KV65

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
KV65
CiviltàAntico Egitto
UtilizzoTomba (?)
EpocaNuovo Regno (XVIII dinastia)
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
LocalitàLuxor
Dimensioni
Superficienon nota 
Altezzanon nota
Larghezzanon nota
Lunghezzanon nota
Volumenon noto
Scavi
Data scopertaagosto 2008
OrganizzazioneSupreme Council of Antiquities
ArcheologoAfifi Rohiem
Amministrazione
PatrimonioTebe (Valle dei Re)
EnteSupreme Council of Antiquities
Visitabileno (scavi in corso)
Mappa di localizzazione

Coordinate: 25°44′26.88″N 32°36′07.92″E / 25.7408°N 32.6022°E25.7408; 32.6022

KV65 (Kings' Valley 65)[1] è la sigla che identifica una delle tombe della Valle dei Re in Egitto; non nota la destinazione.

Nell'agosto 2008, venne annunciata la scoperta di due nuove tombe: KV64 e KV65; mentre la prima è stata già oggetto di scavo nell'ambito del The University of Basel King’s Valley Project (trad. Progetto Valle dei Re dell’Università di Basilea) iniziato nel 2009[2], la KV65 è a tutt'oggi (2017) non ancora scavata e nessuna ulteriore notizia è stata diramata circa un possibile intervento nel senso. L'Ingresso sembra appartenere allo stile della XVIII dinastia[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le tombe vennero classificate nel 1827, dalla numero 1 alla 22, da John Gardner Wilkinson in ordine geografico. Dalla n.ro 23 la numerazione segue l’ordine di scoperta.
  2. ^ Il progetto vede la collaborazione, oltre l’Università di Basilea, dell’Università Americana del Cairo –Dipartimento Egittologia- e dell’Università di Zurigo –Centro di medicina evolutiva: progetto mummie egizie-; prevede lo studio e l’analisi di varie tombe della Valle dei re: KV26, KV29, KV30, KV31, KV32, KV33, KV37, KV40, KV59, KV61 e la recentissima KV64.
  3. ^ Paul Rymer, Zahi Hawass lecture - notes by Paul Rymer, in Egyptology News. URL consultato il 22 agosto 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Con riferimento alle ultime scoperte eseguite nella Valle dei Re dopo il 1922 (data della scoperta della KV62 di Tutankhamon):