'áal Ka'ah katak hun k'áal Óox katak hun k'áal Kan katak hun k'áal Ho' katak hun k'áal Wak katak hun k'áal Uk katak hun k'áal Waxak katak hun k'áal Bolon katak hun k'áal Lahun katak hun k'áal
Sempouali onse Sempouali omome Sempouali omeyi Sempouali onnaui Sempouali ommakuili Sempouali onchikuasen Sempouali onchikome Sempouali onchikueyi Sempouali onchiknaui Sempouali ommajtlaktli
Cempohualli huan ce Cempohualli huan ome Cempohualli huan yei Cempohualli huan nahui Cempohualli huan macuilli Cempohualli huan chicuace Cempohualli huan chicome Cempohualli huan chicuei Cempohualli huan chicnahui Cempohualli huan matlactli
Da trentuno a quaranta (31 – 40)
31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Maya 1.svg

Maya 11.svg
Maya 1.svg

Maya 12.svg
Maya 1.svg

Maya 13.svg
Maya 1.svg

Maya 14.svg
Maya 1.svg

Maya 15.svg
Maya 1.svg

Maya 16.svg
Maya 1.svg

Maya 17.svg
Maya 1.svg

Maya 18.svg
Maya 1.svg

Maya 19.svg
Maya 2.svg

Mayan00.svg
Buluk katak hun k'áal Lahka'a katak hun k'áal Óox lahun katak hun k'áal Kan lahun katak hun k'áal Ho' lahun katak hun k'áal Wak lahun katak hun k'áal Uk lahun katak hun k'áal Waxak lahun katak hun k'áal Bolon lahun katak hun k'áal Ka' k'áal
Sempouali ommajtlaktli onse Sempouali ommajtlaktli omome Sempouali ommajtlaktli omeyi Sempouali ommajtlaktli onnaui Sempouali onkaxtoli Sempouali onkaxtoli onse Sempouali onkaxtoli omome Sempouali onkaxtoli omeyi Sempouali onkaxtoli onnaui Ompouali
Cempohualli huan matlactli huan ce Cempohualli huan matlactli huan ome Cempohualli huan matlactli huan yei Cempohualli huan matlactli huan nahui Cempohualli huan caxtolli Cempohualli huan caxtolli huan ce Cempohualli huan caxtolli huan ome Cempohualli huan caxtolli huan yei Cempohualli huan caxtolli huan nahui Ompohualli
Da venti a duecento (di venti in venti) (20 – 200)
20 40 60 80 100 120 140 160 180 200
Maya 1.svg

Mayan00.svg
Maya 2.svg

Mayan00.svg
Maya 3.svg

Mayan00.svg
Maya 4.svg

Mayan00.svg
Maya 5.svg

Mayan00.svg
Maya 6.svg

Mayan00.svg
Maya 7.svg

Mayan00.svg
Maya 8.svg

Mayan00.svg
Maya 9.svg

Mayan00.svg
Maya 10.svg

Mayan00.svg
Hun k'áal Ka' k'áal Óox k'áal Kan k'áal Ho' k'áal Wak k'áal Uk k'áal Waxak k'áal Bolon k'áal Lahun k'áal
Sempouali Ompouali Yepouali Naupouali Makuilpouali Chikuasempouali Chikompouali Chikuepouali Chiknaupouali Majtlakpouali
Cempohualli Ompohualli Yeipohualli Nauhpohualli Macuilpohualli Chicuacepohualli Chicomepohualli Chicueipohualli Chicnahuipohualli Matlacpohualli
Da duecento a quattrocento (di venti in venti) (220 – 400)
220 240 260 280 300 320 340 360 380 400
Maya 11.svg

Mayan00.svg
Maya 12.svg

Mayan00.svg
Maya 13.svg

Mayan00.svg
Maya 14.svg

Mayan00.svg
Maya 15.svg

Mayan00.svg
Maya 16.svg

Mayan00.svg
Maya 17.svg

Mayan00.svg
Maya 18.svg

Mayan00.svg
Maya 19.svg

Mayan00.svg
Maya 1.svg

Mayan00.svg

Mayan00.svg
Buluk k'áal Lahka'a k'áal Óox lahun k'áal Kan lahun k'áal Ho' lahun k'áal Wak lahun k'áal Uk lahun k'áal Waxak lahun k'áal Bolon lahun k'áal Hun bak
Majtlaktli onse pouali Majtlaktli omome pouali Majtlaktli omeyi pouali Majtlaktli onnaui pouali Kaxtolpouali Kaxtolli onse pouali Kaxtolli omome pouali Kaxtolli omeyi pouali Kaxtolli onnaui pouali Sentsontli
Matlactli huan ce pohualli Matlactli huan ome pohualli Matlactli huan yei pohualli Matlactli huan nahui pohualli Caxtolpohualli Caxtolli huan ce pohualli Caxtolli huan ome pohualli Caxtolli huan yei pohualli Caxtolli huan nahui pohualli Centzontli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Karl Menninger, Number words and number symbols: a cultural history of numbers; tradotto da Paul Broneer dall'edizione tedesca. Cambridge, Mass.: M.I.T. Press, 1969 Template:Isbn)
  • Levi Leonard Conant, The Number Concept: Its Origin and Development; New York, New York: Macmillan & Co, 1931. Project Gutenberg EBook

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) google/open-location-code, su GitHub. URL consultato il 14 November 2018.
  2. ^ Wm. Clark Bartley, Making the Old Way Count (PDF), in Sharing Our Pathways, vol. 2, nº 1, January–February 1997, pp. 12–13. URL consultato il February 27, 2017.
  3. ^ van Breugel, Seino. A grammar of Atong. Leiden, Boston: Brill. Chapter 11
  4. ^ Gvozdanović, Jadranka. Numeral Types and Changes Worldwide (1999), p.223.
  5. ^ Chatterjee, Suhas. 1963. On Didei nouns, pronouns, numerals, and demonstratives. Chicago: mimeo., 1963. (cf. Munda Bibliography at the University of Hawaii Department of Linguistics)
  6. ^ Comrie, Bernard. "Typology of numeral systems." Numeral types and changes worldwide. Trends in Linguistics. Studies and monographs 118 (2011).
  7. ^ Lau, S. A Practical Cantonese English Dictionary (1977) The Government Printer
Controllo di autoritàLCCN (ENsh2018000259
Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica