Dirigente di comunità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Un Dirigente di comunità può prestare la sua opera nei vari tipi di comunità – asili nido, case per gestanti, soggiorni estivi, istituzioni permanenti e specializzate, convitti, pensionati, case di riposo, refettori scolastici, mense aziendali etc. – cioè in tutte quelle numerose istituzioni a carattere formativo, educativo, medico sociale, assistenziale che, specie nel campo pediatrico, della riabilitazione, della geriatria, vanno sempre più aumentando in uno Stato moderno che vuole risolvere i delicati problemi dell’assistenza sociale»

(Profilo professionale del Dirigente di comunità)
Jan de Bray, I reggenti dell'Orfanotrofio per bambini, Haarlem, 1663

Il Dirigente di comunità è un professionista polivalente[1] che, in seguito a una specifica formazione a carattere teorico e tecnico-pratico concernente la direzione e la vita delle comunità,[2] opera in qualità di dirigente o tecnico dei servizi assistenziali socio-sanitari e educativi collettivi[3] realizzando attività professionali di natura direttiva, assistenziale, educativa e relazionale.[4]

In particolare, nell'ambito dei titoli professionali italiani, con l'appellativo di dirigente di comunità (talvolta nelle istituzioni pubbliche con la specificazione di "educative"[5] o "infantili",[6][7] a seconda del contesto operativo) si suole riferirsi specificamente alla persona in possesso del diploma di specializzazione avente valore legale[8] di "abilitazione all'esercizio dell'attività professionale",[9] conclusivo del corso di studio, a scarsa e disomogenea diffusione sul territorio nazionale,[10] vigente in Italia dal 1964 fino agli anni 2014/2015.[11]

Tale specializzazione ha contribuito, in Italia e nella Svizzera italiana,[12] alla preparazione professionale di personale dirigente, educativo e assistenziale destinato ad operare nei servizi alla persona e alle comunità.[13]

Profilo professionale[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione funzionale[modifica | modifica wikitesto]

ll profilo professionale del dirigente di comunità è istituito in Italia, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica del 25 marzo 1963, numero 1500,[14] con il Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del 14 gennaio 1967 che stabilisce quanto segue:

«Un dirigente può prestare la sua opera nei vari tipi di comunità – asili nido, case per gestanti, soggiorni estivi, istituzioni permanenti e specializzate, convitti, pensionati, case di riposo, refettori scolastici, mense aziendali etc. – cioè in tutte quelle numerose istituzioni a carattere formativo, educativo, medico sociale, assistenziale che, specie nel campo pediatrico, della riabilitazione, della geriatria, vanno sempre più aumentando in uno Stato moderno che vuole risolvere i delicati problemi dell’assistenza sociale.

Per comunità si intende un gruppo di persone (bambini, ragazzi, adolescenti, giovani, adulti e anziani), provenienti da varie condizioni sociali e familiari, che si prefigge di giovare alla salute fisica, mentale, sociale e morale dei suoi componenti. Essa opera, attraverso la partecipazione di ognuno al processo di questa esperienza, un arricchimento della persona medesima che, così cresciuta, apprende a rendersi conto dei valori fondamentali della vita sua e degli altri e a essi indirizzare la propria attività.

Il dirigente di comunità deve saper dirigere, cioè orientare, organizzare, coordinare e controllare, ed essere quindi dotato di particolari attitudini e precisamente:

  • di qualità fisiche (salute, forza, resistenza);
  • di qualità intellettuali (capacità di intuire, comprendere ed apprendere, giudicare rettamente);
  • di qualità morali (energia, fermezza, onestà, comprensione, spirito di sopportazione, cortesia, iniziativa, imparzialità, sensibilità, coraggio di fronte alle responsabilità)».[13]

Contesto operativo[modifica | modifica wikitesto]

Frans Hals, Le reggenti dell'ospizio dei vecchi, Haarlem, 1664
Frans Hals, I reggenti dell'ospizio dei vecchi, Haarlem, 1664

Il dirigente di comunità svolge l'attività professionale in qualità di dirigente o tecnico di aziende pubbliche o private che organizzano, gestiscono e erogano servizi residenziali e non residenziali,[2][15] organizzati in Italia ai sensi della Legge quadro dell'8 novembre 2000, numero 328,[16] riguardanti minori, madri vulnerabili, anziani, detenuti, profughi e migranti, disabili, nomadi, famiglie, senzatetto, vittime di calamità:

  • servizi sociali e socio-sanitari residenziali che includono vitto, alloggio e assistenza nella vita quotidiana (centri di accoglienza per minori; ricoveri temporanei per senzatetto, vittime di calamità e profughi e immigrati; istituti di assistenza a favore di madri vulnerabili e dei loro figli; orfanotrofi[17] o comunità familiari, case albergo, case di riposo, case protette, comunità alloggio per anziani e disabili; centri di reinserimento sociale per persone con problemi personali o sociali);
  • servizi sociali e socio-sanitari di consulenza, assistenza, tutela e orientamento erogati presso organizzazioni pubbliche e private, gruppi di auto-aiuto, consultori e segretariati o centri diversamente denominati nonché presso il domicilio (visite e supporto nella vita quotidiana);
  • servizi educativi per l'infanzia nei nidi e nelle comunità infantili e per la prima e la seconda adolescenza nelle strutture prescolastiche, scolastiche ed extrascolastiche;
  • servizi formativi, educativi e informativi di sostegno alla genitorialità (alla paternità e, con particolare riguardo, alla maternità), fra questi, in particolare, i consultori familiari;
  • servizi di istruzione e formazione professionale;
  • servizi animativo-ricreativi e culturali (centri di aggregazione giovanile, ludoteche, musei, biblioteche, mediateche, ecc.).

Il professionista svolge la sua attività in collaborazione con altri operatori professionali preposti all'assistenza sanitaria, psicologica e sociale e all'educazione, secondo il criterio del lavoro multi-professionale.

Attività professionali[modifica | modifica wikitesto]

Il dirigente di comunità, tenendo conto della classificazione italiana delle professioni,[18] che si raccorda alla International Standard Classification of Occupations (la classificazione internazionale delle professioni dell'ILO), afferisce alla classe delle professioni dirigenziali[19] e delle professioni tecniche[20] dei servizi collettivi e alle persone; questi, a seconda del contesto operativo, esercita le attività professionali che seguono:

  • Dirigente, coordinatore o responsabile di aziende per servizi alla persona e alle collettività;[21][22][23][24]
  • Educatore d'infanzia di asilo nido[25][26] e degli altri servizi per l'infanzia[27] o Puericultore;[28][29]
  • Tecnico del reinserimento e dell’integrazione sociale[30] / Facilitatore sociale[31];
  • Educatore sociale, di comunità, socio-assistenziale[6] o diversamente denominato;[32][33]
  • Assistente d'infanzia e di comunità infantili;
  • Animatore per l'infanzia e per la prima e seconda adolescenza / Animatore sociale / Animatore socio-educativo;[34]
  • Tecnico di atelier creativo / Atelierista,[26] Tecnico di attività ricreative, ludiche e del tempo libero / ludotecario;[7]
  • Esperto di assistenza agli anziani e ai disabili;
  • Docente tecnico-pratico, formatore o maestro di economia domestica[35] e dei servizi socio-sanitari[36] ed altresì di tecnologie tessili e dell’abbigliamento.[37][38]
  • Tecnico di laboratorio didattico dell'area professionale: assistenza all'infanzia (puericultura), assistenza socio-sanitaria, economia domestica (alimentazione e ospitalità);[39]
  • Consulente in economia domestica familiare e puericultura;
  • Perito di economia domestica collettiva (servizi di alimentazione e ospitalità);
  • Operatore professionale per il commercio, la preparazione e la somministrazione degli alimenti;[40][41]
  • Assistente di pre-scuola e/o doposcuola;
  • Operatore addetto alla sorveglianza di bambini in comunità (vigilante/vigilatrice) e famiglie (bambinaia/bambinaio).

