Gemeentemuseum Den Haag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gemeentemuseum Den Haag
(NL) Gemeentemuseum Den Haag
(NL) Kunstmuseum Den Haag
(NL) Haags Gemeentemuseum
Gemeente museum.jpg
Ubicazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
LocalitàBuilding of the Kunstmuseum Den Haag
IndirizzoStadhouderslaan 41
Coordinate52°05′21.8″N 4°16′50.5″E / 52.089389°N 4.280694°E52.089389; 4.280694Coordinate: 52°05′21.8″N 4°16′50.5″E / 52.089389°N 4.280694°E52.089389; 4.280694
Caratteristiche
Istituzione29 maggio 1866
Fondatori
  • Hugo Ferdinand van Zuylen van Nijevelt
  • Jan Zacharie Mazel
  • David Joseph Bles
  • Louwrens Hanedoes
  • Carel Vosmaer
  • Henri Camp
  • Agnites Vrolik
Apertura29 maggio 1935
DirettoreBenno Tempel
Visitatori719 000 (2015)
Sito web
Il Gemeentemuseum a L'Aia
Jürgen Partenheimer, Weltachse V, installazione al Gemeentemuseum, 1999

Il Gemeentemuseum Den Haag è un museo a L'Aia con un'importante collezione di arte moderna.

La collezione[modifica | modifica wikitesto]

La collezione si sviluppa attorno all'opera di Piet Mondrian (la collezione più importante al mondo) che proviene principalmente dalla collezione di Salomon B. Slijper. Slijper aveva soprattutto opere del periodo figurativo di Mondriaans, prima che inizio il periodo più conosciuto della pittura neoplastisca. Tra le opere più importanti è il Victory Boogie Woogie (donata nel 1998 dalla De Nederlandsche Bank).

Nella collezione del museo vi sono inoltre opere di Pablo Picasso, Theo van Doesburg, Bart van der Leck, Charley Toorop e Francis Bacon. Importante è anche la collezione di grafiche, vestiti e strumenti musicali.

L'edificio[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è stato inaugurato nel 1935 e progettato da Hendrik Petrus Berlage. La torre scompare per dar spazio ad un edificio piatto; l'avvicinamento alla nuova architettura è sempre più esplicito. Opera introversa che racchiude gli elementi naturali all'interno. È l'ultima grande opera prima della morte dell'artista avvenuta nel 1934.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154982521 · ISNI (EN0000 0001 2298 7318 · LCCN (ENn79004217 · GND (DE2012983-X · BNF (FRcb121609381 (data) · BNE (ESXX147633 (data) · ULAN (EN500277610 · NLA (EN36221626 · BAV (EN494/8196 · WorldCat Identities (ENlccn-n79004217