Luigi Pellegrini Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Pellegrini Editore
StatoItalia Italia
Fondazione1952 a Cosenza
Fondata daLuigi Pellegrini
Sede principaleCosenza
SettoreEditoria
Sito web

Luigi Pellegrini Editore è una casa editrice italiana fondata a Cleto nel 1952.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1952 Luigi Pellegrini, giornalista pubblicista, fonda a Cleto l'omonima casa editrice[1] tra le prime a specializzarsi in Calabria nel settore culturale.

Dal 1982 è gestita dal figlio del fondatore, Walter. Dal 2012 entrano a far parte della struttura direttiva della Casa Editrice le figlie, Marta e Sara.

La casa editrice ha all'attivo più di 2500 pubblicazioni[2] in 65 anni.

Tre sono i periodici intorno ai quali si sviluppano l'attività editoriale e, con essa, i contributi di importanti nomi all'interno del panorama culturale italiano: Il Letterato, Incontri Meridionali (semestrale di storia e cultura) e Contenuti. Gli articoli che vi compaiono portano le firme, tra gli altri, di Antonio Piromalli, Giorgio Bàrberi Squarotti, Antonio Altomonte, Alberto Moravia, Michele Prisco, Leonida Répaci, Mario Pomilio, Fortunato Seminara, Giancarlo Vigorelli, Rosario Villari, Vittorio Enzo Alfieri, Paolo Alatri, Saverio Di Bella, Henri Bresc, Pierre Vilar, Ferdinando Cordova, Lionello Venturi.

Con l'ingresso di Walter Pellegrini è stato potenziato il settore dei periodici e delle collane specializzate: Campi Immaginabili, Giornale di Storia Contemporanea (semestrale), Letteratura & Società (quadrimestrale), Qualeducazione (trimestrale di pedagogia), Voci (semestrale di antropologia), Diritto e Religioni (semestrale), Fata Morgana (quadrimestrale di cinema) sono le riviste alle quali collaborano nomi prestigiosi del mondo accademico e culturale italiano nei diversi settori. La cospicua collaborazione con università, scuole, centri di ricerca e fondazioni culturali ha consentito alla casa editrice di impegnarsi nella pubblicazione di opere di didattica, pedagogia, critica letteraria, storiografia, architettura e urbanistica che, affiancandosi ai tradizionali settori della saggistica e della narrativa, hanno portato alla creazione di un ampio catalogo.

Tra i grandi successi della casa editrice ricordiamo Fratelli di sangue, un libro inchiesta sulla ‘ndrangheta, scritto dal magistrato Nicola Gratteri e dal giornalista Antonio Nicaso, pubblicato nel 2006 nella collana Mafia e poi ripubblicato con ulteriore successo da Mondadori.

Il 20 aprile 2018 la grande avventura della vita terrena di Luigi Pellegrini è finita. Il Suo ricordo resta non solo nell'animo di chi gli ha voluto bene, ma - anche - nella Sua opera, patrimonio della cultura calabrese e nazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia, su luigipellegrini.com, 23 aprile 2018.
  2. ^ A marzo 2018 su SBN OPAC risultano 2149 titoli come Pellegrini, 110 come luigi pellegrini, 476 come L. Pellegrini. Sommando tutte le pubblicazioni edite come "Pellegrini" in Italia, risultano 4173 pubblicazioni
Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria