Cessna T-41 Mescalero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cessna T-41 Mescalero
Hondo Cessna T-41 Mescalero.jpg
Descrizione
Tipo aereo da addestramento basico
Equipaggio 2 (allievo/pilota + istruttore)
Costruttore Stati Uniti Cessna Aircraft
Data primo volo novembre 1955
Data entrata in servizio settembre 1964
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Altri utilizzatori Stati Uniti US Army
Thailandia Kongthap Akat Thai
Thailandia Kongthap Bok Thai
Esemplari 756 (fuori produzione)
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,21 m (26 ft 11 in)
Apertura alare 10,92 m (35 ft 10 in)
Altezza 2,69 m (8 ft 10 in)
Superficie alare 14,80 (159 ft²)
Peso a vuoto 618 kg (1 363 lb)
Peso carico 1 134 kg (2 500 lb)
Propulsione
Motore un Continental IO-360-D
Potenza 210 hp (160 kW)
Prestazioni
Velocità max 232 km/h (144 mi, 125 kt)
Velocità di salita 4,47 m/s (880 ft/min)
Autonomia 1 159 km (720 mi, 626 nm)
Tangenza 5 180 m (17 000 ft)
Note dati riferiti alla versione T-41C

i dati sono estratti da GlobalSecurity.org[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il T-41 Mescalero è un monomotore aereo da addestramento basico ad ala alta sviluppato dall'azienda aeronautica statunitense Cessna Aircraft Company negli anni cinquanta.

Realizzato per rispondere ad una specifica della United States Air Force (USAF), l'aeronautica militare statunitense, è la versione militare dell'aereo da turismo Cessna 172 Skyhawk destinato invece al mercato dell'aviazione generale. Utilizzato principalmente per formazione dei nuovi piloti ripropone la cabina di pilotaggio del modello da cui deriva con i due posti anteriori dotati di doppi comandi riservati all'allievo e all'istruttore e dove possono trovare posto altri due passeggeri.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

T-41A
prima variante militare del Cessna 172F adottata dall'USAF, equipaggiata con un motore Continental O-300 da 145 hp. Esemplari costruiti: 211.
T-41B
versione del Cessna 172E impiegata dall'US Army nel ruolo dell'addestramento e collegamento. Era propulso da in Continental IO-360 da 210 hp. Esemplari costruiti: 255.
T-41C
variante del T-41B realizzata appositamente per l'Accademia Aeronautica dell'USAF. Montava un Continental IO-360 da 210 hp. Esemplari costruiti: 52.
T-41D
versione per il mercato delle esportazioni del T-41B costruita per il programma di assistenza militare alle nazioni amiche. Equipaggiato con 1 motore a elica Continental IO-360 da 210 hp. Esemplari costruiti: 238.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Militari[modifica | modifica sorgente]

Argentina Argentina
10 T-41D (attualmente in servizio);
Cile Cile
10 T-41D (non più operativi);
Colombia Colombia
30 T-41D (ne rimangono in servizio 10 esemplari);
Corea del Sud Corea del Sud
15 T-41D (ritirati dal servizio);
Rep. Dominicana Rep. Dominicana
10 T-41D (tutti in pensione);
Ecuador Ecuador
12T-41D (ne rimangono operativi 2 esemplari);
El Salvador El Salvador
10 T-41D (ne rimane in servizio 1 solo esemplare);
Filippine Filippine
35 T-41D (nel 1996 ne risultavano in servizio 6 esemplari[2].15 macchine sono state donate dalla Corea del Sud nel 2009; ne rimangono 29 in servizio);
Grecia Grecia
21 T-41D (sono operativi 19 esemplari);
Honduras Honduras
3x T-41B (ritirati dal servizio) e 6x T-41D (ne rimangono in servizio 4 esemplari);
Paraguay Paraguay
5x T-41B (tutti in pensione);
Perù Perù
15 T-41B (tutti ritirati dal servizio);
Stati Uniti Stati Uniti
255 T-41B (tutti in pensione);
211 T-41A e 52 T-41C (tutti ritirati dal servizio);
Thailandia Thailandia
al 1996 risultavano in servizio 6 T-41D.[2]
Turchia Turchia
25x T-41D (tutti in servizio);
25x T-41D (tutti operativi);
Uruguay Uruguay
7x T-41D (ne rimangono operativi 3 esemplari);

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica sorgente]

Un T-41A Mescalero dell'USAF, non più in servizio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) John Pike, T-41 Specifications in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org, 7 luglio 2011. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  2. ^ a b (EN) Douglas Barrie, Jennifer Pite, Air Forces of the World in Flight International, http://www.flightglobal.com/home/default.aspx, 24-30 July 1996, pp. 29-60. URL consultato il 3 marzo 2012.

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]