Emilio Carelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carelli Direttore di SkyTg24

Emilio Carelli (Crema, 21 maggio 1952) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consegue la laurea in Lettere moderne nel 1975 presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e diviene in seguito giornalista professionista dopo aver completato gli studi negli Stati Uniti.

Nel 1980 viene assunto presso la Fininvest come redattore ed inviato giornalistico di Canale5. Nel medesimo periodo è redattore di "Notizienotte" e lavorò nella redazione di "Canale 5 News", che sostituì Notizienotte.

Nel 1986 si trasferisce a Roma come capo della redazione locale Fininvest. Dal 1986 al 1992 è il curatore ed in seguito conduce con Cesara Buonamici la rubrica settimanale di politica "Parlamento in", trasmessa su Canale 5 e Rete 4.

Nel 1989 con Tullio Camiglieri è ideatore e curatore di Ottanta non più Ottanta, programma in dieci puntate su Italia 1[1], dedicato agli avvenimenti e ai personaggi più rilevanti della cultura e della politica degli anni ottanta[2]; il primo appuntamento è del 16 ottobre[2]. Nel 1990 realizza il programma Miti, mode e rock 'n' roll, andato in onda sempre su Italia 1, a partire dal 1º novembre dello stesso anno, in otto puntate ed incentrato sui miti e le mode dei giovani dagli anni cinquanta fino agli ottanta.[3]Nel gennaio 1989 diventa Vicedirettore della testata Videonews.

Nel 1991 diventa vicedirettore della testata giornalistica di Studio Aperto, e nel gennaio dell'anno seguente partecipa alla fondazione del TG5 come vicedirettore e conduttore dell'edizione delle 13. Il 1º novembre 2000 lascia il TG5 per diventare vicedirettore vicario (la direzione sarà di Enrico Mentana) di TGCom, testata Mediaset che si occupa di Internet e Teletext.

Dal 2002 diventa docente di "Teoria e tecniche dell'informazione on line" presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università Cattolica di Milano. Dal 2008 è membro della Fondazione Italia USA.

Dal giugno 2003 al luglio 2011 è direttore responsabile di Sky TG 24.

Dal 2013 Vicepresidente di Confindustria Radio TV. Dal 2014 Presidente della Fondazione Gigi Ghirotti.

Dal 2013 a Febbraio 2017 è stato Direttore del Master in Giornalismo Digitale presso la Pontificia Università Lateranense.

La fondazione di Sky TG 24[modifica | modifica wikitesto]

Dal 16 giugno 2003 viene sostituito da Paolo Liguori alla direzione di TGCom e diviene direttore responsabile del neonato Sky TG 24, canale satellitare di Sky Italia dedicato all'informazione, nell'ambito del quale conduce anche diversi spazi di approfondimento tra cui "America 2008" dedicato alle elezioni americane.

Sotto la sua direzione la squadra Sky TG 24 combatte diverse battaglie e tra queste quella contro l'aumento dell'Iva per gli abbonati delle Pay Tv, e quella sul Ddl intercettazioni. L'apprezzabile lavoro di Emilio Carelli contribuisce a fare di Sky TG 24 "il più indipendente, completo, tempestivo e autorevole mezzo di informazione televisiva in Italia"[4]. Lascia la direzione della testata il 4 luglio 2011 a Sarah Varetto[5], e prepara un programma suo di politica per Sky TG 24 e in replica su Cielo, Rapporto Carelli in onda dal 30 novembre 2011 ogni martedì e mercoledì alle 20:35.[6] Dal gennaio 2014 cura il programma "L'Incontro" , un'intervista settimanale con un protagonista dell'attualità, in onda il sabato alle 21,35 e la domenica alle 16,35 su Sky TG 24.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha una relazione con la collega Silvia Mazzucco e 2 figli gemelli. Nel 2009 è oggetto di gossip per alcune fotografie compromettenti scattate all'uscita di alcuni locali pubblici. Nel Febbraio 2010, l'ex direttore di SKYTg24, ammette di aver pagato per riavere le foto che erano state recapitate ad alcune testate giornalistiche e per evitarne la diffusione.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dati ricavati dalla scheda di Emilio Carelli sul sito Confindustria Radio Tv [1].
  2. ^ a b articolo 80 Non più 80. La Storia in videoclip, edizione del 15/10/1989 de la Repubblica, vd. sito la Repubblica.it, sezione Archivio [2].
  3. ^ sito "Archivio de La Repubblica" (IT) [3].
  4. ^ Carelli lascia la direzione di Sky Tg24. Al suo posto Sarah Varetto, per lei apprezzamenti bipartisan
  5. ^ Carelli lascia la direzione di Sky Tg24. Al suo posto Sarah Varetto, per lei apprezzamenti bipartisan
  6. ^ Rapporto Carelli su Sky TG24
  7. ^ Carelli vittima dei foto-ricatti «Ho pagato, non lo rifarei»

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del TGcom Successore
Enrico Mentana 2002 - 2003 Paolo Liguori
Predecessore Direttore di Sky TG24 Successore
nessuno 31 agosto 2003 - 3 luglio 2011 Sarah Varetto