Juan José Viamonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Juan José Viamonte
Viamonte.jpg

Coat of arms of the Buenos Aires Province.png

12º Governatore della Provincia di Buenos Aires
(nell'esercizio del potere esecutivo delle Province Unite del Río de la Plata)

Durata mandato 26 giugno - 8 dicembre 1829
Predecessore Juan Galo de Lavalle
Successore Juan Manuel de Rosas

Coat of arms of the Buenos Aires Province.png

15º Governatore della Provincia di Buenos Aires
(nell'esercizio del potere esecutivo della Confederazione Argentina)

Durata mandato 4 novembre 1833 - 27 giugno 1834
Predecessore Juan Ramón González de Balcarce
Successore Manuel Vicente Maza

Dati generali
Partito politico Partito Federale
Professione Militare

Juan José Viamonte (Buenos Aires, 9 febbraio 1774Montevideo, 31 marzo 1843) è stato un politico e militare argentino.Ha partecipato alla lotta contro le invasioni inglesi, nel processo politico della rivoluzione di maggio, nella guerra di indipendenza e nelle guerre civili argentine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Juan José Viamonte è nato a Buenos Aires il 9 febbraio 1774. Era il figlio del tenente Jaime José Viamonte, originario di Mataro (Catalogna), ma originario di Aragona e fondatore del fortino India Muerta (al Camino Real da Buenos Aires a Cordoba),[1] e Barbara Xaviera porteña González Cabezas. Ha iniziato la sua carriera militare all'età di dodici anni, in seguito alla carriera di suo padre.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo 1800, sposò Bernardina Chavarría[2] a Buenos Aires. Combatté durante le invasioni inglesi al Virreinato del Río de la Plata del 1806 e 1807, in cui gli inglesi furono sconfitti. Durante la Prima Invasione combatté con il grado di tenente, e dopo la sua partecipazione alla seconda invasione, per la sua eccezionale prestazione nella difesa del Collegio di San Carlos, fu promosso capitano.

Ha partecipato al consiglio aperto del 22 maggio 1810,[3] che è culminato nella Rivoluzione di maggio che ha allontanato il viceré Baltasar Hidalgo de Cisneros.

La Prima Giunta lo incorporò nell'esercito del Nord per fornire assistenza alle province dell'Alto Perù, situate nell'attuale Bolivia. Il 3 novembre 1810, la Junta lo promosse al colonnello, dandogli il comando del 6 ° reggimento di fanteria, che si sarebbe formato a Potosí il 1 ° gennaio 1811.[4]

(ES)

«Atendiendo a los méritos y servicios del Sargento Mayor Juan José Viamonte y hallándose vacante el empleo de Coronel del Regimiento de Infantería Nº 6, que se ha formado de las tropas de la expedición destinada al Perú, ha venido la Junta en conferirle el empleo de Coronel del expresado Regimiento.»

(IT)

«Tenendo conto dei meriti e dei servizi del sergente maggiore Juan José Viamonte e dell'uso del Coronel del Reggimento di fanteria n. 6, che è stato formato dalle truppe della spedizione destinata al Perù, il Consiglio è venuto a conferire l'impiego di colonnello del reggimento espresso.»

(Decreto della Giunta)

Partecipò alla battaglia di Huaqui, combattuta il 20 giugno 1811, in cui i patrioti furono sconfitti dai realisti. In questo totale disastro. Viamonte, che ha comandato il reggimento di fanteria n ° 6 nel centro, ha evidenziato quattro società (circa 400 uomini) nella gola di Yuraicoragua per affrontare avanzata nemica gran lunga superiore e evitare di essere tagliato.

Gli uomini hanno affrontato una colonna realistica che comprendeva tra 1.500 e 2.500 uomini, sono stati spazzati dal fuoco in una lotta che non potevano vincere, nemmeno a combattere, scioccati, andarono nel panico.

Dopo questa disastrosa battaglia fu accusato di non essere coinvolgente con le 1500 truppe sotto il suo comando, ordinando esercitazioni militari a breve distanza dal campo di battaglia.

Un Viamonte è stato rimproverato la sua omissione risposto a sua affiliazione saavedrista: il fallimento di Castelli nell'Alto Perù avrebbe impedito il suo trionfale ritorno a Buenos Aires e reinsediato i profughi morenistas ai primi di aprile 1811.

Viamonte si è difeso dicendo questo:

(ES)

«Se apoderó de todos los hombres un terror extraordinario, cuyo origen no he podido comprobar aun6»

(IT)

«Tutti gli uomini furono presi da uno straordinario terrore, la cui origine non ho ancora potuto verificare.»

Queste accuse gli fecero trascorrere gli anni seguenti a rispondere di un lungo processo per la sconfitta, per poi essere assolto e reintegrato nelle sue alte posizioni nell'esercito.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre del 1814, quando la guerra civile era già iniziata contro i federali guidati da José Artigas, fu nominato governatore di Entre Ríos. Non poté dare alcun aiuto al colonnello Manuel Dorrego quando fu sconfitto nella battaglia di Guayabos.

