Libera Accademia di Belle Arti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Libera Accademia di Belle Arti
Laba Logo.png
Laba-brescia.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàBrescia
Altre sediFirenze, Rimini, Rovereto
Dati generali
SoprannomeLABA
SloganCreativity Quality Professionalism
Fondazione1999
FondatoreLuigi Bracchi
Tipoprivata
PresidenteLuigi Bracchi
Dir. generaleRoberto Dolzanelli
Sito web

La Libera Accademia di Belle Arti di Brescia, abbreviata in LABA, è un'accademia di belle arti privata con sede a Brescia, legalmente riconosciuta dal Ministero dell'università e della ricerca[1].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La sede centrale si trova in un ex-opificio sito in via don Giacomo Vender 66, sulle rive del fiume Mella a Brescia. Il distaccamento LABA Production si trova a Brescia, in un'ex fabbrica d'armi[Potrebbe essere utile indicarne il nome] ristrutturata vicina alla stazione di Brescia in via privata de Vitalis,[2] mentre la sede laboratoriale LABA Trentino si trova nella città di Rovereto.[3]

L'accademia dispone di altre sedi autorizzate dal MUR a rilasciare titoli, site in piazza di Badia a Ripoli a Firenze[4], e in via Roma a Rimini; quest'ultima attiva dal 2001.[5]

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'ente aderisce al programma Erasmus+ e collabora con alcuni istituti d'Africa, Cina e Vietnam; tra i quali il Politecnico di Dalian, la Chongqing University e con la Tianjin University, per la progettazione, la ricerca e la comunicazione.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accademie di belle arti legalmente riconosciute, su afam.miur.it. URL consultato il 18 marzo 2019.
  2. ^ Le Sedi, su laba.edu. URL consultato il 18 marzo 2019.
  3. ^ LABA Trentino – LABA Rovereto, su labatrentino.com. URL consultato il 18 marzo 2019.
  4. ^ Sede LABA Firenze, su laba.biz. URL consultato il 18 marzo 2019.
  5. ^ Storia, su accademia.rimini.it. URL consultato il 18 marzo 2019.
  6. ^ Accordi internazionali, su laba.edu. URL consultato il 18 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124182609 · LCCN (ENno2008124743 · WorldCat Identities (ENlccn-no2008124743