Accademia di belle arti di Reggio Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Accademia di belle arti di Reggio Calabria
Palazzo accademia Belle Arti (Reggio Calabria).jpg
Stato Italia Italia
Città Reggio Calabria
Fondazione 1967
Rettore Alessandro Manganaro
Studenti 700 (2006)
Sito web

L'Accademia di belle arti di Reggio Calabria, anche nota come Accademia dello Stretto, sorge tra la via 25 luglio e via Bruno Buozzi a pochi passi dal porto e dal lungomare. Fondata nel 1967, l'accademia reggina è la più antica accademia calabrese per le belle arti.

La biblioteca Frangipane, munita di catalogazione informatizzata, vanta un patrimonio librario di 5.000 volumi, affiancata dall'emeroteca e dalla videoteca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Accademia di belle arti di Reggio, Festa del solstizio d'estate 2005 all'Arena dello Stretto

L'Accademia di belle arti di Reggio Calabria, la prima in ordine di istituzione in Calabria e la terza nell'Italia meridionale dopo quelle di Napoli e di Palermo, ha inaugurato la propria attività formativa nel 1967. Comprendeva inizialmente una scuola di pittura e una scuola di scultura, a completamento delle scuole d'arte della città.

« Per incarico del Ministero della P.I. (Ispettorato Istruzione Artistica) si porta a conoscenza che funziona, in Reggio Calabria, l'Accademia Statale di Belle Arti, nelle due Sezioni di Pittura e Scultura, con decorrenza dall'Anno Accademico 1967-'68.

L'Accademia, legalmente collegata al Liceo artistico statale "Mattia Preti", di cui è completamento, e con l'Istituto statale d'arte della nostra Città, rappresenta una riscossa di civiltà connessa alle tendenze della nostra gente, che ha contribuito nei secoli di storia ai fermenti eroici della cultura e dell'arte anche in terre lontane, con genialità di pensieri e di forme, con sacrificio eroico e che, con la nuova scuola fucina e con lavoro tenace, dovrà proseguire altamente la sua missione nella civiltà del mondo moderno.

Risollevando le più nobili tradizioni e portando alte, con serietà di studi, le giovani energie della gente nostra, mirando a grandi esempi, da Pitagora statuario al "Cavalier Calabrese", Reggio adempirà al compito, come sempre.

Salutiamo, intanto, gli istituti e le iniziative d'Arte di tutta la Regione, con augurio - ch'è fede e certezza - di ammirare in tutti sforzi tenaci di lavoro per potenziare la nostra Accademia, con essa affiatarsi e collaborare, popolarne le aule rendendole fucine nuove di alta cultura, di linee e colori, di forme e patine moderne.

Accademia non di idee morte, di vecchie teorie, ma attiva fucina creatrice, germogliante rami verdi, di schietti valori. Accademia Calabrese, scuola giovane della nostra fede, del nostro costume, della bellezza eterna del Bruzio, del Sole che illumina la vita e l'anima del nostro Paese e che vi accende di poesia perfino le tristezze e le angosce umane! »

(Alfonso Frangipane, Manifesto di nascita dell'Accademia di belle arti pubblicato su "Brutium" XLVI, n. 4, 1967)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Accademia di Reggio pubblica il giornale d'arte Brutium, periodico fondato nel 1922 da Alfonso Frangipane.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]