Rita dalla Chiesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rita Dalla Chiesa)

Rita dalla Chiesa (Casoria, 31 agosto 1947) è una conduttrice televisiva italiana.

Nota per il suo impegno animalista, la sua immagine è principalmente legata al longevo programma Forum, in onda sulle reti Mediaset, che ha condotto dal 1988 al 1997 e poi nuovamente dal 2003 al 2013.

Nella sua carriera ha lavorato prevalentemente in trasmissioni sulle reti Mediaset, ma il suo esordio televisivo è avvenuto negli anni ottanta sulla seconda rete RAI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Figlia primogenita del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, e della sua prima moglie Dora Fabbo, e sorella di Nando e Simona Maria dalla Chiesa, ha esordito in TV nel 1983 conducendo Vediamoci sul Due, in onda su Rai 2.

Nella stagione 1985/1986 ha poi condotto insieme con Fabrizio Frizzi Pane e marmellata, trasmissione per ragazzi in onda sempre su Rai 2. In questo periodo ha incominciato la sua relazione con Frizzi, che sposa in seconde nozze nel 1992 (era stata sposata negli anni settanta con Roberto Cirese, con il quale ha avuto la figlia Giulia).[1] I due si sono poi separati nel 1998, divorziando nel 2002.[2]

Ha proseguito la sua carriera di conduttrice televisiva passando a Canale 5, dove ha condotto Parlamento In, dal 1986 al 1988.

Gli anni di Forum[modifica | modifica wikitesto]

Il successo è arrivato con Forum, trasmissione che ha ereditato da Catherine Spaak nel settembre 1988. Inizialmente in onda in seconda serata e poi promosso nella fascia quotidiana del daytime, e anche in prima serata (con il titolo Forum di sera, il programma le ha regalato nei primi anni novanta una forte popolarità.[3][4]

Nello stesso periodo ha condotto anche uno spin-off di Forum, Affari di famiglia, interamente dedicato a controversie familiari, e nell'autunno 1993 44 gatti, format musicale in due puntate, la cui sigla è la celeberrima canzone vincitrice dello Zecchino d'Oro 1968, durante il quale venivano riproposti i vecchi successi dello Zecchino d'Oro.[5]

La sua permanenza a Forum è terminata nel giugno 1997, quando la trasmissione venne coinvolta nella riorganizzazione dei contenuti delle tre reti Mediaset; il programma venne così destinato alla fascia del mezzogiorno di Retequattro con la conduzione di Paola Perego. Dal dicembre 1997 ha condotto Signore mie, sempre nel mezzogiorno da Canale 5 (realizzato in sostituzione di Ciao Mara, talk show sospeso a causa dei bassi ascolti), che non ottenne il successo sperato.[6]

Per le due stagioni successive, dal 1999 al 2001, è stata volto del pomeriggio di Retequattro Il trucco c'è, mentre nel 2002 ha condotto il reality show C'era una volta la fattoria, versione con personaggi non famosi del più celebre La fattoria.

Nella stagione 2002/2003 ha fatto un breve ritorno in Rai partecipando a I fatti vostri, trasmissione di Michele Guardì in onda su Rai 2.

Il ritorno a Forum[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2003 è tornata al timone di Forum, trasmissione alla quale è maggiormente legata la sua immagine e della quale ha condotto, a partire dal 2006, anche l'appendice pomeridiana Sessione pomeridiana del tribunale di Forum, sempre in onda su Retequattro, in seguito ribattezzata Lo sportello di Forum. È l'avvio di una nuova stagione felice per la conduttrice, che ha ritrovato una parte dei collaboratori della trasmissione degli anni novanta, come Pasquale Africano, Fabrizio Bracconeri, Marco Senise e il giudice Santi Licheri.

Nel gennaio 2008, in occasione del rilancio della fascia mattutina di Canale 5, la trasmissione è stata nuovamente promossa sulla rete ammiraglia Mediaset, andando a insediarsi nella fascia compresa tra le ore 11 e le 13. Su Retequattro è invece continuata la trasmissione della Sessione pomeridiana, in onda dopo le 14.

Sempre nel 2008, ma nel mese di settembre, è tornata in prima serata per condurre Il ballo delle debuttanti, reality show prodotto dalla Fascino PGT di Maria De Filippi, che però fu un insuccesso di ascolti e critica.[7][8]

Nel 2010 e nel 2011 hanno visto la luce altri due spin-off di Forum, Forum Bau e Forum Famiglie, rispettivamente una rubrica sugli animali, tema molto caro alla conduttrice, e una raccolta di cause incentrate sui problemi famigliari.[9] Nello stesso anno ha recitato in un episodio della serie tv I Cesaroni interpretando sé stessa in una finta causa di Forum.[10]

Ha abbandonato la trasmissione e Mediaset improvvisamente nell'agosto 2013, nonostante la sua presenza fosse stata confermata anche per la stagione successiva. Già da alcuni tempi la conduttrice aveva criticato la scelte dell'azienda di trasmettere Forum in differita per abbattere i costi di produzione, non permettendo in questo modo l'interazione in diretta con il pubblico a casa, e preferì accettare una proposta di Urbano Cairo per una nuova trasmissione nel pomeriggio di LA7.[11] Al suo posto, alla conduzione dello storico programma mattutino, venne scelta Barbara Palombelli.

Dopo Forum: LA7 e Rai 1[modifica | modifica wikitesto]

Il primo impegno di Rita dalla Chiesa per l'emittente LA7, con la quale aveva firmato un contratto biennale[12], è stato quello di giurata[13] per Miss Italia 2013, edizione vinta da Giulia Arena.

