Michal Bílek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michal Bílek
Bilek.png
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 177 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Kazakistan Kazakistan
Termine carriera 2000 - giocatore
Carriera
Giovanili
1973-1982Sparta ČKD Praga
Squadre di club1
1982-1983Sparta ČKD Praga13 (0)
1984-1985RH Cheb50 (4)
1986-1990Sparta ČKD Praga135 (32)
1990-1992Betis59 (11)
1992-1993Sparta Praga28 (5)
1993-1996Viktoria Žižkov91 (20)
1996-1998Sparta Praga15 (1)
1998-2000Teplice76 (11)
Nazionale
1987-1992Cecoslovacchia Cecoslovacchia32 (11)
1993-1995Rep. Ceca Rep. Ceca3 (0)
Carriera da allenatore
2001Teplice
2001-2002Cartaginés
2002-2003Rep. Ceca Rep. Ceca U-19
2003-2006Chmel Blšany
2006Viktoria Plzeň
2006-2008Sparta Praga
2008-2009Ružomberok
2009-2013Rep. Ceca Rep. Ceca
2014Dinamo Tbilisi
2016-2017Vysočina Jihlava
2018-2019Fastav Zlín
2019-Kazakistan Kazakistan
2020Astana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 marzo 2019

Michal Bílek (Praga, 13 aprile 1965) è un allenatore di calcio ed ex calciatore ceco, cecoslovacco fino al 1992, ct della nazionale kazaka.

Vanta 10 titoli da giocatore (tra cui 5 campionati cecoslovacchi e 2 cechi) e 3 da manager, tutti con lo Sparta Praga eccetto l'edizione 1993-1994 della Coppa della Repubblica Ceca, prima edizione del torneo vinta con la maglia del Viktoria Zizkov.

Dal 2009 al 2013 è stato ct della Rep. Ceca.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver trascorso le giovanili nello Sparta ČKD Praga arriva a giocare in prima squadra nella seconda parte della stagione 1982-83. Bílek passa in prestito al RH Cheb l'anno dopo, quindi torna a Praga. Perde una coppa di Cecoslovacchia nel 1986 (1-1, 4-3 ai rigori contro lo Spartak Trnava), quindi ottiene due double consecutivi nelle stagioni 1987-1988 e 1988-1989. Si trasferisce agli spagnoli del Betis (in prima divisione), ma a fine stagione la seconda squadra di Siviglia retrocede in Segunda División.

Al termine del suo secondo anno in Spagna, torna in patria dove fa la spola tra Sparta ČKD Praga e Viktoria Zizkov, prima di passare al Teplice, dove termina la sua carriera nel 2000.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1987 e il 1992 è stato chiamato molte volte in Nazionale maggiore segnando 11 reti in 32 partite, ma dal 1993 è stato chiamato più raramente nella Nazionale ceca.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera di allenatore dal Teplice nel 2001. Accetta l'offerta del Cartaginés (Costa Rica), quindi nel 2002 guida l'U-19 ceca. Negli anni seguenti si siede sulla panchina di Chmel Blšany, Viktoria Pilsen e Sparta Praga, vincendo il titolo ceco del 2007 e anche la coppa nazionale nello stesso anno, centrando il suo primo double da tecnico. Vince nuovamente la Coppa della Repubblica Ceca 2008, quindi a fine stagione è esonerato e sostituito dal connazionale Vítězslav Lavička.

In seguito guida gli slovacchi del Ružomberok e dal 20 ottobre 2009 all'11 settembre 2013 è il CT della Rep. Ceca. Nonostante il rinnovo del contratto arrivato il 26 maggio del 2012,[2] l'11 settembre 2013 si dimette da CT dopo aver perso 2-1 contro l'Italia nella sfida di qualificazione al campionato mondiale di calcio 2014[3].

Nella stagione 2018-2019 è l'allenatore del Fastav Zlín[4].

Il 21 gennaio 2019 è nominato CT del Kazakistan[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sparta ČKD Praga: 1986-1987, 1987-1988, 1988-1989, 1989-1990, 1992-1993
Sparta ČKD Praga: 1987-1988, 1988-1989
Viktoria Žižkov: 1993-1994
Sparta Praga: 1996-1997, 1997-1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1989

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sparta Praga: 2006-2007
Sparta Praga: 2006-2007, 2007-2008
Astana: 2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Hašek passes Czech mantle to Bílek, uefa.com, 20 ottobre 2009. URL consultato il 5 luglio 2010.
  2. ^ Euro 2012:Rep.Ceca, Bilek ct fino al 2014 [collegamento interrotto], in Il Corriere della Sera, 26 maggio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  3. ^ Repubblica ceca, Bilek molla it.uefa.com
  4. ^ (CS) Zlín má náhradu za Petrželu. Přichází bývalý reprezentační kouč Bílek, su fotbal.idnes.cz, 31 maggio 2018. URL consultato il 31 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Dilshat Zhussupova, Czech Bílek appointed head coach of Kazakh national football team, Astana Times, 21 gennaio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]