Procura europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Procura europea
European Public Prosecutor's Office
AbbreviazioneEPPO
TipoPubblico ministero
Fondazione2017 (avvio cooperazione rafforzata)
FondatoreUnione europea Unione europea
Scopoindagare e perseguire frodi contro il bilancio dell'UE e altri reati contro gli interessi finanziari dell'UE
Sede centraleLussemburgo Lussemburgo
Procuratore capoRomania Laura Codruța Kövesi
Sito web

La Procura europea (EPPO) è un'istituzione indipendente dell'Unione europea in via di costituzione secondo le disposizioni del Trattato di Lisbona e come cooperazione rafforzata[1] tra 22 dei 28 membri dell'UE. Sarà basata in Lussemburgo, accanto alla Corte di giustizia dell'Unione europea e alla Corte dei conti europea.[2]

Ruolo e struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il ruolo della Procura europea è quello di indagare e perseguire frodi contro il bilancio dell'UE e altri reati contro gli interessi finanziari dell'UE, comprese frodi riguardanti fondi UE superiori a 10.000 euro e casi di frode sull'IVA transfrontaliera che comportano danni superiori a 10 milioni di euro. In precedenza solo le autorità nazionali potevano indagare e perseguire questi crimini e non potevano agire oltre i loro confini. Allo stesso modo, l'OLAF, l'Eurojust e l'Europol non avevano la capacità di agire.

L'organismo è destinato a essere decentralizzato, basato su procuratori delegati europei situati in ciascuno Stato membro. L'ufficio centrale avrà un procuratore capo europeo supportato da 22 procuratori europei, più personale tecnico e investigativo. La procura europea può richiedere l'arresto di un sospetto, ma questo deve essere confermato dall'autorità nazionale competente.[3][4]

Costituzione[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione europea ha proposto un regolamento sull'istituzione della Procura europea il 17 luglio 2013, sulla base del mandato presente nel trattato di Lisbona per istituire tale ufficio.[5][6] Tuttavia, il 7 febbraio 2017 il Consiglio dell'Unione europea ha concluso che non vi era consenso tra gli Stati membri sulla proposta di regolamento.[7]

Di conseguenza, il 14 febbraio 2017, 17 Stati membri dell'UE (Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Romania, Slovacchia, Slovenia e Spagna) hanno chiesto di ridiscutere la proposta al Consiglio europeo per una adozione.[8]

Dopo il mancato accordo raggiunto dal Consiglio europeo il 9 marzo 2017,[9] 16 Stati membri (i precedenti 17 meno l'Austria, l'Estonia e la Lettonia, oltre a Cipro e Portogallo) hanno comunicato al Parlamento europeo, al Consiglio e alla Commissione il 3 aprile 2017 che avreppero proceduto con l'istituzione della Procura europea mediante l'uso di una cooperazione rafforzata.[10] Questo sulla base all'articolo 86 del TFUE, che consente una procedura di cooperazione rafforzata semplificata che non richiede l'autorizzazione del Consiglio a procedere.

Gli Stati membri partecipanti hanno concordato il testo legislativo per istituire la procura europea l'8 giugno.[11] A questo punto, la Lettonia e l'Estonia hanno deciso di partecipare alla procedura di cooperazione rafforzata. La proposta è stata approvata dal Parlamento europeo il 5 ottobre 2017[12] e il 12 ottobre 2017 il regolamento è stato approvato definitivamente dai 20 Stati partecipanti, che erano cresciuti fino ad includere Austria e Italia.[13]

La procura europea non avrà l'autorità per avviare indagini o perseguire i reati fino a quando una decisione della Commissione non ne approverà il regolamento, che secondo i termini del regolamento non può aver luogo prima di 3 anni dall'entrata in vigore del regolamento nel novembre 2017.

Stati membri[modifica | modifica wikitesto]

     EU members participating

     EU members not participating

22 stati membri dell'UE partecipano alla cooperazione rafforzata.[14] Il regolamento originale è stato concordato da 20 stati membri. Altri membri dell'UE, ad eccezione della Danimarca che ha optato per l'esclusione dalla cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale, possono aderire successivamente.

I Paesi Bassi hanno ufficialmente chiesto di aderire all'EPPO il 14 maggio 2018.[15][16] La loro partecipazione è stata approvata dalla Commissione il 1 ° agosto 2018.[17][18] Malta ha chiesto di aderire il 14 giugno 2018,[19] e la sua partecipazione è stata approvata il 7 agosto 2018.[20][21]

Basi legali[modifica | modifica wikitesto]

La Procura europea è stata inserita nell'articolo 86 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea dal trattato di Lisbona.[22][23] L'articolo afferma quanto segue:

  • Creazione
    • Il Consiglio dell'Unione europea, con una procedura legislativa speciale, può istituire una Procura europea sulla base di Eurojust.
    • Questo deve essere fatto all'unanimità in seno al Consiglio europeo e con il consenso del Parlamento europeo.
    • Se il Consiglio non può raggiungere l'unanimità, un gruppo di almeno nove Stati membri può rimandare il progetto al Consiglio europeo per l'adozione.
    • Questi stati membri possono anche procedere a stabilire una cooperazione rafforzata tra di loro dopo aver informato il Parlamento, il Consiglio e la Commissione.
  • Ruolo
    • La procura europea in collegamento con Europol, è responsabile per indagare, perseguire e giudicare coloro che sono collegati a reati contro gli interessi finanziari dell'UE.
    • Esercita questa funzione nei tribunali nazionali competenti.
    • I regolamenti che istituiscono l'ufficio stabiliscono le regole che disciplinano le sue funzioni, compresa l'ammissibilità delle prove.
    • Il Consiglio europeo può modificare il trattato, previa consultazione della Commissione e ottenere il consenso del Parlamento, di estendere i suoi poteri al fine di includere la criminalità transnazionale grave.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.washingtonpost.com/world/europe/20-eu-nations-back-plan-for-eu-prosecutors-office/2017/06/08/0192c0ea-4c36-11e7-987c-42ab5745db2e_story.html
  2. ^ https://www.wort.lu/en/luxembourg/ministry-of-justice-new-european-public-prosecutor-s-office-to-be-based-in-luxembourg-5939316ca5e74263e13c1884
  3. ^ http://ec.europa.eu/justice/criminal/judicial-cooperation/public-prosecutor/index_en.htm
  4. ^ https://globalcompliancenews.com/eu-public-prosecutors-office-20170620/
  5. ^ [1] Brussels explores creation of EU public prosecutor.
  6. ^ http://europa.eu/rapid/press-release_IP-13-709_en.htm
  7. ^ consilium.europa.eu, http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/02/07-epo-enhanced-cooperation/.
  8. ^ wwww.consilium.europa.eu, http://wwww.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/03/pdf/eppo-factsheet_pdf/.
  9. ^ consilium.europa.eu, https://www.consilium.europa.eu/en/meetings/european-council/2017/03/09-conclusions-pec_pdf/.
  10. ^ consilium.europa.eu, http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/04/03-eppo/.
  11. ^ consilium.europa.eu, http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/06/08-eppo/.
  12. ^ europarl.europa.eu, https://www.europarl.europa.eu/oeil/popups/ficheprocedure.do?lang=en&reference=2013/0255(APP).
  13. ^ L 283/1, https://eur-lex.europa.eu/eli/reg/2017/1939/oj.
  14. ^ consilium.europa.eu, http://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2017/10/12-eppo-20-ms-confirms/.
  15. ^ data.consilium.europa.eu, http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-8939-2018-INIT/en/pdf.
  16. ^ consilium.europa.eu, http://www.consilium.europa.eu/media/35542/st09680-en18.pdf.
  17. ^ europa.eu, http://europa.eu/rapid/press-release_IP-18-4770_en.htm.
  18. ^ COMMISSION DECISION (EU) 2018/1094 of 1 August 2018 confirming the participation of the Netherlands in the enhanced cooperation on the establishment of the European Public Prosecutor's Office
  19. ^ gov.mt, https://www.gov.mt/en/Government/Press%20Releases/Pages/2018/June/14/pr181346.aspx.
  20. ^ europa.eu, http://europa.eu/rapid/press-release_MEX-18-4881_en.htm.
  21. ^ https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=uriserv:OJ.L_.2018.201.01.0002.01.ENG&toc=OJ:L:2018:201:TOC.
  22. ^ [2] eur-lex
  23. ^ [3] eur-lex

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]