Dal 21 ottobre 2013 Rita dalla Chiesa avrebbe dovuto condurre un nuovo programma del pomeriggio de La7, un talk show intitolato La settima onda sulla falsariga del più noto talk di Rai 1 La vita in diretta curato per tanti anni da Daniel Toaff; il programma doveva essere curato dallo stesso Toaff[14], ma a causa di dissidi tra quest'ultimo e Urbano Cairo, editore della rete, il 14 ottobre 2013[15] la dirigenza di La7 ha stabilito che l'esordio ufficiale del programma sarebbe stato posticipato al 7 gennaio 2014 per poterlo preparare meglio senza Toaff. Il 4 dicembre 2013 è stata però diffusa la notizia della cancellazione definitiva della trasmissione, a causa di problemi organizzativi e degli eccessivi costi non sostenibili per il magro bilancio di LA7. In seguito a questa decisione, la conduttrice annunciò di voler far causa al canale LA7 e al suo editore Urbano Cairo citandoli per danni[16], una controversia che si è risolta il 9 aprile successivo con la risoluzione consensuale del contratto.[17]

A causa del suo mancato arrivo su LA7, ha ricevuto numerosi attestati di stima da diversi colleghi ed è stata invitata a partecipare a numerose trasmissioni televisive come La prova del cuoco - Speciale Lotteria, puntata speciale del noto varietà di Rai 1 e storico competitor di Forum condotto da Antonella Clerici in prima serata su Rai 1[18], ma anche Verissimo, Quinta colonna, L'Arena e diverse puntate del programma pomeridiano di Rai Uno, La vita in diretta condotto da Cristina Parodi e Marco Liorni. Da febbraio 2015 fino a fine stagione è stata opinionista fissa, una volta la settimana, di Mattino cinque, nello spazio condotto da Federico Novella.

Il 14 maggio 2015 è stata annunciata la sua partecipazione al programma La posta del cuore, andato in onda su Rai 1 nella fascia di metà pomeriggio dal 15 giugno fino a metà luglio 2015. Grande curiosità ha suscitato la co-conduzione di un talk show interamente dedicato ai sentimenti insieme con Fabrizio Frizzi, con il quale era divorziata da ormai oltre dieci anni.[19] La trasmissione era stata inizialmente confermata per la stagione 2015/2016 nel pomeriggio del sabato, senza tuttavia trovare effettivamente collocazione in palinsesto. Il 1° di dicembre 2016 esce il suo primo libro per bambini scritto con Marina Fiordaliso, Il cacciatore di stelle. Il 20 febbraio 2017, viene comunicata la notizia che la giornalista ex conduttrice del tribunale di Forum sarà per 10 puntate a partire dal 27 dello stesso mese impegnata come presidente di giuria nel programma Torto o ragione di Rai 1.

Il ritorno a Mediaset[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo 2018, viene annunciata la notizia del ritorno a Mediaset della giornalista con un nuovo programma in onda in seconda serata dal 19 marzo su Rete 4 dal titolo, Ieri oggi italiani.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Il cacciatore di stelle (Melampo editore, 2016)

Blog ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

http://www.ritadallachiesa.it/

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su magtv.it. URL consultato il 9 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  2. ^ " Frizzi lascia Rita Dalla Chiesa "
  3. ^ Maria De Filippi | Forum | causa
  4. ^ Rita: spero che Ambra non conquisti il giudice, in Corriere della Sera, 31 maggio 1994, p. 36. URL consultato il 1º dicembre 2009.
  5. ^ Guerra sullo Zecchino, in la Repubblica, 19 novembre 1993, p. 35. URL consultato il 15 marzo 2010.
  6. ^ Alessandra Rota, Mediaset trattiene Bonolis con un assegno da 18 miliardi, in la Repubblica, 29 gennaio 1998. URL consultato il 30 giugno 2016.
  7. ^ Boom: Chiude Il Ballo Delle Debuttanti. Tra Chic E Pop Vince Il Flop! | Davidemaggio.It
  8. ^ IL POMERIGGIO DELLE DEBUTTANTI | DavideMaggio.it
  9. ^ Scheda di Forum Bau sul sito Mediaset, su tv.mediaset.it. URL consultato il 12 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).
  10. ^ I CESARONI CITATI IN GIUDIZIO A FORUM. RITA DALLA CHIESA GUEST STAR DELLA FICTION DI CANALE5. | DavideMaggio.it
  11. ^ Forum torna in diretta dal 9 ottobre 2012 | DavideMaggio.it
  12. ^ Rita Dalla Chiesa | torna a Mediaset | intervista Libero
  13. ^ Miss Italia su La7, Paolo Ruffini: "Siamo una tv generalista". Rita Dalla Chiesa esordisce in giuria
  14. ^ Daniel Toaff | Rita Dalla Chiesa | La7 | Pomeriggio | DavideMaggio.it
  15. ^ Daniel Toaff fuori da La7 | Rita Dalla Chiesa | Urbano Cairo | DavideMaggio.it
  16. ^ Rita Dalla Chiesa | Porto La7 e Cairo in tribunale | DavideMaggio.it
  17. ^ Rita Dalla Chiesa | La7 | Contratto risolto | DavideMaggio.it
  18. ^ Estrazione lotteria Italia 2014 | Premi | Biglietti vincitori
  19. ^ Rai1 | Estate in diretta | La Posta del Cuore | Legami | DavideMaggio.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]