La donna del destino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La donna del destino
La donna del destino.png
Una scena del film
Titolo originale Designing Woman
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1957
Durata 118 min
Colore colore (Metrocolor)
Audio sonoro 4-Track Stereo (Westrex Recording System)
Rapporto 2,35 : 1
Genere commedia
Regia Vincente Minnelli
Soggetto George Wells
Sceneggiatura George Wells
Produttore Dore Schary
Casa di produzione MGM
Distribuzione (Italia) MGM
Fotografia John Alton
Montaggio Adrienne Fazan
Musiche Billy Higgins e André Previn
Scenografia E. Preston Ames, William A. Horning

Arredatore: Henry Grace, Edwin B. Willis

Costumi Helen Rose
Trucco William Tuttle
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

La donna del destino (Designing Woman) è un film del 1957, diretto da Vincente Minnelli e interpretato da Gregory Peck nelle vesti di un giornalista sportivo che si sposa con Lauren Bacall, donna in carriera, costumista e disegnatrice di moda.[1]


Trama[modifica | modifica sorgente]

Mentre si trova in vacanza in California, il reporter sportivo Mike Hagen incontra una bella disegnatrice di moda, Marilla. Un vero e proprio colpo di fulmine per tutti e due e dopo soli pochi giorni, la coppia d'innamorati decide di sposarsi. Quasi subito, però, Mike scopre di avere molto poco in comune con lei. Marilla è abituata a frequentare sofisticati ambienti teatrali o legati al mondo della moda; Mike, al contrario, vive come uno scapolo incallito, girando per gli Stati Uniti al seguito degli avvenimenti sportivi, inviato dal giornale per cui lavora. Gli appartamenti dei due riflettono il diverso stile di vita: belle stanze accuratamente arredate, comode e accoglienti per Marilla; un appartamentino disordinato per il reporter la cui vita sociale consiste in gran parte in nottate passate a giocare a poker con i colleghi. Marilla cerca di condividere gl'interessi di Mike, seguendolo alle partite; lui, quelli della moglie, ma il balletto o le commedie lo annoiano.

Lori Shannon, la bella bionda

Marilla, oltretutto, diventa sospettosa quando trova la foto di una splendida bionda, ex amichetta di Mike, che lui continua a frequentare. Nel frattempo, il mondo dello sport diventa pericoloso per il reporter, che denuncia Martin Daylor, un disonesto promoter del pugilato. Minacciato da costui, Mike trova una guardia del corpo in Maxie Stultz, un pugile suonato che lo accompagna dappertutto. Non raccontando niente alla moglie, si trova a creare equivoci e incomprensioni a ripetizione. Alla fine, mentre la moglie lavora in casa insieme a un gruppo di artisti, Mike viene aggredito: saranno proprio i tanti disprezzati "artisti", considerati poco più che donnicciole dal macho reporter, a salvarlo con un'elegante rissa che avrà ragione dei brutali picchiatori di Martin Daylor.

Le varie fasi del film vengono anticipate dal breve commento di una voce narrante in prima persona: ora quella di lui, ora quella di lei, altre volte quella di altri protagonisti del film.

Jack Cole, famoso coreografo, di cui Minnelli era un grande ammiratore, interpreta uno dei ruoli di supporto

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto dalla MGM e venne girato negli studi della Metro Goldwyn Mayer al 10202 W. Washington Blvd. di Culver City e al Beverly Hills Hotel & Bungalows - 9641 Sunset Blvd., Beverly Hills.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film uscì in prima il 16 maggio 1957 a New York.

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

IMDb

  • USA 16 maggio 1957 (New York City, New York)
  • Svezia 29 luglio 1957
  • Finlandia 1 novembre 1957
  • Francia 22 novembre 1957
  • Austria febbraio 1958
  • Giappone 20 maggio 1958
  • Germania Ovest 31 dicembre 1958
  • Danimarca 5 ottobre 1959
Alias
  • Designing Woman USA (titolo originale)
  • A Mulher Modelo Portogallo
  • Ask arzulari Turchia (titolo Turco)
  • Förlåt, vi är visst gifta... Svezia
  • Formatervezett nö Ungheria
  • Gynaika mou, ego ki o peirasmos Grecia
  • La donna del destino Italia
  • La Femme modèle Francia
  • Mi desconfiada esposa Spagna
  • Mieheni entinen Finlandia
  • Min kone er på krigsstien Danimarca
  • Warum hab' ich ja gesagt! Germania Ovest
  • Warum hab' ich ja gesagt? Austria
  • Zona modna Polonia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il film era stato pensato per Grace Kelly, poi sostituita da Lauren Bacall

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema