Rockstar (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rockstar
StatoItalia Italia
LinguaItaliano
Periodicitàmensile
GenereInformazione e critica musicale
Formatomagazine
Fondazione1980
Chiusura2008
SedeRoma
Diffusione cartaceaNazionale
 

Rockstar. Rivista di rock mainstream, anche conosciuta con il solo nome di Rockstar, è stata una rivista musicale principalmente rivolta al rock mainstream nata a Roma nel 1980 e pubblicata dalla Actual Media. La rivista fu inizialmente fondata da una costola redazionale di Popster[1][2].

Storia della rivista[modifica | modifica wikitesto]

La rivista Rockstar nacque da una spaccatura interna a Popster della Publisuono, che, non senza polemiche vide fuoriuscire una parte della redazione che andrà a dar vita al nuovo giornale della Actual Media, tanto che, anni dopo, Max Stefani in un articolo su Il mucchio selvaggio diceva: "praticamente uno dei soci si prese tutto il materiale pronto per l'impaginazione e fece un'altra testata esterna alla casa editrice"[1][3].

Il primo numero di Rockstar uscì nel settembre del 1980 con una rivista di 84 pagine. Il pubblico a cui si rivolgeva era sostanzialmente lo stesso di Ciao 2001, celebre rivista settimanale degli anni '70 e '80. Tra le firme di Rockstar vi erano Peppe Videtti, Stefano Bonagura, Stefano Mannucci, Massimo Cotto, Enrico Sisti, Guido Harari, Roberto D'Agostino, Alex Righi, Giampiero Vigorito, ai quali si aggiunse nel 1985 Pier Vittorio Tondelli, che teneva una rubrica fissa chiamata Culture club[4].

Soprattutto a partire dagli anni '90 costituì praticamente l'unica rivista di Classic rock in Italia, tenendo in grande considerazione la musica britannica oltre che la musica statunitense, come faceva invece quasi unicamente un'altra importante rivista dell'epoca Buscadero.

La rivista interruppe la pubblicazione nel febbraio 2010, con il numero 351.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rockstar sul blog di Stampa Musicale
  2. ^ La stampa musicale e rock specializzata cartacea in Italia di Guido Sfondrini su distorzioni.net
  3. ^ 1977-2004 27 anni di Mucchio di Max Stefani su #604 - Il mucchio selvaggio
  4. ^ Andrea Degidi, Ciao 2001, e anche Rockstar. Quando la carta cantava, su club.quotidiano.net, 17 Novembre 2011. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]