L'attività professionale in qualità di personale educativo o direttivo degli asili nido[26] e degli altri servizi per l'infanzia costituisce, statisticamente, la principale occupazione assunta dai dirigenti di comunità,[5][42] di fatto questi tecnici esperti nei servizi di assistenza igienico-sanitaria e psico-pedagogica del bambino[25] hanno rappresentato, sin dall'istituzione del profilo professionale, gli unici professionisti specificamente abilitati ad operare con funzioni direttive e educative nelle istituzioni educativo-assistenziali per l’infanzia[43] (seppure nei servizi per l'infanzia operino, allo stato attuale, anche elementi provvisti di vari titoli di studio[44] a carattere tecnico-professionale o universitario, il dirigente di comunità risulta fra i maggiormente richiesti[5][45] dalle aziende per i servizi all'infanzia).

Il Diploma di specializzazione di Dirigente di comunità è corrispondente,[8] cioè dotato di equipollenza o eguale efficacia e valore legale per effetto di norme regionali, nazionali e internazionali, ai titoli tecnico-professionali analoghi afferenti all'ambito disciplinare dei servizi socio-sanitari-assistenziali ed educativi, fra i quali il puericultore,[28] l'Operatore socio-sanitario,[46] il Tecnico dei servizi socio-sanitari,[47] l'Assistente d'infanzia e l'Assistente di comunità infantile,[47] l'Alimentarista/Tecnico delle preparazioni alimentari,[41][48] l'Operatore socio-assistenziale per l'infanzia[49][50] (in Svizzera: maturità professionale sanitaria e sociale con attestato federale di capacità professionale socio-assistenziale per l'infanzia); inoltre, per i peculiari contenuti di studio in materia igienico-sanitaria e psico-pedagogica, è stata rilevata la sostanziale sovrapponibilità, in ambito italiano ed europeo, alla formazione della vigilatrice d'infanzia, titolo professionale italiano ante riforma delle professioni sanitarie degli operatori sanitari addetti all'assistenza infermieristica pediatrica.[43]

Formazione professionale[modifica | modifica wikitesto]

Settore economico[modifica | modifica wikitesto]

La legge italiana dell'8 luglio 1956, numero 782[51] nel riformare le scuole di magistero professionale, trasformandole in istituti tecnici per attività sociali[52] a ordinamento generale e specializzato, istituisce una scuola unica nel suo genere in Italia, sulla scorta dell'esperienza dei paesi germanici e scandinavi,[53] diretta specificamente alla preparazione teorica e pratica necessaria per:

In questo contesto è utile chiarire la complessa trasversalità del settore economico di riferimento del dirigente di comunità, quello della "economia domestica collettiva", anche detta "economia di comunità", "ecotrofologia",[57] con riferimento soprattutto all'ambito professionale dell'alimentazione e dell'ospitalità (imprese ricettive a carattere assistenziale ed educativo) o "Organizzazione e gestione dei servizi collettivi" (nei piani di studio di sperimentazione formativa[58]).

«L’Economia domestica è una disciplina di studio e una professione afferente alle scienze per la vita con l’obiettivo di raggiungere il benessere della persona, della famiglia e delle comunità, applicando conoscenze in materia di alimentazione, igiene, cura [e tecnologie]. Per Economia domestica s’intende anche l’unica persona, la famiglia o la collettività di persone stabilita in una casa o in un altro edificio (ospedale, casa di cura, scuola, asilo nido, caserma, fabbrica, colonia, comunità a carattere assistenziale o educativo ecc.), che per la qualità della vita della persona deve assicurare:

  • un'alimentazione sufficiente, sana e varia, caratterizzando, nelle collettività, il pasto come rilevante dimensione relazionale della vita quotidiana;
  • la vestizione, tramite un guardaroba e una lavanderia idonei a mantenere la dignità personale;
  • degli ambienti sicuri, puliti, accoglienti e arredati in maniera funzionale rispetto alle esigenze individuali e collettive;
  • la presa in cura di sé e degli altri nelle collettività, in termini di protezione del benessere psicologico, fisico e sociale, soprattutto nelle vulnerabilità».[59]

Il dirigente di comunità si occupa dell'organizzazione e della gestione di determinati settori di economia domestica collettiva, dalla cucina all'igiene dei tessili e degli ambienti di vita, dai servizi di accoglienza e ospitalità alle attività educative-assistenziali e per il tempo libero,[60] o dell'intera economia domestica di aziende, ospedali, ricoveri, collegi, alberghi e scuole.

Corso di studio[modifica | modifica wikitesto]

Il corso di studio per la specializzazione di dirigente di comunità è stato afferente alla formazione tecnico-professionale degli istituti di formazione di ordinamento italiano per attività sociali e, laddove questi erano assenti, per i servizi socio-sanitari, i servizi ristorativi e alberghieri, il commercio e magistrale.[61]

Nella formulazione del programma formativo si sono tenute presenti le particolari finalità del corso di studio, mirato alla preparazione professionale di personale destinato a operare in un delicato settore economico, le cui esigenze sono specifiche e ben identificate, e in cui avevano operato, prima dell'istituzione della specializzazione, soggetti provvisti di vari titoli di studio.[13]

Al riguardo, il decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del 14 gennaio 1967, istitutivo del profilo professionale, dichiara che poiché una comunità mira alla salute fisica, mentale, sociale e morale dei suoi componenti, ognuno dei quali è una unità biopsichica, ne consegue che la specializzazione è basata su due gruppi di insegnamenti fondamentali: a) psicologia, pedagogia e sociologia, b) igiene-sanità e puericultura, affiancati dalle discipline che interessano più da vicino la specializzazione, quali: c) diritto, d) economia domestica collettiva (scienza dell'alimentazione e dell'ospitalità), e) tecnica organizzativa dei servizi socio-sanitari e educativi, f) canto, g) disegno, h) lavori di comunità/attività occupazionali per il tempo libero.

Il tirocinio e le esercitazioni pratiche completano gli insegnamenti teorici, costituendo inscindibile parte integrante degli insegnamenti specializzanti di psicologia, pedagogia, igiene-sanità, puericultura, economia domestica collettiva e tecnica organizzativa dei servizi socio-sanitari e educativi.

Degno di rilievo è il programma d'insegnamento di economia domestica che, proponendosi lo scopo di «presentare agli studenti i problemi relativi all'organizzazione della vita familiare e comunitaria, nei suoi aspetti, igienici, sociali ed economici»,[13] è alla base della specializzazione, connettendosi in modo particolare ai programmi d'insegnamento di merceologia; igiene e puericultura; chimica; psicologia e pedagogia; legislazione dei servizi sociali e sanitari, economia e sociologia; contabilità e statistica; scienze naturali; fisica e disegno.

