Post (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Post
Artista Björk
Tipo album Studio
Pubblicazione 13 giugno 1995
Durata 46:10
Dischi 1
Tracce 11
Genere Trip hop[1]
Intelligent dance music[1]
Techno[2]
Musica elettronica[3]
Etichetta One Little Indian
Produttore Nellee Hooper, Tricky, Graham Massey, Björk, Howie B
Certificazioni
Dischi d'oro Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(Vendite: 7.500+)
Svezia Svezia[5]
(Vendite: 50.000+)
Dischi di platino Canada Canada[6]
(Vendite: 100.000+) Regno Unito Regno Unito[7]
(Vendite: 300.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[8]
(Vendite: 846.000+)
Unione europea Unione europea[9]
(Vendite: 1.000.000+)
Björk - cronologia
Album successivo
(1996)
Singoli
  1. Army of Me
    Pubblicato: 21 aprile 1995
  2. Isobel
    Pubblicato: 14 agosto 1995
  3. It's Oh So Quiet
    Pubblicato: 13 novembre 1995
  4. Hyper-Ballad
    Pubblicato: 12 febbraio 1996
  5. Possibly Maybe
    Pubblicato: 28 ottobre 1996
  6. I Miss You
    Pubblicato: 24 febbraio 1997

Post è il secondo album solista di Björk, pubblicato nel 1995 (il terzo, contando anche l'omonimo album solista del 1977).

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

A due anni di distanza dall'album Debut, maggiormente vicino alla musica pop,[2] con Post, Björk sperimenta nuovi suoni e stili, affiancando alla vena rock (che si manifesta soprattutto in Army of Me)[10] campionature techno.[2] A Nellee Hooper, che già aveva curato la produzione di quasi tutte le tracce di Debut, si uniscono i produttori Tricky ed Howie B che apportano un grosso campionamento di suoni prettamente trip hop, che vanno poi a formare tracce come Possibly Maybe ed Enjoy.[11]

Tra le canzoni più sperimentali vi sono Cover Me, un brano minimalista in cui la cantante si esibisce accompagnata da un'arpa e un clavicembalo[2][12][13] e Headphones, traccia conclusiva dell'album, altrettanto sperimentale e minimalista,[11] sostenuta quasi esclusivamente dalla voce di Björk, con un testo in cui la cantante esprime il suo amore per la musica.[14] It's Oh So Quiet è la cover di Blow a Fuse, brano dell'attrice e cantante Betty Hutton.[14]

La rivista Rolling Stone ha inserito Post al 376º posto della sua lista dei 500 migliori album[15]. Il successo dell'album è stato seguito nel 1997 da Telegram, un album di remix delle canzoni di Post.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard
  1. Army of Me[16] – 3:54 (Björk, Graham Massey)
  2. Hyper-Ballad[17] – 5:21 (Björk)
  3. The Modern Things[16] – 4:10 (Björk, Graham Massey)
  4. It's Oh So Quiet[17] – 3:38 (Bert Reisfeld, Hans Lang)
  5. Enjoy[18] – 3:56 (Björk, Tricky)
  6. You've Been Flirting Again[19] – 2:29 (Björk)
  7. Isobel[17] – 5:47 (Björk, Nellee Hooper, Marius De Vries, Sjón)
  8. Possibly Maybe[17] – 5:06 (Björk)
  9. I Miss You[20] – 4:03 (Björk, Howie B)
  10. Cover Me[19] – 2:06 (Björk)
  11. Headphones[18] – 5:40 (Björk, Tricky)
Bonus track per il Giappone
  1. I Go Humble[21] – 4:44 (Björk, Mark Bell)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
massima
Australia (ARIA)[22] 2
Austria (Ö3 Austria)[23] 13
Belgio (Ultratop Fiandre)[24] 5
Belgio (Ultratop Vallonia)[25] 3
Canada (RPM)[26] 4
Danimarca (Hitlisten)[27] 4
Europa (European Top 100 Albums)[28] 2
Francia (SNEP)[29] 6
Finlandia (Musiikkituottajat)[30] 9
Germania (Media Control)[31] 6
Giappone (Oricon)[32] 26
Irlanda (IRMA)[33] 10
Norvegia (VG-lista)[34] 4
Nuova Zelanda (RIANZ)[35] 4
Paesi Bassi (MegaCharts)[36] 5
Portogallo (AFP)[37] 6
Regno Unito (OCC)[38] 2
Stati Uniti (Billboard 200)[39] 32
Svezia (Sverigetopplistan)[40] 2
Svizzera (Schweizer Hitparade)[41] 5
Ungheria (MAHASZ)[42] 34

