Matthew Dellavedova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matthew Dellavedova
Matt Dellavedova Cavs 2014.jpg
Dellavedova con la maglia dei Cleveland Cavaliers
Nazionalità Australia Australia
Altezza 191 cm
Peso 91 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker / guardia
Squadra Cleveland Cavaliers
Carriera
Giovanili
2006-2009AIS
2009-2013Saint Mary's Gaels
Squadre di club
2013-2016Cleveland Cavaliers215 (1.227)
2016-2018Milwaukee Bucks126 (761)
2018-Cleveland Cavaliers93 (439)
Nazionale
2009Australia Australia U-19
2009-Australia Australia
Palmarès
Transparent.png Campionati oceaniani
Argento Australia/Nuova Zelanda 2009
Oro Australia/Nuova Zelanda 2011
Oro Australia/Nuova Zelanda 2013
Oro Australia/Nuova Zelanda 2015
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 novembre 2020

Matthew Dellavedova (Maryborough, 8 settembre 1990) è un cestista australiano di origini italiane, professionista nella NBA con i Cleveland Cavaliers.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre di Matt, Mark Dellavedova, è di nazionalità australiana ma di origini italiane da cinque generazioni. Un suo avo lasciò l'Italia nel 1860 partendo dal comune di Tirano, in provincia di Sondrio[1]. Il cognome, pur relativamente poco diffuso in Italia, è mantenuto da poco più di cinquecento famiglie, stanziate soprattutto in Friuli e Lombardia.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Di ruolo playmaker, è un giocatore dotato di grande foga agonistica.[3][4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

NBA (2013-)[modifica | modifica wikitesto]

Cleveland Cavaliers (2013-2016)[modifica | modifica wikitesto]

È balzato agli onori della cronaca nel 2012, quando ha giocato molto bene le Olimpiadi di Londra per la sua nazionale, senza aver mai ufficialmente giocato neanche una partita da professionista. All'epoca era ancora studente del Saint Mary's College of California, luogo di crescita per molti talenti australiani (l'Ateneo è infatti gemellato con l'Australian Institute of Sport, la più grande scuola di formazione per talenti sportivi in Australia). Nella sua carriera collegiale ha vinto 2 tornei di conference e ben due titoli di regular season di conference. A livello internazionale ha partecipato a tre tornei internazionali con la maglia australiana, tanto da diventare nel 2009, ancora diciottenne, il più giovane giocatore australiano di sempre a partecipare a una competizione della FIBA.[5]

Dellavedova con la canotta dei Cleveland Cavaliers

Nel 2013 si candidò (dopo 4 anni al college) al Draft NBA 2013; tuttavia DellaVedova non venne scelto da nessuna franchigia. Partecipò con i Cleveland Cavaliers alla Summer League di Las Vegas, in seguito alla quale, a settembre, firmò per una stagione proprio con i Cavs, in cui fece subito da riserva a Kyrie Irving, play statunitense, ma che come DellaVedova è nato in Australia. Nelle prime due stagioni entrò sempre dalla panchina, fornendo un apporto medio di 4 punti e 3 assist, ma nella sfida di domenica del 7 giugno 2015, alle Finals 2015 contro i Golden State Warriors (valida per gara 2 delle finali playoff), sfornò una delle migliori prestazioni della sua carriera, garantendo la vittoria dei Cleveland Cavaliers e annullando difensivamente Stephen Curry per la maggior parte dell'incontro.[4] Al termine di gara-2 DellaVedova finì in ospedale per crampi e disidratazione.[6][7] In gara-3 il play australiano arrivò a ripetersi con uno score di 20 punti (terzo giocatore a non essere stato scelto al draft a realizzare almeno 20 punti in una finale NBA),[8] 5 rimbalzi e 4 assist, risultando insieme a LeBron James decisivo per la vittoria dei Cavs. Tuttavia a vincere l'anello furono i Warriors in 6 gare.

Nella stagione 2015-16 Dellavedova rinnovò il contratto con i Cleveland Cavaliers,[9] dove rimase sempre come playmaker di riserva di Kyrie Irving. Tuttavia col cambio di coach che avvenne in gennaio (ovvero Tyronn Lue che rimpiazzò l'esonerato David Blatt) DellaVedova fece più fatica a inserirsi nel gioco del nuovo allenatore, tanto che lui venne quasi estromesso dalle rotazioni di coach Lue nelle NBA Finals (a cui i Cavs arrivarono dopo aver eliminato nei playoffs per 4-0 Detroit Pistons e Atlanta Hawks e 4-2 i Toronto Raptors) dove gli venne preferito Mo Williams a fare da play di riserva a Kyrie Irving. Nelle Finals i Cavaliers riaffrontarono i Golden State Warriors e si presero la loro rivincita vincendo la serie finale 4-3 dopo essere stati sotto per 1-3, essendo i primi in assoluto a realizzare tale rimonta.[10] DellaVedova diventò così il sesto cestista australiano in assoluto ad aver vinto l'anello NBA.[11]

Dellavedova con la canotta dei Milwaukee Bucks

Milwaukee Bucks (2016-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Nella free agency dell'estate 2016 lasciò i Cavs, tramite un contratto sign-and-trade, per firmare un nuovo contratto quadriennale da 38 milioni di dollari con i Milwaukee Bucks.[12] A Milwaukee ebbe spesso il posto da titolare, anche se più volte al suo posto da titolare partì Malcolm Brogdon, rookie di ruolo guardia adattato a giocare da playmaker. Su 76 partite ne giocò 54 da titolare nel corso della stagione, mentre nei playoffs partì sempre dalla panchina subentrando a Brogdon. Nella stagione successiva Delly giocò molto meno (solo 38 partite, la metà in meno dell'anno passato) anche a causa di un infortunio che gliene fece saltare 15 di fila, rientrando contro i Cleveland Cavaliers sua ex-squadra partendo titolare giocando 11 minuti totali (segnando 6 punti).[13][14]

DellaVedova a colloquio con il suo ex coach ai Bucks Jason Kidd

Con l'arrivo di Mike Budenholzer in panchina e l'arrivo al Draft 2018 di Donte DiVincenzo (anch'egli playmaker di origini italiane, ma statunitense) Dellavedova trova meno spazio nelle rotazioni dei Bucks tanto da lasciare la squadra nel dicembre dello stesso anno.

Ritorno ai Cleveland Cavaliers (2018-)[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 2018 venne ceduto in una trade a tre squadre (che coinvolse anche i Washington Wizards) e i Cleveland Cavaliers, facendo così ritorno in Ohio.[15]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
Denota le stagioni in cui ha vinto il titolo

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2013-14 Cleveland Cavaliers 72 4 17,7 41,2 36,8 79,2 1,7 2,6 0,5 0,1 4,7
2014-15 Cleveland Cavaliers 67 13 20,6 36,2 40,7 76,3 1,9 3,0 0,4 0,0 4,8
2015-16 Cleveland Cavaliers 76 14 24,6 40,5 41,0 86,4 2,1 4,4 0,6 0,1 7,5
2016-17 Milwaukee Bucks 76 54 26,1 39,0 36,7 85,4 1,9 4,7 0,7 0,0 7,6
2017-18 Milwaukee Bucks 38 3 18,7 36,2 37,2 92,6 1,7 3,8 0,4 0,0 4,3
2018-19 Milwaukee Bucks 12 0 8,1 31,6 36,4 100 0,8 2,4 0,2 0,0 1,7
2018-19 Cleveland Cavaliers 36 0 19,9 41,3 33,6 79,2 1,9 4,2 0,3 0,1 7,3
Carriera 377 88 21,3 39,2 38,1 83,5 1,9 3,7 0,5 0,0 6,0

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2015 Cleveland Cavaliers 20 7 24,9 34,6 31,6 78,1 2,1 2,7 0,5 0,0 7,2
2016 Cleveland Cavaliers 20 0 12,1 35,1 25,8 75,0 0,8 2,8 0,1 0,1 3,9
2017 Milwaukee Bucks 6 0 26,5 39,0 37,5 80,0 2,0 2,0 0,2 0,0 7,7
2018 Milwaukee Bucks 6 0 13,0 33,3 22,2 100 0,8 2,7 0,3 0,0 2,0
Carriera 52 7 18,8 35,4 30,3 77,9 1,4 2,6 0,3 0,0 5,4

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dellavedova con la nazionale australiana partecipò alle Olimpiadi di Londra 2012 e alla Coppa del Mondo 2014 in Spagna. Partecipò anche alle olimpiadi di Rio nel 2016 perdendo per un soffio la medaglia di bronzo contro la Spagna.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cleveland Cavaliers: 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matthew Dellavedova, la grinta e l'orgoglio: il campione si racconta, su diregiovani.it, 5 luglio 2018. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  2. ^ Matthews Dellavedova, l'outsider che viene dall'altra parte del mondo. URL consultato il 25 aprile 2018.
  3. ^ Usa a tutta forza in Australia: Walker cambia ritmo e lancia Pop, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 22 agosto 2019.
  4. ^ a b (EN) NBA Finals 2015: Matthew Dellavedova v Steph Curry, su Fox Sports, 8 giugno 2015. URL consultato il 22 agosto 2019.
  5. ^ Intervista per Basketinside.com
  6. ^ Cavs: Matthew Dellavedova a breve dimesso dall'ospedale, in Sportando. URL consultato il 3 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2017).
  7. ^ Eroico Dellavedova ricoverato in ospedale. URL consultato il 3 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2017).
  8. ^ (EN) Bleacher Report Milestones, Dellavedova Becomes 3rd Undrafted Player Since 1985 to Score 20 in Finals, in Bleacher Report. URL consultato il 25 aprile 2018.
  9. ^ http://www.nba.com/cavaliers/releases/dellavedova-signing-150727
  10. ^ (EN) Dave Schilling at Oracle Arena e Oakland, LeBron James leads Cleveland Cavaliers to NBA title and ends 52-year drought, in The Guardian, 20 giugno 2016. URL consultato il 3 aprile 2017.
  11. ^ (EN) NBA Finals: Matthew Dellavedova becomes sixth Australian NBA champion, in Fox Sports, 20 giugno 2016. URL consultato il 3 aprile 2017.
  12. ^ SI Wire, Bucks, Dellavedova agree to $38 million deal, su www.si.com. URL consultato l'8 luglio 2016.
  13. ^ (EN) Bucks' Matthew Dellavedova: Will start Tuesday vs. Cavs, in CBSSports.com. URL consultato il 25 aprile 2018.
  14. ^ Cavaliers vs. Bucks - Game Recap - December 19, 2017 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 25 aprile 2018.
  15. ^ (EN) Hill to Bucks, Dellavedova to Cavs in 3-team deal, su espn.com, 7 dicembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]