Nissan 300ZX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nissan 300ZX
Nissan 300 ZX (8490940358).jpg
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Nissan Motor
Tipo principale Coupé
Produzione dal 1983 al 2000
Sostituisce la Datsun 240Z
Sostituita da Nissan 350Z
Esemplari prodotti 494.070
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4460 mm
Larghezza 1820 mm
Altezza 1250 mm
Passo 2320 mm
Massa 1510 kg
Altro
Stile Kazumasu Takagi (1982)
1984 Nissan 300ZX (Z31) 50th Anniversary hatchback (2015-08-07) 02.jpg

La Nissan 300ZX, conosciuta anche come Nissan Fairlady Z, è una vettura sportiva che è stata prodotta dalla casa automobilistica nipponica Nissan. Essa comprende la prima e seconda generazione della 300 ZX, rispettivamente con le denominazioni dei telai Z31 (prodotta dal 1983 al 1989) e Z32 (prodotta dal 1989 al 2000).

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Nissan 300ZX (Z31) modello 1987-89

Il nome 300ZX segue la convenzione numerica avviata con la 240Z e presentata da Yutaka Katayama, una volta presidente della sezione Nissan Motors degli Stati Uniti d'America. La "X" è stata aggiunta al nome prendendo spunto dal modello 280ZX, che significava la presenza, sia di serie o in opzione, di caratteristiche votate al comfort e la lusso non presenti nei modelli precedenti.

Il nome è stato utilizzato nella maggior parte dei mercati con poche eccezioni, compreso il mercato giapponese, dove è stata venduta come "Fairlady Z".

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Motore di una Nissan 300ZX (Z32) del 1990

La Z31 e Z32 utilizzano un 3.0 litri V6 aspirato o monoturbo (Z31) e twin turbo (Z32). Sebbene entrambi i motori siano dalla stessa serie VG e abbiano la stessa cilindrata, la potenza dei VG30DE e VG30DETT della Z32 è superiore a quelli della Z31. Il VG30DE ha anche un doppio albero a camme in testa e fasatura variabile sull'aspirazione, mentre il vecchio VG30 ha un unico albero a camme in testa. La Z32 aspirata ha 222 CV (166 kW) e 268 Nm di coppia, mentre la Z31 ha 160-165 CV e 236 Nm di coppia. Allo stesso modo, il Twin-Turbo della Z32 ha 283 CV (208 kW) e 384 Nm di coppia rispetto al singolo turbo della Z31 che ha 200-205 CV e 308 Nm. La Z32 twin turbo ha anche due intercooler a differenza della Z31 turbo.

Telaio e meccanica[modifica | modifica wikitesto]

300ZX (Z32) del 1989

Il telaio della Z31 si basava su quello della 280ZX, anche se il telaio delle versioni più recente hanno ricevuto le sospensioni indipendenti MacPherson e un incremento della lunghezza del passo. I Modelli turbo, ad eccezione della Shiro Special Edition, avevano ammortizzatori regolabili elettronicamente.

Inoltre sono state introdotte la versione speciale 50° Anniversario che era incentrata sul lusso, per celebrare i 50 anni della società nel 1984, e la versione Shiro Special Edition, introdotta 4 anni più tardi, che vantava aggiornamenti orientati alle prestazioni.

Nissan 300ZX (Z32), vista posteriore

Il telaio della Z32 e lo stile sono stati completamente ri-progettati con una vettura completamente nuova, con le linee esterne dalle superfici molto curve e con una più efficiente aerodinamica. Il nuovo telaio è caratterizzato anche dalle ruote sterzanti posteriori a comando idraulico chiamato HICAS, modificate in seguito nel 1994 con degli attuatori elettrici denominato SuperHICAS. Anche se non si tratta di una edizione speciale, fu presentata nel 1996 dalla Nissan una serie di 300 unità per il mercato americano con l'allestimento Commemorative Edition. La commercializzazione della Z32 è cessata al di fuori del mercato nipponico nel 1997, mentre in Giappone è continuata fino ad agosto del 2000.

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Fedele alla sua erede, la 300ZX ha avuto notevoli vittorie, tra cui la serie 1986 Trans Am e la 1994 24 Ore di Daytona. Tuttavia, per politica e contestazioni di altre case di auto sportive, una controversa vittoria di classe GTS-1 alla 24 Ore di Le Mans stesso anno ha indotto l'International Motor Sports Association a dichiarare il motore twin turbo illegale per la futura concorrenza. Il 300ZX anche il E/BMS terrà il record di velocità di 419,84 km/h dal 1991 Bonneville Speed Trial.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua vita, la 300ZX è stata lodata dalla critica. Car and Driver l'ha messa tra le dieci migliori auto per 7 anni consecutivi e Motor Trend le ha conferito il Import Car of the Year 1990.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Motor Trend Import Cars of the Year Complete Winners List, in Motor Trend, 20 settembre 2004. URL consultato il 30 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili