Christian Jacq

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christian Jacq

Christian Jacq (Parigi, 28 aprile 1947) è uno scrittore ed egittologo francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha scritto numerosi libri e romanzi sull'antico Egitto, tra cui quello più conosciuto: Ramses II, personaggio che Christian Jacq ammira molto. Nato a Parigi, a 13 anni scopre la passione per l'Antico Egitto e legge L'histoire de la civilisation de l'Egypte ancienne dello storico Jacques Pirenne. Questa lettura lo ispirò nella scrittura del suo primo libro. All'età di 18 anni, aveva già scritto oltre 8 libri ma il suo primo successo commerciale arrivò nel 1987 con Champollion the Egyptian in Francia. Fino al 2004 aveva scritto oltre 15 libri sull'Antico Egitto tra cui alcuni non di fantasia usando anche degli pseudonimi, come J. B. Livingstone e Christopher Carter.

Nel 1995 grazie alla saga Ramses (5 libri), ha un trionfo internazionale e tale saga venne poi pubblicata e tradotta in oltre 25 stati. Ogni libro di tale saga si occupa di un aspetto della vita conosciuta di Ramses II.

Ha un dottorato sugli studi sull'Antico Egitto da parte della Sorbonne e fondò con sua moglie (si sposò a 17 anni), l'istituto Ramses che si occupa di creare un archivio fotografico dei siti archeologici egiziani.

Opere in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: Opac nazionale, sbn.it. URL consultato il 19 dicembre 2015.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Serie Le indagini dell'ispettore Higgins[modifica | modifica wikitesto]

Scritti con lo pseudonimo di J. B. Livingstone. Precedentemente pubblicate come I dossiers di Scotland Yard.

Serie Il romanzo di Kheops[modifica | modifica wikitesto]

  1. L'inferno del giudice (La Pyramide assassinée, 1993) (Mondadori, 1998)
  2. Il testamento degli dei (La Loi du désert, 1993) (Mondadori, 1998)
  3. Il ladro di ombre (La Justice du vizir, 1994) (Mondadori, 1998)

Serie Il grande romanzo di Ramses[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il figlio della luce (Le Fils de la lumière, 1995) (Mondadori, 1997)
  2. La dimora millenaria (Le Temple des millions d'années, 1996) (Mondadori, 1997)
  3. La battaglia di Qadesh (La Bataille de Kadesh, 1996) (Mondadori, 1997)
  4. La regina di Abu Simbel (La Dame d'Abou Simbel, 1996) (Mondadori, 1997)
  5. L'ultimo nemico (Sous l'acacia d'Occident, 1996) (Mondadori, 1998)

Serie Le inchieste di lord Percival[modifica | modifica wikitesto]

Scritti con lo pseudonimo di Christopher Carter.

Serie Il segreto della pietra di luce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Nefer (Néfer le silencieux, 2000) (Mondadori, 2000)
  2. Claire (La Femme sage, 2000) (Mondadori, 2000)
  3. Paneb (Paneb l'ardent, 2000) (Mondadori, 2000)
  4. Maat (La Place de vérité, 2000) (Mondadori, 2000)

Serie La regina Libertà[modifica | modifica wikitesto]

  1. L'impero delle tenebre (L'Empire des ténèbres, 2002) (Corriere della Sera, 2004)
  2. La guerra delle corone (La Guerre des couronnes, 2002) (Corriere della Sera, 2004)
  3. La spada di luce (L'Épée flamboyante, 2002) (Corriere della Sera, 2004)

Serie I misteri di Osiride[modifica | modifica wikitesto]

  1. L'albero della vita (L'Arbre de vie, 2003) (Corriere della Sera, 2004)
  2. La cospirazione del male (La Conspiration du mal, 2003) (Corriere della Sera, 2004)
  3. Il cammino di fuoco (Le Chemin de feu, 2004) (Corriere della Sera, 2004)
  4. Il grande segreto (Le Grand Secret, 2004) (Corriere della Sera, 2004)

Serie Il romanzo di Mozart[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il maestro segreto (Le Grand Magicien, 2006) (Cairo, 2006)
  2. Il figlio della luce (Le Fils de la lumière, 2006) (Cairo, 2006)
  3. Il fratello del fuoco (Le Frère du feu, 2006) (Cairo, 2006)
  4. Il prediletto di Iside (L'Aimé d'Isis, 2006) (Cairo, 2006)

Serie Il figlio di Ramses[modifica | modifica wikitesto]

  1. La tomba maledetta (La Tombe maudite, 2014) (Tre60, 2016)

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Opere per i giovani[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN14771549 · LCCN: (ENn50029358 · ISNI: (EN0000 0001 2121 4022 · GND: (DE115834664 · BNF: (FRcb119084090 (data)