Ellen Ripley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ten. Ellen Ripley
Ellen Ripley.jpg
Sigourney Weaver
Universo Alien
Autore Dan O'Bannon e Ronald Shusett
1ª app. in Alien (1979)
Ultima app. in Alien - La clonazione (1997)
Interpretato da
Voce italiana Ada Maria Serra Zanetti
Specie umana
Sesso femminile
Data di nascita 7 gennaio 2092
Professione ufficiale di bordo
Parenti Amanda Ripley MacLaren (figlia)
« Rapporto finale del veicolo spaziale Nostromo, da parte del terzo ufficiale. Gli altri componenti dell'equipaggio Kane, Lambert, Parker, Brett, Ash e il comandante Dallas sono morti. Carico e nave sono distrutti. Dovrei giungere alla frontiera tra sei settimane. Se sono fortunata la sorveglianza mi porterà in salvo. Parla Ripley, unica superstite del Nostromo. Passo e chiudo. »
(Explicit di Alien)

Il Ten. Ellen Ripley è un personaggio immaginario del film di fantascienza Alien (1979), diretto da Ridley Scott, protagonista di altri tre film, dei relativi romanzi, fumetti e videogiochi tratti da essi. Il personaggio è stato ideato da Dan O'Bannon e Ronald Shusett, e interpretato sul grande schermo da Sigourney Weaver. La rappresentazione di Ripley rimane il ruolo più famoso di Weaver, e la decisione di trasformarla da un tipico eroe maschile ad una eroina fu fatta da Ridley Scott stesso.[1]

Sia Alien che Aliens - Scontro finale furono lodati per aver sfidato i ruoli di genere nel cinema fantascientifico, d'azione ed horror, e la rappresentazione di Weaver nel secondo film la guadagnò una nominazione per l'Oscar alla miglior attrice,[2] un evento che oggi è considerato storico, siccome prima l'Academy aveva conferito poca attenzione ai generi horror e fantascientifici. Weaver è stata anche nominata per un Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico, un BAFTA e quattro Saturn Award per la miglior attrice, vincendone uno per il suo ruolo in Aliens - Scontro finale.[3]

Ripley viene spesso considerata fra i protagonisti femminili cinematografici più importanti, ed è una figura notevole nella cultura popolare statunitense. Il critico cinematografico e presidente della Science Fiction and Fantasy Writers of America John Scalzi scrisse nel 2011:[4]

Lei non è un braccio destro, una compagna dell'eroe, ne una fanciulla da salvare. In Alien, Ripley era un membro dell'equipaggio perfettamente competente - certamente non sempre apprezzata, e a volte persino trattata senza il dovuto rispetto, ma mantenendo la sua professionalità. Più i film progrediscono, più lei si mette in prima fila ad affrontare le sfide - è lei l'eroe dell'occasione. In parole povere, Ripley non è una semplice versione fantastica d'una donna. La fantascienza è piena di donne cazzute che fanno cose impossibili con le armi bianche e da fuoco mentre balzano come degli acrobati in una lavatrice. Per quanto sia divertente mirare un tale spettacolo, è pur sempre condiscendente, siccome sono rappresentate come delle robot idealizzate invece che veri esseri umani. Ripley al contrario è cocciuta, aggressiva, maleducata, ferita, sofferente del disturbo post-traumatico da stress, priva di trucco, esausta, furba, materna, arrabbiata, empatica, e determinata a salvare gli altri, anche se ciò significa sacrificarsi. Tutto questo senza essere una robot assassina.

Attualmente l'influenza di Ripley, oltre al cinema, si estende a libri, fumetti e videogames.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi abbozzi di Alien, Ripley fu concepita come un personaggio maschile. Fu solo quando lo sceneggiatore Dan O'Bannon notò che i generi dei personaggi erano intercambiabili che fu deciso di realizzarla come una donna.[5] Il regista Ridley Scott infatti insistette su un personaggio femminile, per meglio giustapporla allo Xenomorfo e di rendere la sua sopravvivenza alla conclusione del film più sorprendente. Inizialmente, a Sigourney Weaver fu dato il ruolo del personaggio Lambert, ma fu reassegnata al ruolo di Ripley da Scott.[6]

Nel primo abbozzo di Alien³, Ripley fu relegata come un personaggio secondario, con il personaggio di Michael Biehn innalzato come protagonista in ciò che fu proggettato come un film d'azione. In un altro abbozzo scritto dallo sceneggiatore Eric Red, Ripley sarebbe deceduta all'inizio del film.[7] Il presidente di 20th Century Fox, Joe Roth, rifiutò qualsiasi trama in cui il personaggio sarebbe stata scartata, siccome lo considerava "il pezzo forte della serie".[8]