A seguito dell’introduzione dell’autonomia scolastica[62] in Italia, a partire dagli anni 1997/1998, nasce il “progetto autonomia”,[63] per rispondere alle domande di professionalità che pervenivano alla scuola dal mondo del lavoro in seguito all'evoluzione dei servizi e delle professioni.[64] Il corso di studi per dirigente di comunità si riforma, nell'ambito di questo progetto di sperimentazione didattica che si concluderà alla fine del 2014, afferendo al nuovo indirizzo formativo denominato "salute", con insegnamenti quali: legislazione sanitaria, igiene e educazione sanitaria, anatomia, fisiologia e patologia, cui si aggiungono gli insegnamenti specializzanti legati a due articolazioni tecnico-professionali:[58]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISFOL (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale), Area occupazionale SERVIZI SOCIO-SANITARI, in Manuale per gli operatori, Roma, p. 49.
  2. ^ a b Minnie Luongo, Come entrare nel mondo dell'assistenza, Milano, FrancoAngeli, 1997.
  3. ^ Ministero del Lavoro, ISFOL (istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori), Le comunità professionali del sociale, Rapporto finale di ricerca realizzata nell’ambito del progetto operativo “Azioni di sistema per favorire l’integrazione tra le politiche sociali e le politiche del lavoro nell’ambito della riforma dell’assistenza” (Asse B, Misura 1, Az. 1, Ob. 3 2000-2006), Roma, 2006.
    «Il Dirigente di Comunità è un operatore in grado di inserirsi nei servizi sociali a dimensione comunitaria, collaborando con il personale specializzato (medici, terapisti, Assistenti Sociali, psicologi) negli ambiti di intervento socio-sanitario, assistenziale, educativo, animativo. In tali ambiti [...] è capace di aggregare e condurre gruppi di lavoro e di organizzare il contesto dell’utente, anche nella gestione dei servizi».
  4. ^ AA. VV., La legislazione italiana, A. Giuffrè, 1964.
  5. ^ a b c ISFOL (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale), Figure professionali per il sociale: quadro di riferimento nazionale, in Studio delle competenze professionali del sociale, Roma, 2004.
  6. ^ a b Associazione nazionale Educatori professionali, L'educatore professionale, Maggioli Editore, 2015.
  7. ^ a b Legge Regionale del Lazio dell'11 luglio 2002, numero 18: Tutela del gioco infantile e disciplina delle ludoteche, su gazzettaufficiale.it, Bollettino ufficiale della Regione Lazio numero 21 del 30 luglio 2002. URL consultato il 27 settembre 2016 (permalink).
    «Il personale che opera nella ludoteca deve essere costituito da operatori in possesso del diploma di scuola media superiore di maestra d’asilo, o di maturità magistrale, o di assistente o dirigente di comunità infantili o diplomi equipollenti ovvero di un diploma di scuola media superiore e di un attestato di formazione professionale per attività socio-educative in favore di minori, riconosciuto dallo Stato o dalla Regione».
  8. ^ a b Senato della Repubblica, Servizio studi, Il valore legale del titolo di studio. Contesto europeo ed elementi di legislazione comparata, in Dossier, n. 208, marzo 2011.
  9. ^ Decreto del Presidente della Repubblica del 25 marzo 1963, numero 1500, articolo 4
  10. ^ Circolare del Ministero della pubblica istruzione (Italia) del 24 marzo 1999, numero 79 e successive disposizioni speciali in materia di esami di Stato.
  11. ^ I corsi di studio tacciono definitivamente nel 2014, tuttavia nel 2015, in via eccezionale, si è tenuta una sessione straordinaria d'esame di Stato (Nota MIUR del 25 novembre 2014, n. 7316; Nota MIUR del 5 dicembre 2014, n. 7692).
  12. ^ Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale, Canton Ticino, Svizzera, Scuola media... e poi? (Edizione 2014 – 2015) (PDF)[collegamento interrotto], Pubblicazione istituzionale della Repubblica e Cantone Ticino.
  13. ^ a b c d Decreto del Ministero della pubblica istruzione (Italia) del 14 gennaio 1967.
  14. ^ Decreto del Presidente della Repubblica del 25 marzo 1963, numero 1500: Istituzione di indirizzi specializzati negli istituti tecnici [per attività sociali], pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana numero 301 del 19 novembre 1963. URL consultato il 23 settembre 2016 (permalink).
  15. ^ ISTAT (Istituto nazionale di statistica), a cura di Paola Vicari, Angelina Ferrillo e Alberto Valery, Classificazione delle attività economiche (Ateco 2007), Roma, 2009. URL consultato il 26 settembre 2016.
    «cfr. 87 - Servizi di assistenza sociale residenziale: 87.30.0 - Strutture di assistenza residenziale per anziani e disabili, 87.90.0 - Altre strutture di assistenza sociale residenziale; Servizi di assistenza sociale non residenziale: 88.10.00 - Assistenza sociale non residenziale per anziani e disabili; 88.91.00 - Servizi di asili nido; assistenza diurna per minori disabili; 88.99.0 - Altre attività di assistenza sociale non residenziale nca».
  16. ^ Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario n. 186. URL consultato il 23 settembre 2016 (permalink).
  17. ^ In Italia, la legge 28 marzo 2001, numero 149 stabilì che il ricovero dei minori in orfanotrofi fosse superaro entro il 31 dicembre 2006, mediante l'affidamento a una famiglia e, ove ciò non fosse possibile, mediante inserimento in comunità caratterizzate da organizzazione e da relazioni interpersonali analoghi a quelli di una famiglia (cosiddette comunità familiari).
  18. ^ ISTAT (Istituto nazionale di statistica), a cura di Francesca Gallo e Pietro Scalis, La classificazione delle professioni (CP2011) (PDF), Roma, 2013. URL consultato il 26 settembre 2016.
  19. ^ 1.2.2.9.0 - Direttori di aziende nei settori economici dell'istruzione, della sanità e dell'assistenza sociale, delle attività culturali, ricreative e sportive, su ISTAT - Istituto nazionale di statistica, 9 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  20. ^ 3.4.5.2.0 - Tecnici del reinserimento e dell’integrazione sociale, su ISTAT - Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 9 agosto 2016.
  21. ^ ISTAT (Istituto nazionale di statistica), a cura di Francesca Gallo e Pietro Scalis, La classificazione delle professioni (CP2011), Roma, 2013.
    «Operatori professionali a capo di imprese di cui definiscono, pianificano, implementano, gestiscono le politiche e le strategie e ne valutano i risultati; negoziano con i fornitori e i clienti, programmano e controllano l’uso efficiente delle risorse; reclutano personale e definiscono i processi di innovazione organizzativa e produttiva».
  22. ^ Profilo professionale del Dirigente di comunità, su istruzione.it, 3 febbraio 2015.
    «Profilo professionale del Dirigente di comunità: Deve essere in grado di dirigere, organizzare, coordinare e controllare, asili nido, case per gestanti, soggiorni estivi, case di riposo, convitti, refettori scolastici, ecc.. Pertanto deve avere acquisito nozioni di pedagogia e sociologia nonché conoscenza teorica e pratica delle norme concernenti la direzione e la vita di una comunità educativa ed assistenziale».
  23. ^ Decreto del Ministero della pubblica istruzione (Italia) del 14 gennaio 1967.
    «[Il Dirigente di comunità] dirige, organizza, coordina e controlla asili nido, case per gestanti, convitti, case di riposo, refettori scolastici, mense aziendali e altre istituzioni a carattere assistenziale ed educativo».
  24. ^ Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, sede di Torino, Sezione 2, Sentenza numero 01464/2014, su www.giustizia-amministrativa.it. URL consultato il 20 gennaio 2021.
    «Il diploma di dirigente di comunità [è un] titolo che perseguiva il fine di formare soggetti operanti nelle scienze sociali in grado di dirigere, organizzare, coordinare e controllare strutture sia pubbliche sia private nei settori di intervento sociale, assistenziale, educativo o formativo, fornendo una formazione polivalente di base e specifica nel settore della pedagogia, sociologia e dell’economia aziendale, oltre ad una competenza teorica e pratica delle norme legali correlate alla gestione dirigenziale».
  25. ^ a b Legge 6 dicembre 1971, numero 1044: Piano per l'istituzione di asili-nido comunali con il concorso dello Stato, su edscuola.it, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 15 dicembre 1971, numero 316. URL consultato il 28 settembre 2016.
