Medúlla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medúlla
Artista Björk
Tipo album Studio
Pubblicazione agosto 2004
Durata 45 min : 40 s
Dischi 1
Tracce 14
Genere Musica elettronica
A cappella
Folk
Musica sperimentale
Etichetta One Little Indian
Produttore Björk, Mark Bell
Björk - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2005)
Singoli
  1. Who Is It
    Pubblicato: 18 ottobre 2004
  2. Triumph of a Heart
    Pubblicato: 28 febbraio 2005

Medúlla (agosto 2004) è il quinto album della cantautrice islandese Björk.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Medúlla (che significa "midollo", in latino) è l'album più controverso della cantante islandese Björk. Nelle tracce che compongono l'album non viene praticamente usato alcuno strumento musicale all'infuori della voce umana. Questo ha portato a dover campionare numerosi suoni prodotti dalla stessa cantante e dai suoi collaboratori (Mike Patton, Robert Wyatt, Tanya Tagaq Gillis, Rahzel dei The Roots, e Dokaka) e, con l'utilizzo del computer e altre tecnologie, riutilizzati per creare le basi delle tracce.

Mentre alcune canzoni rimangono comunque legate in qualche modo allo stile classico di Björk, altre come Ancestors, prodotta da lamenti e respiri, perdono praticamente la struttura della canzone per dar vita a sperimentazioni sconnesse e a volte spudoratamente cacofoniche.

Il brano Oceania è stato commissionato dal Comitato Olimpico Internazionale ed è stato eseguito dalla cantante durante l'apertura delle Olimpiadi di Atene 2004. Il testo della canzone richiama il mito greco di Oceano e l'idea che tutte le creature, esseri umani compresi, provengano dall'acqua del mare. È stata scritta interamente dal punto di vista dell'oceano stesso e nel video Björk appare immersa in un mondo acquatico buio, popolato da creature simili a piante e pesci.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard
  1. Pleasure Is All Mine[1] – 3:26 (Björk, Tagaq, Mike Patton)
  2. Show Me Forgiveness[1] – 1:23 (Björk)
  3. Where Is the Line[2] – 4:41 (Björk)
  4. Vökuró[1] – 3:14 (Jórunn Viðar, Jakobína Sigurðardóttir)
  5. Öll Birtan[1] – 1:52 (Björk)
  6. Who Is It (Carry My Joy on the Left, Carry My Pain on the Right)[1] – 3:57 (Björk)
  7. Submarine[2] – 3:14 (Björk)
  8. Desired Constellation[1] – 4:55 (Björk, Olivier Alary)
  9. Oceania[2] – 3:24 (Björk, Sjón)
  10. Sonnets/Unrealities XI[1] – 1:59 (Björk, Edward Estlin Cummings)
  11. Ancestors[1] – 4:08 (Björk, Tagaq)
  12. Mouth's Cradle[1] – 4:00 (Björk)
  13. Miðvikudags[1] – 1:24 (Björk)
  14. Triumph of a Heart[1] – 4:04 (Björk)
Bonus track per il Giappone
  1. Komið[1] – 2:02 (Björk)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Produzione: Björk
  2. ^ a b c Produzione: Björk, Mark Bell
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica