Helen Rose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annabella Levy (hairdresser), Elizabeth Taylor ed Helen Rose
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori costumi 1953
Statuetta dell'Oscar Oscar ai migliori costumi 1956

Helen Rose (Chicago, 2 febbraio 1904Palm Springs, 9 novembre 1985) è stata una costumista statunitense: quando Adrian lasciò la MGM, il reparto costumi venne affidato a Helen Rose che diventò capo designer dello studio di Culver City.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1904 da William Bromberg e Ray Bobbs, era di famiglia russo-tedesca. Studiò all'Accademia di Belle Arti di Chicago e cominciò a disegnare costumi per il teatro e per spettacoli di night club. Nel 1929, si trasferì a Los Angeles, dove lavorò per le Ice Follies.

Nei primi anni quaranta, lavorò un paio d'anni per la 20th Century Fox, disegnando i costumi per le scene musicali dei film. Nel 1943, le fu offerto dalla MGM il posto che era stato di Adrian, il capo del dipartimento costumi che aveva lasciato gli studios di Culver City. Helen Rose lavorerà per la casa di produzione per più di vent'anni. Lasciò la MGM nei tardi anni sessanta, aprendo un proprio studio di moda.

Fu lei a disegnare nel 1956 l'abito nuziale della principessa Grace di Monaco in occasione delle sue nozze con il principe Ranieri III.

Costumi di Helen Rose per il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Anni sessanta[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • (EN) Elizabeth Leese, Costume Design in the Movies BCW Publishing Limited, 1976 ISBN 0-904159-32-9
  • (EN) David Chierichetti, Hollywood Costume Design, Cassell & Collier Macmillan Publishers Ltd, London 1976 ISBN 0-289-707-307

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32199174 · ISNI (EN0000 0000 4617 4234 · LCCN (ENno97023392 · BNF (FRcb14043044w (data) · ULAN (EN500337078