Michael Pergolani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michael Pergolani nel ruolo di Nick Colasanti in Quel maledetto treno blindato

Michael Pergolani (Lubecca, 14 gennaio 1946) è un conduttore radiofonico, scrittore e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Lubecca in Germania il 14 gennaio 1946 da madre tedesca e padre italiano.

Attivo da fine anni sessanta come autore televisivo, conduttore radiofonico, giornalista, scrittore, fotografo, vive a Londra dal 1968 al 1980, città da cui corrisponde per L'altra domenica di Renzo Arbore (1977-79 Rai 2) . Noto, tra l'altro, per la sua interpretazione di Nick Colasanti in Quel maledetto treno blindato di Enzo G. Castellari. Ha collaborato inoltre alla sceneggiatura di No grazie, il caffè mi rende nervoso di Lodovico Gasparini, al fianco di Massimo Troisi e Lello Arena. È l'ideatore di Demo, l'Acchiappatalenti, striscia quotidiana su Radio Rai Uno dedicata alla musica emergente ed indipendente italiana. La trasmissione è andata in onda dal 2002 al 2014 ed è stata firmata come coautore anche da Renato Marengo.

Giornalismo[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con: Ciao 2001, Paese Sera, il Resto del Carlino, La Nazione, Playmen, Il Male, Il Lavoro, L'Occhio, Popstar, Rockstar, Giovani, Tv Sorrisi e Canzoni e LEI della Condé Nast Publications. Ha diretto il settimanale ed il mensile rock Tutti Frutti e Sette Stelle.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato come autore e in video a: L'altra domenica di Renzo Arbore (1977-79 Rai 2) in diretta da Londra con l'artista Galeazzo Nardini; Jeans Concerto (1980 - Rai 2); Che Combinazione (1980 Rai 2); Jenny 20-21 (1987, Odeon TV)[1]; I cervelloni (1994 Rai 1) ; Italia sera (1994 - Tg1) ; Mio Capitano (1995 - Rai 2) ; Domenica In (1996 - Rai 1). Speciali realizzati come autore e regista: Tina Turner (Rai 2); Enzo Gragnaniello (Rai 3); www.900.it (Rai 3), Caruso per San Giovanni a Teduccio (Rai 3). Nel 1980 realizzò come autore e regista i sei thriller brevi intitolati Vicolo Cieco per la NET, società di produzione e distribuzione diretta da Walter Veltroni.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Autore e conduttore da Broadcasting House (BBC Londra) di 3 edizioni di Top 75 e Big Music (Rai Radio 2) di Renzo Arbore; di Yellow Submarine (Circuito Margherita); di 2 edizioni di Song ‘e Napule (Rai Radio 1); di Strawberry Fields (Rai Radio 1); di Message in @ bottle (Rai Radio 1) e di 12 edizioni (2002-2014) di DEMO (Rai Radio 1) primo programma "talent" in assoluto, il televisivo xFactor inglese vede la luce nel 2004 due anni dopo il programma di Radio 1.

Fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Alcune sue foto fanno parte del libro d'arte Allen Jones Projects (Mathews Miller Dunbar - London 1971). Ritratti del pittore Francis Bacon si trovano sul catalogo dell'esibizione alla Galeries Nationales du Grand Palais (Parigi 1972), sul catalogo della mostra della Faggionato Fine Arts di Londra Francis Bacon - Paintings from The Estate - 1999 e della retrospettiva mondiale organizzata dal Gementemuseum di Den Haag (Paesi Bassi - 2001). Altre foto di Bacon si trovano a Dublino presso il Museo Hughlane. La Fondazione Van Gogh di Arles (Francia) ha inserito le sue foto in una mostra del 2002, le stesse sono entrate nel volume Francis Bacon's Studio di Margarita Cappock edito dalla Merrel Publishers Limited (Londra - New York 2005) e in riviste internazionali di prestigio come C International Photo Magazine (London 2005) e Detritus (London 2005). La sua agenzia Campus con sede a Londra era specializzata in foto d'arte e della rock-scene mondiale.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della compagnia Newspace Rev(a)ction del Circolo La Fede con Giancarlo Nanni, Manuela Kusterman, Valentino Orfeo, Fabio Ciriachi, Giuliano Vasilicò e altri (Festival dei Due Mondi di Spoleto, Festival di Avignone, Festival di Nancy, Università di Montpellier). È stato direttore artistico del Teatro Tasso di Sorrento e regista ed autore dello spettacolo di danza www.900.it realizzato per l'Accademia Nazionale di Danza di Roma con coreografie dirette da Joseph Fontano.

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà degli anni '70 Pergolani fu testimonial pubblicitario degli "Aquiloni di Peter Powell", della Fiat Panda e del thè Lipton.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 presenta a Bologna in Piazza Maggiore 4 domeniche di musica punk/rock italiana culminate con il concerto dei Clash di Joe Strummer del 1º giugno. Nel 1981 ha organizzato insieme alla redazione del settimanale satirico Il Male, al Beat 72, a Simone Carella, Vincino e L'Università Utopica di Montecatini un evento al Mattatoio di Roma intitolato Miseria '81 - Festival Internazionale dei Nuovi Poveri.

Dal 2003 al 2014 ha ideato il DEMOLive, serate ed eventi musicali di emergenti in giro per l'Italia, di cui ha curato la Direzione Artistica. Ha condotto insieme a Renato Marengo il Ruffano Trend & Blues Festival nel Salento, il "Lamezia Demofest a Lamezia Terme Catanzaro, il DEMO d'Autore ad Oliveto Citra Salerno, il Premio Siae x DEMO a Roma ed Avellino, Il LADYAward a Comiso Ragusa, il DEMOAward al Mei Fest (Festival/Fiera Musicale del Mediterraneo)" e svariati altri eventi tra cui concerti nel Carcere di Rebibbia (maschile e femminile), nel carcere di Rieti e in quello di Sollicciano a Firenze all'interno del JAILHOUSE Tour di DEMO. I concerti sono stati resi possibili dalla Palco Reale di Gianni Sergio e da diversi collaboratori (fissi) tra cui Ruggero Pegna per la Calabria e Giulio Tedeschi per il MEI). Nel 2015 ha organizzato e presentato due giorni di musica per la ASL Roma E nel comprensorio di Santa Maria della Pietà ed è stato protagonista di una serie di eventi narrativi autobiografici presso la libreria L'Altracittà di Roma.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Song ‘e Napule (Rai Eri) con Renato Marengo
  • Enzo Gragnaniello: dai quartieri al Teatro San Carlo (Rai Eri) con Renato Marengo
  • L'Enciclopedia del pop-rock napoletano (Rai Eri) con Renato Marengo
  • Poesie Giapponesi (Firenze Libri).

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ pag.22 de l'Unità dell'11/9/1987, vd. Archivio Storico Unità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70726181 · ISNI (EN0000 0003 8566 0528 · SBN IT\ICCU\UBOV\120149