Pedro Pablo Ramírez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pedro Pablo Ramírez
PRamirez.jpg

26º Presidente dell'Argentina
Durata mandato 7 giugno 1943 –
23 febbraio 1944
Vice presidente Sabá Héctor Sueyro
Edelmiro Julián Farrell
Predecessore Arturo Rawson Corvalan
Successore Edelmiro Julián Farrell

Ministro della Guerra dell'Argentina
Durata mandato 16 novembre 1942 –
4 giugno 1943
Presidente Ramón S. Castillo
Predecessore Juan Nerón Tonazzi
Successore Edelmiro Julián Farrell

Dati generali
Partito politico Indipendente
Università Colegio Militar de la Nación
Professione Militare
Firma Firma di Pedro Pablo Ramírez
Pedro Pablo Ramírez
Pedro-p-ramirez.jpg
NascitaLa Paz, 30 gennaio 1884
MorteBuenos Aires, 12 maggio 1962
Dati militari
Paese servitoFlag of Argentina.svg Argentina
Forza armataCoat of arms of the Argentine Army.svg Esercito argentino
Anni di servizio1904-1944
GradoGenerale di divisione
DecorazioniGran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín
voci di militari presenti su Wikipedia

Pedro Pablo Ramírez Machuca (La Paz, 30 gennaio 1884Buenos Aires, 12 maggio 1962) è stato un generale e politico argentino, Presidente e dittatore dell'Argentina dal 7 giugno 1943 al 24 febbraio 1944.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Acceso nazionalista, riuscì a sfruttare il vuoto di potere che si era creato dopo la ribellione di numerosi ufficiali rivoltosi dell'esercito e che aveva portato alle dimissioni dell'incapace dittatore Ramón S. Castillo.

Il suo primo atto fu lo scioglimento del Congresso, dopo di che governò con decreti; di fronte alle vaste critiche egli represse tutte le associazioni che appoggiavano gli Alleati, la stampa ebraica e quella di opposizione. Operò epurazioni nelle scuole e nelle università.

L'attività di agenti tedeschi e giapponesi in Argentina portò gli Alleati, in particolar modo gli Stati Uniti d'America, ad una dura protesta, che in un primo tempo consolidò l'unità degli argentini attorno a Ramírez, ma ebbe come conseguenza nel febbraio 1944 le sue dimissioni e la rottura delle relazioni diplomatiche con le Potenze dell'Asse. Il suo successore Edelmiro Farrell mantenne la politica favorevole all'Asse, ma anche lui mantenne il potere per breve tempo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia dei Personaggi Storici - pubblicazione a cura della rivista Storia Illustrata - pag.675 - Arnoldo Mondadori editore (1970)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Argentina Successore Coat of arms of Argentina.svg
Arturo Rawson Corvalan 1943-1944 Edelmiro Julián Farrell
Controllo di autoritàVIAF (EN6339246 · LCCN (ENn84145276 · BNF (FRcb177861043 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84145276