Nathalie Guetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nathalie Guetta nel 2016

Nathalie Guetta, all'anagrafe Nathalie Evalyne Guetta[1] (Parigi, 9 settembre 1958[1][2]), è un'attrice e circense francese naturalizzata italiana, nota al pubblico televisivo italiano per il ruolo della perpetua Natalina nella serie televisiva Don Matteo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata da Pierre Guetta, sociologo di origine ebraica marocchina, e da Francine Bourla, gallerista di arte tribale. È sorella del giornalista e politico Bernard Guetta; il disc jockey e produttore David Guetta è un fratellastro nato dal secondo matrimonio del padre.[3]

All'età di 16 anni lascia la natia Parigi per seguire corsi e spettacoli circensi in Francia e nel Benelux. Dopo sei anni, arriva a Napoli, terra natale del nonno paterno[senza fonte], ed inizia la sua attività anche insegnando clownistica e realizzando spettacoli con burattini.[4][5]

Nel 1989 acquista notorietà presso un pubblico più vasto, grazie alle sue partecipazioni al Maurizio Costanzo Show in svariati numeri acrobatici.[6] Approda al cinema nel 1987 interpretando un piccolissimo ruolo in Intervista di Federico Fellini, viene poi notata da Cristina Comencini, che la scrittura per il suo film I divertimenti della vita privata,[7] inizia così la sua carriera di attrice, comparendo soprattutto in produzioni per la televisione. Dal 2000 è nel cast della fiction Don Matteo di Rai 1.[8]

Nel 2018 prende parte come concorrente alla tredicesima edizione del talent show di Rai 1 Ballando con le stelle, condotto da Milly Carlucci[9][10], e dallo stesso anno partecipa ad alcune puntate di Stasera tutto è possibile, varietà di Rai 2 condotto da Amadeus e poi da Stefano De Martino.[11]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nathalie ha sposato Yudiel Sanchez, che ha conosciuto a Cuba nel 2007 e ha 17 anni in meno di lei. Nel 2020 il matrimonio è giunto alla fine.[12][13]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nastro d'argento
Festival di Taormina
  • 2018 – Candidatura all'arancio d'oro televisivo per Don Matteo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Elenco dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione ai fini dell'imposta sui redditi e dell'imposta sul valore aggiunto relative all'anno d'imposta 2005 - persone fisiche (importi in unità di euro) - Comune di Roma - Agenzia delle Entrate
  2. ^ ivid.it. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2014).
  3. ^ Radio Deejay - Il nostro incontro in Francia (intervista a David Guetta)
  4. ^ Tutto su Nathalie Guetta: vita privata, matrimonio, curiosità sulla concorrente di Ballando con le stelle 2018 | Ultime Notizie Flash, su ultimenotizieflash.com. URL consultato il 28 agosto 2020.
  5. ^ 5 cose che non sai su Nathalie Guetta, su superEva, 6 marzo 2018. URL consultato il 28 agosto 2020.
  6. ^ La prima di Natalie Guetta - Maurizio Costanzo Show Clip, su Witty Tv. URL consultato il 28 agosto 2020.
  7. ^ I divertimenti della vita privata - Film (1990), su ComingSoon.it. URL consultato il 28 agosto 2020.
  8. ^ Nathalie Guetta filmografia, su ComingSoon.it. URL consultato il 28 agosto 2020.
  9. ^ Alessandra Orlacchio, La sfida di Nathalie Guetta: a 60 anni nel cast di Ballando con le Stelle, su CheDonna.it, 3 marzo 2018. URL consultato il 28 agosto 2020.
  10. ^ A "Ballando con le stelle" Nathalie Guetta tra i sei finalisti. E scoppia il panico, su iltempo.it. URL consultato il 28 agosto 2020.
  11. ^ Nathalie Guetta, ospite di «Stasera tutto è possibile»: «Mi metto in gioco», su TV Sorrisi e Canzoni, 8 novembre 2018. URL consultato il 28 agosto 2020.
  12. ^ Yudiel Sanchez è il marito di Nathalie Guetta: biografia, età e lavoro, su gossippiu.com. URL consultato il 28 agosto 2020.
  13. ^ Gabriele M, Nathalie Guetta: chi è Yudiel Sanchez, ex marito dell'attrice, su ViaggiNews.com, 13 aprile 2020. URL consultato il 28 agosto 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15069243 · ISNI (EN0000 0000 0469 9657 · SBN TSAV438402