Amanti latini (film 1953)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amanti latini
Latin Lovers 1953.JPG
Lana Turner in una scena del trailer
Titolo originaleLatin Lovers
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1953
Durata104 min
Rapporto1,37:1
Generecommedia, musicale, sentimentale
RegiaMervyn LeRoy
SoggettoIsobel Lennart
SceneggiaturaIsobel Lennart
ProduttoreJoe Pasternak
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione (Italia)Metro-Goldwyn-Mayer
FotografiaJoseph Ruttemberg
MontaggioJohn McSweeney Jr.
Effetti specialiA. Arnold Gillespie e Warren Newcombe
MusicheAlbert Sendrey e George Stoll (non accreditati)
Nicholas Brodszky (musica addizionale)
ScenografiaCedric Gibbons e Gabriel Scognamillo
Jacques Mapes e Edwin B. Willis (arredamenti)
CostumiHelen Rose (costumi donne)
Herschel McCoy (costumi uomini)
Joan Joseff (gioielli)
TruccoWilliam J. Tuttle
Sydney Guilaroff (hair stylist)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Amanti latini (Latin Lovers) è un film del 1953 diretto da Mervyn LeRoy.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una donna del nordamerica stanca di essere considerata solo per ciò che possiede, per le sue ricchezze, cerca in viaggio nella terra lontana del Brasile, qualcuno che la desideri e che la voglia sposare solo per amore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film, prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated), durarono dal 2 dicembre 1952 a metà gennaio 1953[1].

Douglas Shearer curò la registrazione del sonoro con il sistema monofonico Western Electric Sound System.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 28 agosto 1953 dopo essere stato presentato in prima il 12 agosto a New York[1].

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[2]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film concentra tutti gli sforzi sul fascino della protagonista ma questo non basta allo spettatore[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AFI
  2. ^ IMDb Info sulle date di uscita
  3. ^ Op.cit. Il Morandini 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morando Morandini, Laura Morandini, Mauro Tassi, Il Morandini 2010, Zanichelli Editore, 2010, ISBN 978-88-08-30176-5.
  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story, Londra, Octopus Book Limited, 1975, ISBN 0-904230-14-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema