KV42

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
KV42
KV42.jpg
Isometria, planimetria e alzato di KV42
CiviltàAntico Egitto
UtilizzoTomba di Hatshepsut-Meryet-Ra
EpocaNuovo Regno (XVIII dinastia)
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
LocalitàLuxor
Dimensioni
Superficie184 77 
Altezzamax 4,32 m
Larghezzamax 7,61 m
Lunghezzamax 58,18 m
Volume423,60 m³
Scavi
Data scoperta1899
Date scavi1900
ArcheologoVictor Loret
Amministrazione
PatrimonioTebe (Valle dei Re)
EnteSupreme Council of Antiquities
Sito webwww.thebanmappingproject.com
Mappa di localizzazione

Coordinate: 25°45′00″N 32°36′51.48″E / 25.75°N 32.6143°E25.75; 32.6143

KV42 (King's Valley 42)[N 1] è la sigla che identifica una delle tombe della Valle dei Re in Egitto; era la tomba prediposta, verosimilmente, per la regina Hatshepsut-Meryet-Ra, Grande sposa reale del faraone Thutmosi III (XVIII dinastia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anche KV42, come le tombe KV38 e KV34 (rispettivamente di Thutmose I e III) presenta la camera sepolcrale in forma di cartiglio[1].

KV42 venne scoperta da Victor Loret nel 1899; lavori di scavo vennero eseguiti nel 1900 da Andraos Boutros e Howard Carter. Nel 1921 Howard Carter scoprì il deposito di fondazione che consentì di assegnare la tomba alla regina Hatshepsut-Meryet-Ra, moglie di Thutmosi III. Lavori di consolidamento delle strutture, danneggiate da inondazioni susseguitesi nei millenni, e di scavo sistematico sono stati eseguiti nel 1999 a cura del Supreme Council of Antiquities.

Frammenti di suppellettili funerarie, rinvenute da Carter, dimostrarono[2][3] che la struttura venne, in seguito, utilizzata da Sennefer, sindaco di Tebe durante il regno di Amenhotep II, come tomba per la propria consorte Senetnay e per una non meglio precisata Baket-Ra indicata come ornamento del re[N 2]. Poiché era noto che Sennefer avesse una tomba sua propria (TT96), studi successivi ritennero che KV42 fosse stata impiegata come deposito momentaneo del corpo di Senetnay prima del trasferimento nella tomba di famiglia e che il corpo di Baket-Ra provenisse, di fatto, dalle vicine KV26 o KV37 prima di un ulteriore trasferimento alla fine del Nuovo Regno[4].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

KV42, che presenta la struttura tipica XVIII dinastia, ad asse piegato, delle tombe della XVIII dinastia non venne ultimata ed altrettanto incompleto è il sarcofago; è verosimile che non sia mai stata occupata dalla regina e che il suo corpo sia stato sepolto nella tomba del figlio, Amenhotep II (KV35).

Una ripida scalinata adduce ad un corridoio altrettanto ripido che termina in un’ulteriore scala molto ripida che, a sua volta, immette in un disimpegno da cui, con angolo retto, si diparte un corridoio in piano che adduce alla camera funeraria, in forma di cartiglio, con soffitto sorretto da due pilastri. Una piccola camera laterale, appena sbozzata, si apre sulla camera principale.

Fatta eccezione per un fregio khekeru)[N 3] nella camera funeraria, peraltro non ultimato, la tomba è priva di decorazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le tombe vennero classificate nel 1827, dalla numero 1 alla 22, da John Gardner Wilkinson in ordine geografico. Dalla n.ro 23 la numerazione segue l’ordine di scoperta.
  2. ^ Verosimilmente una regina minore o una concubina.
  3. ^ Si tratta di un fregio ad imitazione di un tetto visto dall’interno

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Theban Mapping Project
  2. ^ Theban Mapping Project.
  3. ^ Kent R. Weeks (2005), I tesori di Luxor e della Valle dei Re, Vercelli, White Star, pag. 415.
  4. ^ Nicholas Reeves e Richard Wilkinson (2000), The complete valley of the Kings, New York, Thames & Hudson, p. 102.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Theban Mapping Project, su thebanmappingproject.com. URL consultato il 24 febbraio 2006 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2006).