Giuseppe Maria Asclepi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Maria Asclepi (Macerata, 1706Roma, 1776) è stato un astronomo e matematico italiano. Padre gesuita, nel corso della sua attività osservò numerosi fenomeni celesti che descrisse in alcuni suoi trattati, studiando la parallasse solare tentando senza riuscirci di determinarne un'equazione risolutiva. Negli ultimi anni sostituì Ruggiero Giuseppe Boscovich nella cattedra di matematica al Collegio Romano.[1] A lui è intitolato il cratere lunare Asclepi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(lista parziale)

  • Nuova proprietà delle potenze de 'numeri
  • Tentamen novae de odoribus theorie (Siena, 1749)
  • De veneris per solem transitu exercitatio astronomica habita in Collegio Romano (Roma, 1761)
  • De motum gravium rectilineo (Roma, 1762-1763)
  • De objectivi micrometri usu in planetarum diametris metiendis. Exercitatio optico-astronomica habita in Collegio Romano a Patribus Societatis Jesu (Roma, 1765)
  • De cometarum motu exercitatio astronomica habita in collegio Romano patribus Societatis Jesu.Prid.Non.Septem (Roma, 1769).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Villoslada 1954, p. 243.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ricardo García Villoslada, Storia del Collegio Romano dal suo inizio (1551) alla soppressione della Compagnia di Gesù, Gregorian Biblical BookShop, 1954, ISBN 88-765-2044-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65460 · ISNI (EN0000 0000 6122 0278 · LCCN (ENnr95031784 · GND (DE1054241503 · BNF (FRcb12240755t (data) · BAV ADV10055899 · CERL cnp02106935 · WorldCat Identities (ENnr95-031784