iPhone SE (seconda generazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
IPhone SE
Smartphone
IPhone SE (2nd generation) wordmark.svg
IPhone SE (2nd generation) white vector.svg
ProduttoreApple
Slogan«Proprio quello che vuoi. A meno di quello che pensi.»
Presentazione15 aprile 2020
PredecessoreiPhone SE
Comunicazione
RetiMulti-band:

GSM/GPRS/EDGE, UMTS/HSDPA/HSUPA, LTE Advanced Pro

Connettività
Software
Sistema operativo
SuonerieiTunes Store via iTunes, creazione personalizzata con GarageBand (polifoniche)
MultimediaFotocamera
Videocamera
Videochiamata
Lettore multimediale
Fotocamere
PosterioreFotocamera grandangolare da 12 megapixel

Formati immagine acquisiti: HEIF e JPEG Registrazione video 4K a 24, 30 o 60 fps, 1080p a 30 o 60 fps, 720p a 30 fps Formati video registrati: HEVC e H.264

AnterioreFotocamera da 7 megapixel

Registrazione video 1080p

Hardware
SoCApple A13 Bionic
RAM3 GB
Archiviazione64 GB/128 GB/256 GB
ConnettoreLightning, IEEE 802.11ax e Bluetooth
Batteria
Capacità1821 mA h
ConsumoCirca la stessa autonomia di iPhone 8
  • Riproduzione video: fino a 13 ore
  • Riproduzione video (streaming): fino a 8 ore
  • Riproduzione audio: fino a 40 ore
Display
TipoIPS
Diagonale4,7"
Risoluzione1334 px × 750 px
Densità326 ppi
TouchscreenCapacitivo e Multi-touch
Altro
Dimensioni37,3 mm x 138,4 mm x 7,3 mm
Peso148 g
Colorazionibianco, nero e rosso
Riconoscimento biometricoTouch ID
Certificazionimarcatura internazionale di protezione (IP67)
Sito web iPhone SE - Apple (IT), su apple.com.

L'iPhone SE di seconda generazione è il secondo smartphone della serie SE (acronimo di Special Edition), dopo l'iPhone SE di prima generazione (2016).

L'iPhone SE è stato presentato il 15 aprile 2020 senza tenere alcun evento pubblico a causa della pandemia di COVID-19[1]. Sostituisce l'iPhone 8, di cui riprende la scocca aggiornandone però il processore. È stato possibile ordinarlo a partire dalle ore 14 del 17 aprile 2020 ed è disponibile alla vendita dal 24 aprile 2020.[2]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Il display è di tipo LCD IPS Retina HD da 4,7", lo stesso presente negli iPhone 6, 6S, 7 e 8.

Colorazioni
Nome Fronte
Bianco Nero
Nero
(PRODUCT)RED

Prezzi[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del lancio, il prezzo è stato di 499 € per la versione da 64 GB, 549 € per la versione da 128 GB e 669 € per la versione da 256 GB, risultando così il dispositivo più economico dell'intera gamma iPhone.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Esce sul mercato con iOS 13 e monta un processore Apple A13 Bionic, già presente su iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max, ma con una quantità di RAM ridotta a 3 GB. Il nuovo iPhone SE è dotato del riconoscimento di impronte digitali Touch ID di seconda generazione a sfioramento con feedback aptico. Non è presente il riconoscimento tramite Face ID. La scocca è in alluminio e vetro e non è presente il connettore jack da 3,5mm per le cuffie. Il fatto di avere il posteriore in vetro permette la ricarica wireless ad induzione con alimentatori Qi. Il dispositivo è, inoltre, provvisto di certificazione IP67 (resistenza all'acqua per 30 minuti fino ad 1 metro di profondità) ed è dual SIM (supporta una nano-SIM tradizionale e monta un'eSIM).

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

L'iPhone SE di seconda generazione ha una batteria integrata ricaricabile agli ioni di litio da 1821 mAh. Identica a quella dell'iPhone 8 come capacità, differisce per il connettore, dunque non è intercambiabile tra i due modelli. Inoltre supporta la ricarica wireless a induzione e la ricarica rapida con alimentatore da 18 W entrambi venduti a parte. Nella confezione di vendita si trovava un alimentatore standard da 5 W.

Spot pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ iPhone SE 2020 è ufficiale: torna il 3D Touch | MobileLabs, su Tom's Hardware. URL consultato il 15 aprile 2020.
  2. ^ iPhone SE, su Apple (Italia). URL consultato il 15 aprile 2020.
  3. ^ Apple ha annunciato il nuovo iPhone SE con display da 4,7", su Macitynet.it, 15 aprile 2020. URL consultato il 15 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]