Dievs, svētī Latviju

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dievs, svētī Latviju
inno nazionale lettone
Latvian Anthem Sheet Music.svg
Partitura
Informazioni generali
NazioneLettonia Repubblica di Lettonia
Linguelettone
Vigenzadal 1918 al 1940 poi di nuovo dal 1991
Componimento poetico
Testo
AutoreKārlis Baumanis
Epoca1873
Composizione musicale
Partitura
AutoreKārlis Baumanis
Epoca1873
Audio
(info file)

Dievs, svētī Latviju ("Dio benedica la Lettonia") è l'inno nazionale della Lettonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il testo e la musica sono stati composti da Kārlis Baumanis (1834-1904) nel 1873. La solenne melodia venne presentata ad un festival di canzoni, e divenne per i lettoni simbolo di libertà dal dominio russo. Nel 1918 il brano fu proclamato inno nazionale della Lettonia indipendente. Sotto il dominio sovietico l'inno fu abolito dal 1940 al 1991, sostituito da un inno realizzato appositamente per la Repubblica socialista sovietica di Lettonia. Con la ritrovata indipendenza del 1991, è ritornato inno nazionale.

Testo originale[modifica | modifica wikitesto]

Dievs, svētī Latviju,

Mūs' dārgo tēviju,
Svētī jel Latviju,
Ak, svētī jel to!

Kur latvju meitas zied,
Kur latvju dēli dzied,
Laid mums tur laimē diet,
Mūs' Latvijā!

    Dio, benedici la Lettonia,

La nostra cara patria
Benedici quindi la Lettonia
Oh, benedicila ordunque!

Là dove fioriscono le figlie di Lettonia
Là dove cantano i figli di Lettonia
Permettici di danzare in quei posti felici
Nella nostra Lettonia!

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]