Lucio Allocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucio Allocca a Galassia Gutenberg (2008)

Lucio Allocca (Napoli, 5 luglio 1943) è un attore, regista teatrale e drammaturgo italiano[1], attivo principalmente in teatro, ma noto per aver fatto parte del cast principale della soap opera Un posto al sole nel ruolo di Otello Testa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi alla Scuola di arte drammatica del circolo artistico Politecnico di Napoli, ha insegnato recitazione presso l'Accademia di arte drammatica al Teatro Bellini di Napoli[1] e attualmente insegna presso la scuola di cinema Pigrecoemme e dirige l'Elaboratorio permanente dell'attore al Theatre de Poche di Napoli. Ha numerose pièce teatrali all'attivo. Come interprete, ha lavorato in teatro con Eduardo e Peppino De Filippo, Mario Scaccia, Michele Galdieri, Virginio Puecher, Renato Carpentieri, Armando Pugliese, Sergio Salvati, Tato Russo, Gigi Dall'Aglio, Mario Martone, Ugo Gregoretti e altri.

Opere audiovisive[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 e nel 1999 ha partecipato alla fiction Lui e lei. Dal 2003 è entrato nel cast di Un posto al sole, facendo parte del cast principale fino al 2020. Ha partecipato alle edizioni del 2007, 2008 e 2009 di Un posto al sole d'estate. Ha partecipato inoltre a diversi film tra i quali Il portaborse, Arriva la bufera, Morte di un matematico napoletano e La passione di Cristo e Così parlò Bellavista

Orientamento politico

In vista delle elezioni comunali di Napoli del 2021 dichiara attraverso un video su Facebook il suo appoggio verso il candidato sindaco Gaetano Manfredi ed in particolar modo verso il Partito Democratico e la candidata Stefania Colicelli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Quel bel pezzo di carta, regia di Ciro Buono (2014)

Teatro (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Regista
  • La tabernaria (1995) di Giambattista Della Porta
  • La barca di Platone (1998)
  • Memoria replicante (da L'ultimo nastro di Krapp di Samuel Beckett) (2000)
  • Teatro dal campanile (2001)
  • Soireè Tardieu (2001)
  • Love in Shakespeare (2002)
  • I figli di mamma Minnie (2002, anche autore)
  • Le mouble (2002)
  • Soiree Queneau (2003)
  • Come il signor Mockinpot è liberato dal dolore (2003)
  • Il belvedere della memoria (2003)
  • Donne sul filo (2003)
  • La finta pazza (2004) di Carlo Sigismondo Capece
  • Pulcinella vendicato (2004) di Francesco Cerlone
  • Amore... non buttarti giù (2004, 2007), liberamente ispirato a Luv di Murray Schisgal
  • La solita cena (2004) di Manlio Santanelli
  • Turcaret (2005) di Alain-René Lesage
  • "Q.B. Quanto Basta"

di Lucio Allocca con Lucio Allocca (voce recitante), Lello Ferraro (chitarra e canto), Antonio Chioccarelli (chitarra) (2013)

Attore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AA.VV., Teatro in Italia 2000, Roma, Società Italiana degli Autori ed Editori, 2001, p. 239.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2188887 · ISNI (EN0000 0000 5343 0312 · SBN UBOV682686 · LCCN (ENno2004114403 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004114403