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Debut Turns 20, stereogum.com. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  2. ^ a b c d Claudio Fabretti, Bjork - La chanteuse dei ghiacci, Ondarock. URL consultato il 3 marzo 2017.
  3. ^ Pytlik 2003, p. 89
  4. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, Recorded Music NZ. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  5. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 1987−1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  6. ^ (EN) Gold and Platinum, Music Canada. URL consultato il 31 agosto 2016.
  7. ^ (EN) BPI - Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato l'8 gennaio 2016. Scrivi Post in Keywords. Seleziona title in Search by, Platinum in By Award, Album in by Format.
  8. ^ (EN) Gold and Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  9. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards, ifpi.org. URL consultato il 14 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  10. ^ Joy Press, Björk: 'Post', in The New York Times, 2 luglio 1995.
  11. ^ a b (EN) Heather Phares, Björk Post, AllMusic. URL consultato il 14 luglio 2017.
  12. ^ Ian Gittins, Björk, books.google.it. URL consultato il 4 marzo 2017.
  13. ^ Stefano Solventi, Björk - Post, Sentireascoltare, 1º giugno 2004. URL consultato il 4 marzo 2017.
  14. ^ a b Filippo Romagnolo, Björk - Post, Storia della musica. URL consultato il 4 marzo 2017.
  15. ^ 500 Greatest Albums of All Time, rollingstone.com.
  16. ^ a b Produzione: Björk, Graham Massey, Nellee Hooper
  17. ^ a b c d Produzione: Björk, Nellee Hooper
  18. ^ a b Produzione: Björk, Tricky
  19. ^ a b Produzione: Björk
  20. ^ Produzione: Howie B
  21. ^ Produzione: Mark Bell
  22. ^ "Björk – Post". Australiancharts.com. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  23. ^ "Björk – Post" (In tedesco). Austriancharts.at. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  24. ^ "Björk – Post" (In olandese). Ultratop.be. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  25. ^ "Björk – Post" (In francese). Ultratop.be. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  26. ^ "Top Albums/CDs – Volume 62, No. 3, August 21, 1995". RPM. Retrieved on 17 July 2012.
  27. ^ Hits of the World – Denmark, Billboard, 15 luglio 1995, p. 43. URL consultato il 17 luglio 2012.
  28. ^ Hits of the World – Eurochart, Billboard, 8 luglio 1995, p. 57. URL consultato il 17 luglio 2012.
  29. ^ Hits of the World – France, Billboard, 8 luglio 1995, p. 56. URL consultato il 17 luglio 2012.
  30. ^ "Björk – Post". Finnishcharts.com. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  31. ^ "Longplay-Chartverfolgung at Musicline". Musicline.de. Media Control. Retrieved 16 July 2012.
  32. ^ (JA) ビョークのCDアルバムランキング, Oricon. URL consultato il 16 luglio 2012.
  33. ^ Hits of the World – Portugal, Billboard, 29 luglio 1995, p. 41. URL consultato il 17 luglio 2012.
  34. ^ "Björk – Post". Norwegiancharts.com. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  35. ^ "Björk – Post". Charts.org.nz. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  36. ^ "Björk – Post". Dutchcharts.nl. Hung Medien. Retrieved 17 July 2012.
  37. ^ Hits of the World – Portugal, Billboard, 8 luglio 1995, p. 57. URL consultato il 17 luglio 2012.
  38. ^ Music Archive – 1995 Top 40 Official UK Albums Archive 24th June 1995, Official Charts Company. URL consultato il 16 luglio 2012.
  39. ^ "Björk – Billboard Albums". Allmusic. Retrieved on 17 July 2012.
  40. ^ "Björk – Post". Swedishcharts.com. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  41. ^ "Björk – Post". Hitparade.ch. Hung Medien. Retrieved 16 July 2012.
  42. ^ (HU) Archívum – Slágerlisták – Keresés lista és dátum szerint – 1995.29. hét 1995.07.17. – 1995.07.23. No.: 124, Association of Hungarian Record Companies. URL consultato il 16 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica