Pebbles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pebbles
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereRhythm and blues[1]
Pop[1]
Rock[1]
Contemporary R&B[1]
Periodo di attività musicale1987 – in attività
StrumentoVoce
EtichettaMCA
Pebbitone, Inc
Album pubblicati5
Studio4
Raccolte1
Sito ufficiale

Pebbles, in seguito nota come Perri Reid, o ancora Perri 'Pebbles' Reid, pseudonimo di Perri Arnette McKissack (Oakland, 29 agosto 1964[2]), è una cantautrice, produttrice discografica, predicatrice battista statunitense, popolare soprattutto alla fine degli anni ottanta - primi novanta. È la cugina della cantante Cherrelle.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nata da un famiglia con quattro figli e cresciuta nella grande Bay area della città di Oakland, in California, iniziò la carriera di cantante nei primi anni '80 come corista per la band del percussionista Bill Summers[1] e del gruppo musicale funk Con Funk Shun, collaborando fra l'altro come co-autrice ad uno degli ultimi brani di successo, Body Lovers[1].

Alla fine del decennio, con lo pseudonimo di Pebbles (soprannome familiare tratto da un personaggio dei Flinstones)[3], firmò un contratto discografico con la MCA.

L'esordio con l'omonimo album avvenne nel 1987 con il supporto di Babyface, di Michael Sembello e del produttore L.A. Reid (LaFace Records), che avrebbe sposato due anni più tardi: diventati hit di successo e entrati nella Top Five americana della Billboard Hot 100, i due singoli Girlfriend (quinto posto)[4] e Mercedes Boy (secondo posto)[5] conquistarono la vetta nelle vendite con il disco d'oro e di platino negli States[6].

Nel 1988 cantò pure nei cori per l'album Forever Your Girl della cantante Paula Abdul.

Ai XXXI Grammy Awards 1989 fu inserita nella rosa delle nomination per la categoria Best R&B Vocal Performance, Female con il brano Girlfriend[7].

Gli Anni Novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 uscì il secondo album di Pebbles, Always, ancora una volta disco oro e platino[6], ottenendo un altro successo nella Top Five con il singolo Giving You the Benefit (quarto posto in America)[8], con la collaborazione fra gli altri anche delle Salt-n-Pepa (Backyard) e di Cherrelle fra i cori. Ai XXXIII Grammy Awards 1990 fu nuovamente indicata nella rosa delle nomination per la categoria Best R&B Vocal Performance, Female con il brano Giving You the Benefit[7].

A Natale del '90 apparirà in tv nel programma popolare Friday Night Videos della Nbc accanto a Whitney Houston, una delle sue migliori amiche (già viste insieme un mese prima all'Arsenio Hall Show su Paramount Television, a novembre)[9]; Pebbles fu tra l'altro sua damigella d'onore al matrimonio con Bobby Brown nel '92[10].

Il suo singolo Love Makes Things Happen, uscito nel gennaio del 1991[3] in duetto con Babyface, raggiunse il tredicesimo posto nelle classifiche americane[11].

Messa momentaneamente da parte la carriera da solista, Pebbles fondò l'etichetta discografica Savvy Records e creando ad Atlanta il gruppo musicale femminile delle TLC, com'è noto, formato da Tionne "T-Boz" Watkins, Lisa "Left Eye" Lopes e da Rozonda "Chilli" Thomas, sostenendone la carriera da manager, non appenna divenne uno dei più popolari gruppi a livello mondiale nel 1994, grazie al successo dell'album CrazySexyCool, undici volte disco di platino[1]. Da allora, le TLC vendettero oltre 65 milioni di dischi, il secondo gruppo femminile più commercializzato di tutti i tempi, dopo le Spice Girls[12].

Nel 1995 Pebbles tornò a cantare con il terzo album dal titolo Straight from the Heart, senza riuscire a eguagliare il successo commerciale dei predecedenti lavori.

La conversione religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1997-'98 avvenne l'incontro mistico della Pebbles con Dio: prese quindi la decisione di fondare in seguito la comunità religiosa "Donne di Dio che cambiano vita attraverso Cristo" (Women of God Changing Lives Through Christ)[2] e assumendo il nome di "Sorella Perri".

Nel 2000 fu pubblicata la raccolta Greatest Hits per l'etichetta Hip-O records.

Dal 4 novembre del 2001 divenne un ministro della chiesa cristiana battista, investita da Eddi L. Long, vescovo della Newbirth Missionary Baptist Church di Lithonia[2].

Nel 2008 pubblicò il suo quarto album dal titolo Prophetic Flows vol. I & II, piazzandosi al 12º posto nella classifica Billboard Gospel Album Chart.

Il 2011 segnò il suo ritorno nel mondo dello spettacolo: fu chiamata dall'Essence Music Festival, organizzato nello stato della Louisiana a New Orleans, in qualità di produttore esecutivo alla ricerca di nuovi talenti R&B[13].

La rottura con le TLC e le vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il successo mondiale del trio delle TLC, nel luglio del 1995, presentarono istanza di fallimento[14]. Secondo il tribunale, le star avrebbero dichiarato di avere meno di un milione di dollari in attività, ma non erano in grado di sostetenere debiti per oltre tre milioni e mezzo di dollari.

Probabilmente, secondo la Krulik[14], la maggior parte di quel debito apparteneva a Lisa "Left Eye" Lopes, che era stata citata in giudizio dalla compagnia di assicurazioni Lloyds di Londra. Ma anche le altre ragazze avevano contratto debiti[14].

Molti addetti ai lavori ritennero, invece, che gran parte dei problemi delle TLC derivassero da un cattivo contratto[14] firmato con la manager Perri "Pebbles" Reid (aveva 'blindato' le TLC con un contratto da sei cd[2]) e la sua società Pebbitone. Ma la Pebbles negò ogni attribuzione. Piuttosto, la produttrice rimase dell'avviso che l'intera questione della bancarotta fosse stata soltanto una manovra delle TLC: il trio voleva uscire dal contratto discografico sfavorevole, rinegoziando un nuovo accordo per royalties più elevate con l’etichetta discografica, LaFace[2], fondata dal marito e da Kenneth "Babyface" Edmonds. Per cui la Reid, a sua discolpa, continuò a sostenere sul fatto che le ragazze montarono i loro debiti per far sembrare le cose peggiori di quanto fossero.

Le TLC insistitettero sul fatto che, oltre ai debiti di Lisa Lopes, il gruppo guadagnasse meno di quanto effettivamente incassato dalle vendite di CrazySexyCool[14], e che le spese sarebbero servite per curare gli attacchi dolorosi di T-Boz, da tempo affetta da anemia falciforme[14], senza contare il costo delle spese logistiche e promozionali.

Alla fine, Pebbles si vide costretta a fare causa sia al trio TLC, per compensi arretrati[2], sia al marito L.A. Reid, a Babyface (per LaFace Records) e all'Arista Records, per 10 milioni di dollari[2][15], in quanto aveva tentato di sottrarre dal suo controllo i suoi talenti e accusandoli di illecite infrazioni contrattuali. La produttrice americana abbandonerà l'industria musicale per oltre dieci anni, dopo essere rimasta amareggiata dall'esperienza negativa negli anni '90[16].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sporadiche le notizie attorno alla sua vita privata. Secondo IMDb, Pebbles ha avuto tre matrimoni e due figli[17].

Una prima figlia, Ashley, nacque dal primo matrimonio (1982-?) con George Smith.

Quindi la cantante sposò nel 1989[17] L.A. Reid, da cui ebbe il figlio Aaron[18]. Poi, per via delle vicende giudiziarie ed economiche con le TLC, ottenne il divorzio nel 1996[17].

Il matrimonio del 2000[19] con l'ex giocatore della Major League Baseball, Otis Nixon, è durato appena quattro anni.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Remix[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Singoli (come corista)[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Canzoni scritte per altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

Dischi prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Girlfriend[modifica | modifica wikitesto]

Girlfriend resta probabilmente il suo singolo di maggiore successo a livello internazionale[38]. Secondo quanto riferito dall'ex marito L.A. Reid, il brano destinato ad essere cantato da Vanessa Williams, passò alla fine a lei dopo averne acquistato i diritti per 18mila dollari[39]. I Caramel (ovvero i produttori Andy e Pete Lee del progetto musicale Love to Infinity) con la vocalist Paule Van Wijngaarden, registrarono nel 1999 una versione garage per la Brother Records.

A distanza di quasi di trentanni, ne ha fatto una versione dance-pop la cantante Sinitta, nel 2016.

Classifiche (1987–1988) Posizione
massima
Australia (ARIA) -
Austria (Ö3 Austria Top 40) -
Belgio (Ultratop)[40] 33
Canada (RPM) -
Danimarca (IFPI) -
Finlandia (Suomen virallinen lista) -
Francia (SNEP) -
Germania (Media Control Charts)[40] 14
Irlanda (IRMA)[41] 9
Italia (FIMI) -
Norvegia (VG-lista) -
Nuova Zelanda (RIANZ)[40] 22
Paesi Bassi (Dutch Top 40)[42] 21
Regno Unito (The Official Charts Company)[43] 8
Spagna (AFYVE) -
Stati Uniti (U.S. Billboard Hot 100)[44] 5
Svezia (Schweizer Hitparade) -
Svizzera (Schweizer Hitparade)[40] 13

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Regia
1987 Girlfriend
1988 Mercedes Boy
1988 Do Me Right
1990 Giving You The Benefit Steven T. Miller/R. Brad Murano
1990 Love Makes Things Happen
1991 Backyard
1995 Are You Ready? Daniela Federici[45]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel film tv docu-drama CrazySexyCool: The TLC Story, regia di Charles Stone III, trasmesso in America il 21 ottobre 2013 dal network musicale VH1[46][47], il suo personaggio fu interpretato dall'attrice Rochelle Aytes.

Secondo la recensione della rivista Rolling Stone[48], nel film (sceneggiato da Kate Lanier) Pebbles fu ritratta come una produttrice parassita che ha volutamente sottratto milioni di dollari dal gruppo musicale di ingenue ragazze.

Nel 2014 Reid intraprese un’azione legale contro la società madre di VH1, la Viacom, per le “molte affermazioni false e diffamatorie” fatte nei suoi confronti e chiedendo un risarcimento di 40 milioni di dollari[49].

Nel 2016, in un giudizio sommario, il giudice distrettuale Mark Cohen - nella sua sentenza, pubblicata da The Hollywood Reporter[50] - ritenne che solo cinque su quindici affermazioni contestate potevano sostenere una nuova richiesta di diffamazione.

La Viacom ha continuato a insistere - ancora durante l'indagine processuale del 2017 in corso, prima del processo con una giuria[51] - sul fatto che il docudramma ha raccontato le esperienze dei membri delle TLC, raccontate dal loro punto di vista, rispettando il diritto di libertà di parola secondo il Primo Emendamento della Costituzione americana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hugh Gregory, Soul Music A-Z (ediz. aggiorn.), New York, Da Capo Press, 1995.
  • Colin Larkin, The Encyclopedia of popular music, London, Macmillan, 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Greg Prato, Pebbles, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 18 aprile 2018.
  2. ^ a b c d e f g Biografia di Pebbles, in Cinquantamila.it. URL consultato il 18 aprile 2018. La data di nascita presa in considerazione è quella fornita dal volume di Hugh Gregory, Soul Music A-Z (ediz. aggiorn.), New York, Da Capo Press, 1995, p.235. Data poi riconfermata dall'archivio on-line della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni. "Cinquantamila", citanto quasi interamente l'articolo biografico di Benedetta Pignatelli su Sette (n.25/2002), indica come data di nascita il 6 novembre 1966, probabilmente perché varie fonti ufficiali, come il Who's who Among African Americans (New York, Gale research, 2008) indicavano erroneamente una vecchia informazione.
  3. ^ a b Colin Larkin, The Encyclopedia of popular music, London, Macmillan, 2006, p.466.
  4. ^ (EN) Pebbles-Girlfriend, Billboard.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  5. ^ (EN) Pebbles-Mercedes Boy, Billboard.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  6. ^ a b (EN) Dischi di Pebbles Boy, Riaa.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  7. ^ a b (EN) Grammy Awards, grammy.com. URL consultato il 20 aprile 2018.
  8. ^ (EN) Pebbles-Giving You the Benefit, Billboard.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  9. ^ (EN) Lynn Norment, Pebbles' southern hideway, in Ebony, aprile 1991. URL consultato il 22 aprile 2018.
  10. ^ (EN) Joy Bennett Kinnon, The definining connection: 'Sistah celebrities' and their 'best girlfriend', in Ebony, marzo 2005. URL consultato il 22 aprile 2018.
  11. ^ (EN) Pebbles-Love Makes Things Happen, Billboard.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  12. ^ (EN) 'It's a complete lie': Pebbles Reid denies cheating TLC band members out of millions ..., dailymail.co.uk, 15 novembre 2013. URL consultato il 19 aprile 2018.
  13. ^ Benedetta Pignatelli, Perri Reid e Essence magazine a caccia della nuova star dell' R'n B, su vogue.it, 26 aprile 2011. URL consultato il 22 aprile 2018.
  14. ^ a b c d e f (EN) Nancy E. Krulik, Chapter Five: Bankrupt!, in Lisa Lopes: The Life of a Supernova, New York, Simon Pulse, 2002, ISBN 978-06-13569-21-7.
  15. ^ (EN) Courtroom drama, in Billboard, 23 dicembre 1995, p. 38. URL consultato il 24 aprile 2018.
  16. ^ Pebbles è tornata sulla vicenda in una intervista tv dal titolo Sister Perri aka Pebbles: Straight Up per The Black Family Channel (già Major Broadcasting Cable Network).
  17. ^ a b c Biografia di Pebbles, Imdb.com.
  18. ^ Con lo pseudonimo di Aaron Alexander, il figlio della Pebbles, ha tentato la carriera di solista con il brano "Crazy Luv" nel 2011, girando un videoclip diretto da John P. Wheatley e dalla sorella di primo letto che si firma come Ashley V. Reid. Cfr. Mariel Concepcion, Born this way, Billboard, 26 marzo 2011.
  19. ^ Otis Nixon and Perri Reid, "Lodi News/Sentinel" - 27 settembre 2000.
  20. ^ Late Nite Tuff Guy - Take your time, di Erica Washington, 2 febbraio 2013.
  21. ^ Per la colonna soroa del film Beverly Hills Cop II.
  22. ^ Per la colonna sonora del film Licenza di guida.
  23. ^ Brano collettivo per la colonna sonora del film Panther. Alla canzone prese parte un foltissimo gruppo di star della musica. Fra cui: Aaliyah, Felicia Adams, May May Ali, Amel Larrieux, Az-Iz, Blackgirl, Mary J. Blige, Tanya Blount, Brownstone, Casserine, Changing Faces, Coko, Tyler Collins, N'Dea Davenport, E.V.E., Emage, En Vogue, Eshe & Laurneá (degli Arrested Development), Female, For Real, Penny Ford, Lalah Hathaway, Jade, Jamecia, Jazzyfatnastees, Queen Latifah, Billy Lawrence, Joi, Brigette McWilliams, Milira, Miss Jones, Cindy Mizelle, Monica, Meshell Ndegeocello, Natasha, Pure Soul, Raja-Nee, Brenda Russell, SWV, Chantay Savage, Sonja Marie, Tracie Monique Spencer, Sweet Sable, TLC, Terri & Monica, Vybe, Crystal Waters, Caron Wheeler, Karyn White, Vanessa L. Williams, Xscape, Y?N-Vee, Zhané.
  24. ^ La Compilation contiene il brano Backyard (Uptown Club Version).
  25. ^ La Compilation contiene il brano Are You Ready.
  26. ^ La Compilation contiene il brano Love Makes Things Happen.
  27. ^ La Compilation contiene il brano Mercedes Boy.
  28. ^ La Compilation contiene il brano Mercedes Boy.
  29. ^ La Compilation contiene i brani Girlfriend e Mercedes Boy. Compilation in precedenza pubblicata come "Rhythm Of The Night: 80s Club".
  30. ^ L'Album contiene il brano Backyard.
  31. ^ L'Compilation contiene il brano Mercedes Boy.
  32. ^ Bill Summers & Summers Heat – Call It What You Want
  33. ^ Con Funk Shun – Body Lovers
  34. ^ Esponente dei gruppi hip-hop Organized Noize, produzione legata all'etichetta LaFace di L.A. Reid, e P.A. (Parental Advisory) di Atlanta.
  35. ^ Per l'album di Babyface dal titolo Tender Lover (1989).
  36. ^ Per l'album omonimo di Dwight Sills (1990).
  37. ^ 4.0 - 4.0, Savvy Records/Perspective Records, 1997.
  38. ^ Pollock inserisce il brano in una lista dei migliori brani rock del secondo Novecento. Cfr. Bruce Pollock, Rock Song Index: The 7500 Most Important Songs for the Rock and Roll Era: 1944-2000, London, Routledge, 2014.
  39. ^ (EN) Jerry Portwood, 10 Things We Learned From L.A. Reid's Juicy Tell-All, su rollingstone.com, 10 febbraio 2016. URL consultato il 22 aprile 2018.
  40. ^ a b c d "Girlfriend", lista in varie classiche nazionali Lescharts.com (Ultimo accesso 18 aprile 2018)
  41. ^ Irish Single Chart Irishcharts.ie (Ultimo accesso 18 aprile 2018)
  42. ^ (NL) Informazioni su Pebbles (PDF), Top40. URL consultato il 18 aprile 2018.
  43. ^ "Girlfriend", UK Singles Chart Chartstats.com (Ultimo accesso 18 aprile 2018)
  44. ^ Canzoni di Pebbles in classifica Billboard Hot 100, billboard.com. URL consultato il 18 aprile 2018.
  45. ^ Production notes, in Billboard, 26 agosto 1995. URL consultato il 22 aprile 2018.
  46. ^ (EN) Relive TLC's Pop Star Heyday In VH1's 'CrazySexyCool: The TLC Story' Teaser Trailer (VIDEO), mtv.com, 25 luglio 2013. URL consultato il 20 aprile 2018.
  47. ^ Marta Blumi Tripodi, Fuori il trailer del film sulla storia delle TLC, su hotmc.com, 29 luglio 2013. URL consultato il 20 aprile 2018.
  48. ^ (EN) Sowmya Krishnamurthy, 10 Things We Learned From L.A. Reid's Juicy Tell-All, su rollingstone.com, 22 ottobre 2013. URL consultato il 22 aprile 2018.
  49. ^ (EN) Brennan Williams, TLC’s Former Manager, Perri ‘Pebbles’ Reid, Files $40 Million Lawsuit Against Viacom, su huffingtonpost.com, 28 aprile 2014. URL consultato il 22 aprile 2018.
  50. ^ (EN) Eriq Gardner, Perri "Pebbles" Reid, the group's former manager, advances past the summary judgment phase of her defamation lawsuit, su hollywoodreporter.com, 20 settembre 2016. URL consultato il 24 aprile 2018.
  51. ^ (EN) Chris Cooke, $40 million defamation suit over TLC biopic to proceed, su completemusicupdate.com, 26 settembre 2017. URL consultato il 24 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100316270 · ISNI (EN0000 0001 1453 3682 · LCCN (ENn88649692 · GND (DE134597435