Giusto Lodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giusto Lodi
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1955-1957 Bolzano 49 (26)
1957-1958 Lanerossi Vicenza 1 (0)
1958-1960 Forlì 69 (14)
1960-1962 Livorno 39 (11)
1962-1964 Potenza 69 (8)
1964-1965 Brescia 26 (4)
1965-1966 Potenza 33 (7)
1966-1967 Genoa 21 (6)
1967-1972 Cosenza 122 (21)
Carriera da allenatore
1970-1972Cosenza
1972-1973Cosenza
1973-1974Messina
1974-1975Casertana[1]
1976-1977Siracusa
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giusto Lodi (Bomporto, 9 novembre 1937maggio 1994[2]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera nel Bolzano nel 1955 in IV Serie. Nella IV Serie 1955-1956 con i biancorossi vince il Girone D ma non ottiene l'accesso in terza serie poiché perde le finali promozione contro la Reggiana. La stagione seguente retrocede in Interregionale - Seconda serie.

Nel 1957 passa al Lanerossi Vicenza, club con cui esordisce in Serie A il 29 settembre dello stesso anno nella sconfitta per 2-0 contro la Lazio sul neutro di Napoli. Con i berici raggiunge il settimo posto della Serie A 1957-1958.[3]

Nel 1958 si trasferisce al Forlì, club con cui milita due stagioni in Serie C.

Nel 1960 passa al Livorno, club con cui milita due stagioni in Serie C.[4] Il primo gol tra le file dei labronici è datato 4 dicembre 1960, nella vittoria esterna per 3-0 contro il Cesena.[5]

Nel 1962 si trasferisce al Potenza; con i lucani vince il Girone C della Serie C 1962-1963, ottenendo la promozione in Serie B. Nella prima stagione tra i cadetti con i rossoblu ottiene il nono posto.

Nel 1964 passa al Brescia, club con cui vince il campionato cadetto 1964-1965, conquistando la promozione in massima serie.

Nel 1965 torna a giocare in Basilicata, con il Potenza, club con cui ottiene il decimo posto tra i cadetti.

Nel 1966 passa al Genoa, club con cui esordisce l'11 settembre dello stesso anno nella vittoria casalinga per 1-0 contro l'Arezzo.[6] La stagione in rossoblu terminò con il dodicesimo posto della Serie B 1966-1967.

Nel 1967 si trasferisce al Cosenza in Serie C. Con i calabresi milita cinque stagioni, assumendo anche la carica di capitano e diventandone allenatore/giocatore nella stagione 1970-1971 ed in quella seguente.

In carriera ha totalizzato complessivamente una presenza in Serie A e 120 presenze e 18 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Divenuto allenatore/giocatore del Cosenza a partire dalla stagione 1970-1971, chiusa al nono posto, abbandona l'attività agonistica per divenire solo allenatore dei silani nella Serie C 1972-1973, terminata al quattordicesimo posto.[7]

Nel 1973 diventa allenatore del Messina, club con cui vince il Girone I della Serie D 1973-1974.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Potenza: 1962-1963
Brescia: 1964-1965

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Messina: 1973-1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, edizioni Panini, pag. 303
  2. ^ Profilo su 11leoni.com[collegamento interrotto]
  3. ^ LODI Giusto museovicenzacalcio1902.net
  4. ^ Lodi Giusto uslivorno.it
  5. ^ Lodi Giusto, marcature uslivorno.it
  6. ^ Tabellini 1966-67 Archiviato il 18 dicembre 2009 in Internet Archive. akaiaoi.com
  7. ^ ALBO STORICO - Cosenza Calcio 1914 cosenzacalcio1914.com
  8. ^ ASSOCIAZIONE CALCIO RIUNITE MESSINA 1973-74 web.tiscali.it/messinastory

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]