Greatest Hits (Björk)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Greatest Hits
ArtistaBjörk
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione4 novembre 2002
Durata72:19
Dischi1
Tracce15
GenereMusica elettronica
Rock alternativo
Trip hop
Musica sperimentale
Musica d'ambiente
EtichettaOne Little Indian
ProduttoreBjörk, Nellee Hooper, Mark Bell, Graham Massey, David Arnold, Danny Cannon, Drew Daniel
Registrazione1993-2001
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[1]
(Vendite: 50.000+)
Regno Unito Regno Unito[2]
(Vendite: 100.000+)
Björk - cronologia
Album precedente
(2001)
Album successivo
(2002)
Singoli
  1. It's in Our Hands
    Pubblicato: 25 novembre 2002
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle[3]
Entertainment Weekly A[4]
Pitchfork Media (9.2/10)[5]
Robert Christgau A−[6]
Rolling Stone 4/5 stelle[7]
Slant Magazine 3/5 stelle[8]

Greatest Hits è una raccolta di successi della cantante islandese Björk, pubblicata nel 2002 dalla One Little Indian.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta contiene singoli provenienti dai precedenti album di inediti della cantante: Human Behaviour, Venus as a Boy, Big Time Sensuality e Play Dead, provengono dall'album Debut del 1993; Army of Me, Isobel, Hyper-Ballad e Possibly Maybe provengono da Post del 1995; All Is Full of Love, Jóga, Bachelorette e Hunter, provengono da Homogenic del 1998; Pagan Poetry e Hidden Place provengono da Vespertine del 2001. È presente, in fondo alla tracklist, l'unico inedito dell'album, It's in Our Hands, pubblicato come singolo il 25 novembre 2002.

La pubblicazione dell'album fu preceduta da un sondaggio online, sul sito ufficiale di Björk, in cui fu richiesto ai fan della cantante di votare il brano preferito tra le tracce dei vari album e le b-side, in modo da comporre una classifica destinata a diventare la tracklist della raccolta; le votazioni si conclusero il 9 luglio 2002, ma la classifica che ne derivò non fu completamente rispettata per la composizione della scaletta: ad esempio, l'album si apre con la canzone All Is Full of Love, nonostante il brano maggiormente votato fosse Hyper-Ballad.[9]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. All Is Full of Love[10] (Video Version) – 4:46 (Björk)
  2. Hyper-Ballad[11] – 5:23 (Björk)
  3. Human Behaviour[12] – 4:13 (Björk, Nellee Hooper)
  4. Jóga[13] – 5:04 (Björk, Sjón)
  5. Bachelorette[10] – 5:17 (Björk, Sjón)
  6. Army of Me[14] – 3:56 (Björk, Graham Massey)
  7. Pagan Poetry[10] – 5:14 (Björk)
  8. Big Time Sensuality[15] (The Fluke Minimix) – 4:56 (Björk, Nellee Hooper)
  9. Venus as a Boy[12] – 4:41 (Björk)
  10. Hunter[13] – 4:15 (Björk)
  11. Hidden Place[10] – 5:28 (Björk)
  12. Isobel[11] – 5:48 (Björk, Nellee Hooper, Marius De Vries, Sjón)
  13. Possibly Maybe[11] – 5:07 (Björk)
  14. Play Dead[16] – 3:57 (Björk, David Arnold, Jah Wobble)
  15. It's in Our Hands[17] – 4:14 (Björk)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
massima
Australia[18] 84
Austria[19] 64
Belgio (Fiandre)[19] 42
Belgio (Vallonia)[19] 18
Germania[19] 71
Italia[19] 39
Regno Unito[20] 53
Stati Uniti[21] 115
Svezia[22] 52
Svizzera[19] 24

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 28 agosto 2016.
  2. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 4 marzo 2016. Inserire Björk in Keywords, Artist in Search by, Gold in By Award, Album in By Format.
  3. ^ Allmusic review
  4. ^ Kristina Feliciano, "Family Tree"; "Greatest Hits" Review, Entertainment Weekly, 8 novembre 2002, p. 106. URL consultato il 28 aprile 2012.
  5. ^ Ott, Chris (2002-11-26) Björk Greatest Hits: Elektra 2002 Archiviato il 13 giugno 2012 in Internet Archive.. Pitchfork.com. Retrieved on 2013-09-15.
  6. ^ Robert Christgau review, Robertchristgau.com. URL consultato il 29 settembre 2011.
  7. ^ Edwards, Gavin (2002-09-26) Bjork Greatest Hits. Rollingstone.com. Retrieved on 2013-09-15.
  8. ^ Slant Magazine review, Slantmagazine.com. URL consultato il 29 settembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  9. ^ (EN) björk.com/news 2002, su bjork.com, 9 luglio 2002. URL consultato il 4 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2008).
  10. ^ a b c d Produzione: Björk
  11. ^ a b c Produzione: Björk, Nellee Hooper
  12. ^ a b Produzione: Nellee Hooper
  13. ^ a b Produzione: Björk, Mark Bell
  14. ^ Produzione: Björk, Graham Massey, Nellee Hooper
  15. ^ Produzione: Björk, Nellee Hooper; remix: Fluke
  16. ^ Produzione: David Arnold, Danny Cannon, Tim Simenon
  17. ^ Produzione: Björk, Drew Daniel
  18. ^ (EN) The ARIA Report! (PDF), su pandora.nla.gov.au, 11 novembre 2002. URL consultato il 2 novembre 2016.
  19. ^ a b c d e f (DE) BJÖRK - GREATEST HITS, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 3 novembre 2016.
  20. ^ (EN) BJORK, Official Charts Company. URL consultato il 3 novembre 2016.
  21. ^ (EN) Björk - Chart History, Billboard. URL consultato il 3 novembre 2016.
  22. ^ (SV) BJÖRK - GREATEST HITS (ALBUM), Grammofonleverantörernas förening. URL consultato il 2 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica