Limba noastră

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Limba noastră
inno nazionale moldavo
Dati generali
Nazione Moldavia Moldavia
Adozione 1994 de facto
1995 de iure
Lingue romeno
Componimento poetico
Autore Alexei Mateevici
Epoca 1917-1918
Composizione musicale
Autore Alexandru Cristea
Epoca 1942 o anteriore
Moldavia Inni nazionali moldavi
19171918Deșteaptă-te, române!
19451991inno della RSS Moldava
19911994Deșteaptă-te, române!
1994Limba noastră

Limba noastră (in italiano: la nostra Lingua) è, dal 1994, l'inno nazionale della Repubblica Moldava . Sostituì Deșteaptă-te, române!, adottato nel 1991, in quanto questo era diventato nel 1989 inno della Romania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'inno, una robusta marcia, venne realizzato ai tempi del risveglio nazionale conseguente al disfacimento dell'Impero russo. Il testo è di Alexei Mateevici (1888-1917) e la musica è stata composta da Alexandru Cristea (1890-1942). Il testo originale conta dodici strofe, cinque delle quali vengono utilizzate nell'inno.

Testo in lingua originale[modifica | modifica wikitesto]

Limba noastră-i o comoară
În adâncuri înfundată
Un șirag de piatră rară
Pe moșie revărsată.
Limba noastră-i foc ce arde
Într-un neam, ce fără veste
S-a trezit din somn de moarte
Ca viteazul din poveste.
Limba noastră-i numai cântec,
Doina dorurilor noastre
Roi de fulgere, ce spintec
Nouri negri, zari albastre.
Limba noastră-i graiul pâinii,
Când de vânt se mișcă vara;
In rostirea ei bătrânii
Cu sudori sfințit-au țara.
Limba noastră-i frunză verde,
Zbuciumul din codrii veșnici,
Nistrul lin, ce-n valuri pierde
Ai luceferilor sfeșnici.
Nu veți plânge-atunci amarnic,
Că vi-i limba prea săracă,
Și-ți vedea, cât îi de darnic
Graiul țării noastre dragă.
Limba noastră-i vechi izvoade.
Povestiri din alte vremuri;
Și citindu-le 'nșirate, -
Te-nfiori adânc și tremuri.
Limba noastră îi aleasă
Să ridice slava-n ceruri,
Să ne spiue-n hram și-acasă
Veșnicele adevăruri.
Limba noastra-i limbă sfântă,'
Limba vechilor cazanii,
Care o plâng și care o cântă
Pe la vatra lor țăranii.
Înviați-vă dar graiul,
Ruginit de multă vreme,
Stergeți slinul, mucegaiul
Al uitării 'n care geme.
Strângeți piatra lucitoare
Ce din soare se aprinde -
Și-ți avea în revărsare
Un potop nou de cuvinte.
Răsări-va o comoară
În adâncuri înfundată,
Un șirag de piatră rară
Pe moșie revărsată.

Alexe MATEEVICI

LA NOSTRA LINGUA

(Traduzione italiana)

La nostra lingua è un tesoro,

Negli abissi sprofondato,

Una collana di pietre rare

Nella tenuta rovesciata.

La nostra lingua è fuoco che arde

In un popolo che, ad un tratto,

Come il prode delle fiabe,

Dal letargo si è svegliato.

La nostra lingua è solo canto,

La doina dei nostri desideri;

Sciami di lampi che fendono

Orizzonti azzurri, nembi neri.

La nostra lingua è la voce del pane,

Quando l'estate è mossa dal vento,

Nel pronunciarla gli anziani

Hanno santificato il paese con stento.

La nostra lingua è foglia verde,

Tumulto dei boschi eterni,

Il Nistru quieto che tra le onde perde

I candelieri della stella Vega.

Non piangerete amaramente

Che il vostro linguaggio è stentato

E quanto è generosa voi vedrete

La lingua del vostro paese amato.

La nostra lingua è vecchi scritti,

Narrazioni d'altri tempi

E, leggendole in sequenza,

Rabbrividisci fortemente e tremi.

La nostra lingua è eccelsa

Per esaltare la gloria nei cieli;

Per dirci a casa e in chiesa

Le sempiterne verità.

La nostra lingua è lingua santa,

La lingua degli antichi omeliari

Che piangono e che cantano

I contadini ai loro focolari.

Rivitalizzate il vostro linguaggio,

Da molto tempo arrugginito.

Spolverate lo sporco e la muffa

Dall'oblio in cui è finito.

Raccogliete la pietra lucente,

Che si accende dal sole

E traboccare ne vedrete

Un fluire nuovo di parole,

Risorgerà una ricchezza

Nelle profondità incassata,

Una collana di pietre rare

Nella tenuta rovesciata.

Traduzione a cura de Liuba Croitoru-Marian

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]