Maestro venerabile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maestro venerabile in Massoneria è il vertice gerarchico, quindi la massima carica, all'interno di una loggia. Presiede e governa l'officina e viene eletto secondo quanto prescritto dai regolamenti.[1] In virtù del delicato incarico, deve essere selezionato fra i "fratelli" che maggiormente brillano per saggezza e sapienza unita ad autorevolezza. Il maestro venerabile è eletto tra coloro che hanno raggiunto negli anni, il terzo ed ultimo grado della massoneria azzurra e possiede la conoscenza dell'Arte Reale (la Massoneria). In loggia siede ad oriente; nel rito scozzese il suo trono è soprelevato su tre gradini e posto sotto un baldacchino, mentre nel rito inglese non sono presenti né il baldacchino né i tre gradini.

Nella United Grand Lodge of England (UGLE), se il Grand Master è un principe di sangue reale (un appartenente alla famiglia reale), questi può nominare un Pro Grand Master che lo sostituisce nelle occasioni in cui non può essere presente, per altri impegni relativi alla carica reale[2]

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Esistono in generale due prassi nell'elezione del Maestro Venerabile. Nella maggioranza dei Paesi europei non è infrequente la rielezione per un certo numero di anni consecutivo, mentre in altri Paesi permane in carica per un periodo variabile da uno a tre anni.

In numerosi Paesi europei, la carica di Maestro Venerabile è stata storicamente ricoperta da membri delle famiglie reali o dell'alta nobiltà. In alcuni Paesi protestanti del nord Europa, per diversi secoli era il re in persona a rivestire questa carica. Per l'Inghilterra e il Wales, il Grand Master è il principe Edward, duca di Kent, discendente della famiglia Windsor, eletto per la prima volta nel 1967, e riconfermato in carica ogni anno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico V. Ripa Montesano, Vademecum di Loggia, Roma, Edizione Gran Loggia Phoenix, 2009, ISBN 978-88-905059-0-4.
  2. ^ United Grand Lodge of England - Who's Who, su ugle.org.uk, 1º settembre 2014. URL consultato il 24-12#2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]