Fuerza Aérea del Perú

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fuerza Aérea del Perú
Forza aerea del Perù
Peruvian Air Force
[[File:Escudo de armas FAP.png|frameless|center|280x300px]]
Descrizione generale
Attiva 1950 - oggi
Nazione Perù Perù
Servizio aeronautica militare
Battaglie/guerre Guerra colombo-peruviana
Guerra Ecuadoriano–Peruviana
Sito internet http://www.fap.mil.pe
Parte di
Comandanti
Comandante attuale General del Aire Miguel Ángel Gómez Vizcarra
Simboli
Coccarda
Roundel of Peru.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
Mil Mi-6 della FAP durante esercitazioni.

La Fuerza Aérea del Perù, spesso abbreviata in FAP,[1] e conosciuta internazionalmente con la denominazione in lingua inglese Peruvian Air Force, è l'attuale aeronautica militare del Perù e parte integrante delle forze armate peruviane. Come le altre forze armate del paese opera sotto il controllo del Comando Conjunto de las Fuerzas Armadas del Perú.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

L'aeronautica militare peruviana venne costituita il 20 maggio 1929 con la denominazione di Cuerpo de Aviación del Perú, fino ad allora sotto il comando della Marina de Guerra del Perú. Dopo pochi anni venne coinvolta nel suo primo evento bellico, la Guerra colombo-peruviana del 1932-1933, scontrandosi con la Fuerza Aérea Colombiana. Successivamente assunse la nuova denominazione di Cuerpo Aeronáutico del Perú coinvolto nuovamente, nel 1938, in un altro conflitto locale, la Guerra Ecuadoriano–Peruviana, nel quale si distinse per un atto eroico il pilota José Quiñones Gonzáles, a cui venne da quel momento intitolata l'aeronautica militare peruviana.

Nel 1950 assunse l'attuale denominazione Fuerza Aérea del Perú. Nel primi mesi del 1995, viene coinvolta nuovamente in un episodio bellico con l'Ecuador nell'Alto Cenepa, una zona di confine tra i due stati sulla Cordigliera del Condor (Ande), e chiamata guerra del Cenepa o guerra dell'Alto Cenepa.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio (2016)[2] Note
Aerei da combattimento
Dassault Mirage 2000 Francia Francia Caccia multiruolo
conversione operativa
Mirage 2000P
Mirage 2000DP
10[2]
2[2]
12 esemplari consegnati tra il 1985 ed il 1988, sono stati sottoposti ad un primo upgrade nel 1996-1998, ed un secondo nel 2009-2014, e risultano tutti in servizio al dicembre 2016.[2]
Mikoyan-Gurevich MiG-29 Fulcrum Russia Russia Aereo da caccia
caccia multiruolo
caccia multiruolo
conversione operativa
MiG-29S
MiG-29SE
MiG-29SMT
MiG-29UB
16[3][2]
3[3][2]
6[3][2]
2[3][2]
Un contratto è stato stipulato con Mikoyan il 12 agosto 2008 di 106 milioni di dollari USA, per eseguire un miglioramento personalizzato ad otto MiG-29S, che entro il 2012 sono stati portati allo standard MiG-29SMT.[3]
Sukhoi Su-25 Frogfoot Russia Russia aereo da attacco al suolo
conversione operativa
SEAD
Su-25A
Su-25UB
10[2]
8[2]
Consegnato nel 1997-1998, risultano tutti in servizio al dicembre 2016.[2] Nel 2004-2005 gli 8 biposto sono stati sottoposti ad un upgrade denominato "COMADREJA" che gli ha conferito capacità SEAD.[2]
Cessna A-37 Dragonfly Stati Uniti Stati Uniti Aereo da attacco leggero A-37B 18[2] 36 consegnati nel 1975-1977, ai quali si sono aggiunti altri 17 esemplari ex USAF tra il 1992 e il 2002.[2] Di queste macchine 10 sono state ammodernate nel 2002 e le altre ritirate, mentre altre 8 sono state cedute dalla Corea del Sud, quindi al dicembre 2016 ne risultano in servizio 18.[2]
Aerei da addestramento
Alenia Aermacchi MB-339 Italia Italia Aereo da addestramento MB-339AP 10[2] 16 esemplari consegnati nel 1981-1982, ne restano in servizio 10 al dicembre 2016.[2]
Embraer EMB-312 Tucano Brasile Brasile Aereo da addestramento A-27 21[2] 30 acquistati tra il 1987 ed il 1992, 3 persi e 6 venduti all'Angola, ne restano in servizio 21 al dicembre 2016.[2]
KAI KT-1 Woongbi Corea del Sud Corea del Sud Aereo da addestramento KT-1P 2[4] 20 acquistati nel 2012.[2][4]
Zlin Z 242 Rep. Ceca Rep. Ceca Aereo da addestramento Zlin Z 242 L 18[2] 18 consegnati nel 1998 e tutti in servizio al dicembre 2016.[2]
Cessna T-41 Mescalero Stati Uniti Stati Uniti Aereo da addestramento T-41D 6[2]
Piper PA-34 Seneca Stati Uniti Stati Uniti Aereo da addestramento P-34 2[2] Utilizzati per l'addestramento su plurimotori.[2]
Aerei per impieghi speciali
Fairchild C-26 Metroliner Stati Uniti Stati Uniti Aereo da ricognizione C-26B 4[2] 4 ceduti dagli Stati Uniti nel 2005.[2]
Learjet 36 Stati Uniti Stati Uniti ELINT Learjet 36B 2[2] 2 entrati in servizio nel 2012-2013.[2]
Aerei da trasporto
Alenia C-27J Spartan Italia Italia aereo da trasporto C-27J 4[2] 4 acquistati dal 2013.[2]
Boeing 737 Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto VIP 737-20
737-300
737-500
4[2] 4 acquistati tra il 2001 ed il 2006.[2]
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto L-100-20 6[2] 2 C-130B in magazzino utilizzati come fonte per parti di ricambio.[2]
Antonov An-32 Cline Ucraina Ucraina aereo da trasporto An-32B 5
Harbin Y-12 Cina Cina aereo da trasporto leggero Y-12 II 5
Dassault Falcon 20 Francia Francia aereo da trasporto VIP Falcon 20F 1
de Havilland Canada DHC-6 Twin Otter Canada Canada Idrovolante DHC-6 5
Pilatus PC-6 Svizzera Svizzera aereo da trasporto leggero PC-6 9
Elicotteri
Mil Mi-17 Hip Russia Russia elicottero da trasporto Mi-8
Mi-17H
Mi-171Sh
28[2]
Mil Mi-24 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-25 Hind-D 18[2] 16 acquistati in parte nuovi e in parte di seconda mano tra il 1983 e il 1992, e tutti in fase di aggiornamento alla versione Mi-35P insieme ad ulteriori 2 esemplari ex russi acquistati nel 2011 e già riconvertiti.[2]
Bell 212 Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 212 6
Bell 412 Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 412EP 1 In origine erano 2 aeromobili, attualmente uno è conservato presso la base aerea di Las palmas (Lima) all'esterno del Museo
Bölkow Bo 105 Germania Germania elicottero leggero Bo-105LS 5
Schweizer 300 Stati Uniti Stati Uniti elicottero leggero da addestramento Schweizer 300C 6[2]

Aeromobili non più in uso[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Munro, Bob (a cura di), Central and South America, in The World's Air Forces, London, Salamander books, 1991, p.42.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am "Il futuro delle Forze Armate Peruviane" - RID Rivista italiana difesa" N. 12 - 12/2016 pp. 76-78
  3. ^ a b c d e "NEWS DA MOSCA", su analisidifesa.it, 13 ottobre 2012, URL consultato il 10 novembre 2016.
  4. ^ a b "PERÙ ACCEPTS FIRST LOCALLY-ASSEMBLED KT-1P TRAINER", su flightglobal.com, 29 aprile 2015, URL consultato il 29 novembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peacock, Lindsay (a cura di), World Air Forces, Coulsdon, UK, Jane's Information Group Ltd., 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]