Sebbene Weaver era stata favorevole alla morte del suo personaggio in Alien³ per fare tacere le voci che sarebbe apparsa in un lungometraggio di Alien vs. Predator, accettò il ruolo del clone Ripley 8 in Alien - La clonazione perché era stata affascinata dal concetto d'un ibrido alieno-umano incerta a quale delle due parti della sua genealogia essere fedele.[9]

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Alien - (1979)[modifica | modifica wikitesto]

Durante il ritorno sulla Terra del cargo Nostromo, un messaggio alieno fa cambiare rotta a quest'ultimo, indirizzandolo verso LV-426, pianeta all'epoca sconosciuto. Decisi a non ignorare il messaggio, i membri dell'equipaggio decidono di atterrare, venendo così contaminati da una forma di vita sconosciuta. Questa ucciderà in breve tempo tutti gli astronauti: solo Ripley sopravviverà.

Aliens - Scontro finale - (1986)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver fatto esplodere la Nostromo, la donna si dirige verso la Terra dentro la scialuppa di salvataggio. Dopo aver vagato per 57 anni, finalmente raggiungerà il pianeta madre. Qui però si troverà nell'occhio di un ciclone. Nel frattempo la Weyland-Yutani ha colonizzato il pianeta LV-426; Carter J. Burke, funzionario senza scrupoli della compagnia, saputo da Ripley che sull'LV-426 esiste una nave spaziale aliena contenente una potenziale "arma biologica", invia due scienziati (che poi si riveleranno essere i genitori di Newt), per recuperarla. Lo scienziato entrato nell'astronave viene attaccato dal facehugger ed in seguito tutta la colonia sarà contaminata dagli alieni. Ripley si vedrà di nuovo costretta a partecipare ad un'operazione, affiancata dai Colonial Marines, a distanza ravvicinata con gli alieni. Di nuovo questi ultimi faranno una carneficina: Ripley riuscirà però a salvare Newt, una bambina i cui genitori sono morti nelle colonie del pianeta, e il caporale Hicks, unico sopravvissuto dei Colonial Marines inviati su LV-426.

Alien³ - (1992)[modifica | modifica wikitesto]

La scialuppa di salvataggio dove viaggiano Ripley, Newt ed Hicks naufraga su un pianeta-prigione. Nell'atterraggio muoiono sia la bambina che il caporale. I prigionieri salvano Ripley, ma ben presto scoprono che con lei è arrivato un alieno e che un altro sta crescendo nella donna; e non uno qualunque, ma una regina che, se nascesse, potrebbe deporre nuove uova per ripopolare la specie. Consapevole di questo, Ripley, dopo aver partecipato alla battaglia per uccidere l'alieno adulto, decide di uccidersi, gettandosi nel metallo fuso, per far sì che muoia anche l'alieno che porta in sé.

Alien - La clonazione - (1997)[modifica | modifica wikitesto]

Due secoli dopo, però, viene clonata in un'astronave, nell'ambito di un progetto di ricerca altamente illegale. Le viene prelevato il feto alieno, ed un gruppo di scienziati di dubbia moralità cerca di addestrare un esercito di alieni. Questi ultimi prenderanno ben presto il sopravvento, e sarà proprio con l'aiuto di Ripley (8) (ottavo clone della Ripley originale, metà donna metà Regina aliena) che si riuscirà a fermare un'ondata di mostri diretta verso la Terra.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Giochi da tavolo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 - Aliens: This Time It's War

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Ellen Ripley viene spessa inclusa nelle liste dei miglior personaggi cinematografici della storia: nel 2008, l'American Film Institute l'assegno l'ottavo posto nella sua lista dei miglior eroi del cinema statunitense.[10] Nel 2009, Entertainment Weekly lo mise in quinto posto nella sua lista dei 20 eroi della cultura popolare meglio riusciti, notando come fosse uno delle prime eroine cinematografiche non definita dai maschi intorno a lei, ma dalla sua relazione con loro.[11] Sempre nel 2009, Empire lo mise in nono posto sulla sua compilazione dei 100 miglior personaggi cinematografici.[12]

La rivista Premiere la mise in ottavo posto sulla sua lista dei 100 miglior personaggi cinematografici della storia, col suo momento definitivo essendo quando rifiuta di dare accesso al personaggio Kane quando egli e infettato con un embrione di Xenomorfo.[13] Fu assegnata il cinquantasettesimo posto sull'elenco di Fandomia dei 100 miglior personaggi della finzione.[14] Nel 2009, MTV la seleziono come il secondo personaggio piu forte della storia cinematografica.[15] Nel 2011, la UGO Networks la dichiaro la settantacinquesima donna piu bella del cinema fantascientifico.[16] Il sito Total Sci-Fi lo mise in primo posto sulla sua lista delle 25 miglior donne della fantascienza.

Nel 2011, Total Film la nominò il miglior personaggio femminile della storia del cinema.[17]

Premi ed impatto per Sigourney Weaver[modifica | modifica wikitesto]

Per la sua rappresentazione in Alien, la Weaver fu nominata per un BAFTA ed un Saturn Award per la miglior attrice.[3]

Sebbene la sua rappresentazione di Ripley fu gia lodata nel primo film, fu Aliens - Scontro finale a conferirla recognizione internazionale: fu la seconda attrice della storia ad essere nominata per un Oscar alla miglior attrice.[2] Ricevette inoltre una nominazione per un Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico, vincendo un Saturn Award per migliore attrice, il primo premio della sua carriera.[3]

Weaver era stata inoltre la co-produttrice del terzo e quarto film della serie. Sebbene ebbero meno successo dei film precedenti, le rappresentazioni di Weaver furono in ogni caso lodate. Ricevette la sua terza e quarta nominazione per il Saturn Award per migliore attrice per en trambi i film, e una nominazione per un Blockbuster Entertainment Award per attrice preferita della fantascienza per Alien - La clonazione.[3]

La Weaver vinse un premio DVDX per la sua participazione nel commentario audio di Alien nel box-set Alien Quadrilogy.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Great Female Roles That Were Originally Written for Men, Vanity Fair, December 17, 2016.
  2. ^ a b Aliens Award Wins and Nominations, IMDb.com. URL consultato il 21 maggio 2010.
  3. ^ a b c d e Awards for Sigourney Weaver, The Internet Movie Database.
  4. ^ She's not a sidekick, arm candy, or a damsel to be rescued. Starting with Alien, Ripley was a fully competent member of a crew or ensemble — not always liked and sometimes disrespected, but doing her job all the same. As each film progresses, she comes to the fore and faces challenges head-on — she's the hero of the piece, in other words [...] Ripley isn't a fantasy version of a woman. Science fiction film is filled with hot kickass women doing impossible things with guns and melee weapons while they spin about like a gymnast in a dryer. As fun as that is to watch, at the end of the day it's still giving women short shrift, since what they are then are idealized killer fembots rather than actual human beings. Ripley, on the other hand, is pushy, aggressive, rude, injured, suffering from post-traumatic syndrome, not wearing makeup, tired, smart, maternal, angry, empathetic, and determined to save others, even at great cost to herself. All without being a spinny killbot.
    Ellen Ripley Is Clearly the Best Female Character in Scifi Film, and That's a Problem, Scifi.
  5. ^ Susana Polo, 10 Characters Whose Genders Were Swapped in Production, in The Mary Sue, March 22, 2011. URL consultato il March 31, 2017.
  6. ^ Ian Nathan, Part One: Sigourney Weaver On The Alien Saga & Ellen Ripley, Empire. (archiviato dall'url originale il July 26, 2014).
  7. ^ Bald Ambition, in Cinescape, November 1997. URL consultato il September 4, 2008.
  8. ^ Dan Jolin, Backstory Alien III – Alien: Reinvented, December 2008, pp. 150–156.
  9. ^ Filmato audio Alien Resurrection, Quadrilogy edition, Fox Home Entertainment, , 2003.
  10. ^ "AFI'S 100 Greatest Heroes and Villains", AFI (2003)
  11. ^ 20 All-Time Coolest Heroes in Pop Culture, Entertainment Weekly (26 marzo 2009)
  12. ^ The 100 Greatest Movie Characters, Empire (29 giugno 2015)
  13. ^ 100 Greatest Movie Characters of All Time, Premiere. URL consultato il November 9, 2015.
  14. ^ 100 Greatest Fictional Characters #60-56, Fandomia (1 ottobre 2009)
  15. ^ Our Greatest Movie Badass of all time is ..., MTV (2 giugno 2009)
  16. ^ Hottest Sci-Fi Girls, UGO Networks.
  17. ^ The 100 Greatest Female Characters, TotalFilm.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]