Impresa comune europea per il progetto ITER e lo sviluppo dell'energia da fusione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Impresa comune europea per il progetto ITER e lo sviluppo dell'energia da fusione
Logo of Fusion for Energy.jpg
Abbreviazione Fusion for Energy
Tipo Agenzia dell'Unione europea
Fondazione 2007
Scopo gestire il contributo europeo a ITER
Sede centrale Spagna Barcellona
Direttore Germania Johannes Schwemmer
Sito web

L'Impresa comune europea per il progetto ITER e lo sviluppo dell'energia da fusione (Fusion for Energy o F4E) è un'agenzia della Comunità europea dell'energia atomica (Euratom), con sede a Barcellona (Spagna).

L'Impresa comune "Fusion for Energy" è stata costituita nell'aprile 2007 per una durata di 35 anni, grazie alla Decisione 2007/198 che istituisce Fusion for Energy[1]. Suo scopo fondamentale è gestire il contributo europeo a ITER, il progetto internazionale per l'energia da fusione. Uno dei suoi compiti principali è di collaborare con l'industria e le organizzazioni di ricerca europee per sviluppare e fornire una serie di componenti di alta tecnologia per il progetto ITER. Grazie all'esperienza collettiva dei partecipanti a "Fusion for Energy", l'Europa può aspirare a diventare uno dei leader mondiali nella costruzione di reattori dimostrativi a fusione.

Partecipano all'impresa comune i 28 Stati membri dell'Unione europea, l'Euratom (rappresentata dalla Commissione europea) e la Svizzera.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli obiettivi dell'Impresa comune sono:

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'impresa comune ha una struttura dirigenziale così organizzata:

  • ogni membro dell'impresa comune è rappresentato nel consiglio di direzione;
  • il direttore, che è il massimo dirigente dell'impresa comune, è responsabile della gestione corrente;
  • il consiglio di direzione è assistito da un comitato esecutivo (che deve per es. approvare l'attribuzione dei contratti);
  • un comitato tecnico-scientifico fornisce al consiglio di direzione e al direttore pareri sulle questioni tecniche e scientifiche.

L'attuale direttore è il tedesco Johannes Schwemmer.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0004 1771 9732
Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea