JoJo's Bizarre Adventure (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
JoJo's Bizarre Adventure
videogioco
Titolo originaleジョジョの奇妙な冒険
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, Arcade, PlayStation, Dreamcast
Data di pubblicazioneArcade
Giappone 1998
Flags of Canada and the United States.svg 1998
PlayStation
Giappone 1999
Flags of Canada and the United States.svg 2000
Flag of Europe.svg 2000
Dreamcast
Giappone 1999
Flags of Canada and the United States.svg 2000
Flag of Europe.svg 2000
PlayStation 3
21 agosto 2012
Xbox 360
22 agosto 2012
GenerePicchiaduro a incontri
TemaAnime
OrigineGiappone
SviluppoCapcom
PubblicazioneCapcom
Modalità di giocoSingolo giocatore, multiplayer
Periferiche di inputJoystick, gamepad
Requisiti di sistemaCPS-3

JoJo's Bizarre Adventure (ジョジョの奇妙な冒険 JoJo no Kimyō na Bōken?) è un videogioco di combattimenti ad incontri sviluppato e pubblicato dalla Capcom basato sul manga Le bizzarre avventure di JoJo[1]. Il videogioco è stato realizzato dallo stesso team che in precedenza aveva lavorato sul titolo Street Fighter III.

È stato originariamente pubblicato come videogioco arcade nel 1998 su sistema arcade CPS-3. Questa versione era conosciuta al di fuori dal Giappone con il titolo JoJo's Venture. Una versione aggiornata del gioco è stata pubblicata nel 1999 con il titolo JoJo's Bizarre Adventure: Heritage for the Future (ジョジョの奇妙な冒険 未来への遺産 JoJo no Kimyō na Bōken Mirai e no Isan?), ed è diventato il sesto ed ultimo videogioco ad essere sviluppato per sistemi CPS-3. Conversioni del gioco per console PlayStation e Dreamcast sono state pubblicate nel corso dello stesso anno. Una versione in alta definizione del videogioco con una modalità online è stata resa disponibile attraverso PlayStation Network e Xbox Live Arcade nell'agosto 2012[2] ma successivamente rimossa a settembre 2014.[3]

L'autore originale del fumetto, Hirohiko Araki ha supervisionato la realizzazione del gioco ed ha realizzato alcuni disegni esclusivi per la confezione del gioco e per la promozione. Ha inoltre realizzato un nuovo design per il personaggio di Midler, dato che la Capcom intendeva utilizzarla nel gioco, mentre il personaggio nel manga era mostrato a malapena.

Lista personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi de Le bizarre avventure di JoJo.
  • Muhammad Avdol (stand: Magician's Red) (doppiatore: Hisao Egawa)
  • Alessi (stand: Sethan) (doppiatore: Tsutomu Tareki)
  • Blind Noriaki Kakyoin (stand: Hierophant Green)B
  • Chaka (stand: Anubis) (doppiatore: Takashi Nagasako)
  • Dark DIO (stand: The World)A
  • Dark Jean-Pierre Polnareff (stand: Dark Silver Chariot)B
  • Devo (stand: Ebony Devil) (doppiatore: Yuji Kishi)
  • DIO (stand: The World)A (doppiatore: Isshin Chiba)
  • Hol Horse (stand: The Emperor)B
  • Hol Horse & Boingo (stand: The Emperor & Thoth)B (doppiatori: Yoshito Yasuhara & Wataru Takagi)
  • Iggy (stand: The Fool)
  • Jean-Pierre Polnareff (stand: Silver Chariot) (doppiatore: Tsutomu Tareki)
  • Joseph Joestar giovaneA (doppiatore: Hōchū Ōtsuka)
  • Joseph Joestar (stand: Hermit Purple) (doppiatore: Tōru Ōkawa)
  • Jotaro Kujo (stand: Star Platinum) (doppiatore: Kiyoyuki Yanada)
  • Noriaki Kakyoin (stand: Hierophant Green) (doppiatore: Mitsuaki Madono)
  • Khan (stand: Anubis)B (doppiatore: Takashi Nagasako)
  • Mariah (stand: Basteth)B (doppiatrice: Miki Nagasawa)
  • Midler (stand: The High-Priestess) (doppiatrice: Miki Nagasawa)
  • Pet Shop (stand: Horus)B
  • Rubber Soul (stand: Yellow Temperance)B (doppiatore: Mitsuaki Madono)
  • Vanilla Ice (stand: Cream)B (doppiatore: Shō Hayami; doppiatore modalità storia: Yūji Kishi)
io

APersonaggio boss BIntrodotto in Heritage for the Future

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La rivista Play Generation diede alla riedizione in HD un punteggio di 73/100, apprezzando l'interessante meccanismo degli Stand, il design dei personaggi e le loro abilità, ma come contro i pochi personaggi, l'assenza della modalità più divertenti della versione per PlayStation e l'eccessivo costo, reputandolo un picchiaduro atipico e divertente che sarebbe piaciuto ai fan di Street Fighter vecchio stampo, ma durava poco e l'edizione HD non soddisfaceva[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ JoJo raddoppia su PS3, in Play Generation, n. 82, Edizioni Master, agosto 2012, p. 6, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  2. ^ 1st Jojo's Bizarre Adventure Fighting Game Remade in HD [collegamento interrotto], in Anime News Network. URL consultato il 15 luglio 2012.
  3. ^ JoJo’s Bizarre Adventure HD rimosso da Xbox Live e PSN, su SpazioGames, 11 settembre 2014. URL consultato il 30 agosto 2020.
  4. ^ JoJo's Bizarre Adventure HD Ver., in Play Generation, n. 84, Edizioni Master, ottobre 2012, p. 37, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]