Nel 1815 ha partecipato alla rivoluzione contro il direttore supremo Carlos Maria de Alvear, e poco dopo è stato inviato alla città di Santa Fe per monitorare l'andamento del gruppo federale di 3500 uomini.[5] Il giorno dopo il suo arrivo è morto il governatore Francisco Candioti, che gli ha dato l'opportunità di rendere la provincia di nuovo dipendente da quella di Buenos Aires. Ma l'anno successivo è stato estromesso da una rivolta guidata dal colonnello Mariano Vera e Estanislao López, che ha inviato al campo di prigionia federale di Artigas.

Nel maggio 1818 fu delegato da Buenos Aires al Congresso Nazionale che si era trasferito da Tucumán a Buenos Aires. Lì fu uno degli redattori della Costituzione argentina del 1819, di carattere repubblicano e unitario.

L'anno seguente fu nominato generale in capo dell'esercito di spedizione di Santa Fe, in sostituzione di Juan Ramón Balcarce. Ma Estanislao Lopez immobilizzò l'esercito diretto dalla città di Córdoba da Juan Bautista Bustos e Viamonte, bloccandolo a Rosario, costringendolo a firmare l'armistizio di San Lorenzo.

Dopo la battaglia di Cepeda nel 1820 e prodotto l'Anarchia del Ventesimo Anno, andò in esilio a Montevideo.

Tornò a Buenos Aires alla fine di quello stesso anno. Nel 1821 fu nominato governatore sostituto della provincia di Buenos Aires a causa dell'assenza di Martín Rodríguez.

Fu deputato al Congresso Generale del 1824 e sostenne la Costituzione argentina del 1826, anch'essa di carattere repubblicano e unitario.

Tuttavia, in seguito si unì al partito federale di Manuel Dorrego. Dopo l'esperimento unitario di Juan Lavalle, fu governatore ad interim nel 1829. In quell'ufficio non fece nulla oltre che assicurare l'ascesa al potere di Juan Manuel de Rosas.

Nel 1833, quando il Governatore Balcarce fu rovesciato dalla Rivoluzione della Restaurazione, fu di nuovo governatore. Come il suo predecessore, fu accusato di appartenere al partito dei Lomos Negros, affrontando la Rete Federale, che erano i sostenitori di Rosas. L'influenza di Rosas lo costrinse a dimettersi nel giugno del 1834. Le sue dimissioni non furono accettate perché nessuno voleva prendere il governo. Alla fine, nell'ottobre del 1834, il presidente della legislatura, Manuel Vicente Maza, fu costretto a sostituirlo.

Opposto al regime di Rosista, nel 1839 andò in esilio nella città di Montevideo e vi morì il 31 marzo 1843, a 69 anni.

Le sue spoglie furono rimpatriate nel 1881 e riposano nel cimitero della Recoleta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Museo Particular de Antropología e Historia Natural "Los Desmochados", su www.museolosdesmochados.com.ar. URL consultato il 17 ottobre 2018.
    «Hacia el mes de septiembre de 1777, el virrey Pedro Cevallos comisionó al comandante Juan González para reconstruir el fuerte de India Muerta (situado en un paraje a 10 kilómetros al NE de la actual localidad de Máximo Paz) que se hallaba en muy malas condiciones. Ante esta situación, González propuso la posibilidad de levantar un nuevo fuerte en Melincué. Si bien el virrey aprobaba la idea de González, optó además repoblar también el fuerte de India Muerta, enviando a ese destino al teniente Jaime Viamonte. De esta manera, con la conducción de Juan González, el 15 de noviembre de 1777 se construyó de manera precaria el primer fuerte de Melincué. Luego este fuerte sería objeto de sucesivas reconstrucciones en las cercanías de la laguna. Estas fortificaciones enclavadas en la frontera santafesina, ya fuera por su precariedad o por la gran distancia que mediaba una de otra, no lograron impedir las reiteradas invasiones de los pehuenches, ranqueles y huilliches.».
  2. ^ (EN) Gral Juan José Viamonte González, su geni_family_tree. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  3. ^ Mayo de 1810. Actas del Cabildo de Buenos Aires, con estudio preliminar de Isidoro Ruiz Moreno. Buenos Aires: Claridad, 2009.
  4. ^ Comando en Jefe del Ejército (1972): Reseña histórica y orgánica del Ejército Argentino: Período colonial, 1770-1809. Período indepeniente, 1810-1820. Período con la anarquía y guerra con el Brasil, 1820-1829. Período de Rosas, 1830-1852. Período de Caseros a Pavón, 1852-1861 (pág. 157). Buenos Aires: Círculo Militar, 1972
  5. ^ Lassaga, Ramón J. (1881): Historia de López(pág. 84). Buenos Aires: Imprenta y Librería de Mayo, 1881.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]