iPhone 12 Pro Max

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
iPhone 12 Pro, iPhone 12 Pro Max
Smartphone
IPhone 12 Pro Max wordmark.svg
Slogan«Fai un salto nel futuro.»
Inizio vendita
  • 12 Pro: 16 ottobre 2020
  • 12 Pro Max: 6 novembre 2020
PredecessoreiPhone 11 Pro Max
Comunicazione
RetiMulti-band:

GSM/GPRS/EDGE, UMTS/HSDPA/HSUPA, LTE Advanced Pro, 5G

Connettività
Software
Sistema operativoiOS 14
SuonerieiTunes Store via iTunes, creazione personalizzata con GarageBand (polifoniche)
Multimedia
  • Tripla fotocamera posteriore da 12 megapixel grandangolare, ultra-grandagolare e teleobiettivo
  • Fotocamera anteriore da 12 megapixel
    Videochiamata
    Lettore multimediale
Hardware
Archiviazione128 GB/256 GB/512 GB
ConnettoreMagSafe e Lightning
Batteria
Tipoaccumulatore agli ioni di litio
Capacità
  • 12 Pro: 2815 mA h
  • 12 Pro Max: 3687 mA h[1]
Display
Diagonale
  • 12 Pro: 6,1"
  • 12 Pro Max: 6,7"
Risoluzione
  • 12 Pro: 2532 px x 1170 px
  • 12 Pro Max: 2778 px x 1284 px
Densità
  • 12 Pro: 460 ppi
  • 12 Pro Max: 458 ppi
Altro
Dimensioni
  • 12 Pro: 146,7 mm x 71,5 mm x 7,4 mm
  • 12 Pro Max: 160,8 mm x 78,1 mm x 7,4 mm
Peso
  • 12 Pro: 187 g
  • 12 Pro Max: 226 g
Riconoscimento biometricoFace ID

L'iPhone 12 Pro e l'iPhone 12 Pro Max sono due smartphone prodotti da Apple Inc., presentati il 13 ottobre 2020 dall'amministratore delegato Tim Cook allo Steve Jobs Theater, insieme all'iPhone 12. Rappresentano la quattordicesima generazione di iPhone e sostituiscono i modelli 11 e 11 Pro Max.

Le sue novità principali sono la fotocamera posteriore corredata di scanner LiDAR, il chip Apple A14 Bionic, connettività 5G e il vetro dello schermo "Ceramic Shield" con particelle di ceramica.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

iPhone 12 pro max complete specs

  1. ^ (EN) Teardown Video Confirms iPhone 12 and iPhone 12 Pro Use Same 2,815mAh Battery, su MacRumors. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  2. ^ Apple iPhone 12, la nostra prova: veloce verso il futuro degli smartphone, su la Repubblica, 21 ottobre 2020. URL consultato il 22 ottobre 2020.