  26. ^ a b c Regione del Veneto, Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia[collegamento interrotto], 2008.
  27. ^ Provincia di Milano, Direzione centrale per gli affari sociali, Educatore d'infanzia: profili professionali e offerte formative, a cura di Francesca Ceruzzi e Patrizia Di Santo, Milano, Provincia di Milano, 2006.
  28. ^ a b Selezione pubblica per l'assunzione di personale nel profilo professionale di Collaboratore socioeducativo - puericultrice/puericultore (PDF), su cittametropolitana.mi.it. URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
    «Requisiti generali di ammissione [alla Selezione pubblica per l'assunzione di personale nel profilo professionale di Collaboratore socioeducativo - puericultrice/puericultore]. Possesso di uno dei seguenti titoli di studio: [...] diploma di dirigente di comunità [...]. Ai sensi del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198, il posto si intende riferito ad aspiranti dell’uno o dell’altro sesso».
  29. ^ Guida alle figure professionali del settore sociosanitario (PDF), in Progetto EU Equal Sis (Studio e Sperimentazione di Servizi Socio Sanitari Territoriali Integrati).
  30. ^ ISTAT (Istituto nazionale di statistica), a cura di Francesca Gallo e Pietro Scalis, La Classificazione delle professioni (CP2011), Roma, 2013.
    «Operatore professionale che forniscono servizi finalizzati a prevenire e a rimuovere il disagio sociale di adulti in difficoltà di inserimento sociale e lavorativo, a riabilitare adulti e minori in prigione, in libertà vigilata e fuori dal carcere, a recuperare alla vita attiva adulti scoraggiati o ritirati dal lavoro».
  31. ^ Esame di Stato conclusivo del Corso di studi per Dirigente di comunità, su edscuola.it. URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2016).
  32. ^ La qualifica professionale di educatore viene applicata ad una pluralità di tipologie professionali con differenti titoli di studio conseguiti nell'area disciplinare socio-psico-pedagogica, mentre con la l'applellativo di educatore professionale si suole indicare solo l'operatore in possesso del titolo abilitante alla professione sanitaria - Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, Il lavoro nel settore dei servizi sociali e le professioni sociali, a cura di FORMEZ - Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l'ammodernamento delle P. A., Roma, 2009.
  33. ^ Concorso pubblico per Educatore, su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 9 agosto 2016 (Permalink).
  34. ^ Regolamento di attuazione dell'articolo 62 della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale) (PDF), su opac.minori.it. URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2016).
    «L’animatore socio-educativo di cui al comma 2, lettera f), deve possedere uno dei seguenti titoli di studio o qualifiche professionali: [...] b) diploma di dirigente di comunità.».
  35. ^ a b Decreto Ministeriale 30 gennaio 1998, numero 39 (PDF), su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato il 3 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2015).
  36. ^ a b Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2016, numero 19, su normattiva.it, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 43 del 22 febbraio 2016, supplemento ordinario n. 5. URL consultato il 2 agosto 2016 (permalink) (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  37. ^ a b Decreto Ministeriale 30 gennaio 1998, numero 39 (PDF), su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato il 3 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2015).
  38. ^ a b Decreto del Ministero dell'Istruzione Ministero dell'Università e della Ricerca del 9 maggio 2017, n. 259 (PDF), Allegato A - Correzioni e integrazioni alle classi di concorso e abilitazione all'insegnamento.
  39. ^ Personale tecnico della Scuola - Corrispondenza fra titoli di studio, aree professionali e laboratori didattici (PDF), su archivio.pubblica.istruzione.it, 24 settembre 2016. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2015).
  40. ^ Decreto legislativo 25 marzo 2010, numero 59, articolo 71, comma 6, lettera b., su camera.it. URL consultato il 26 settembre 2016.
  41. ^ a b Risoluzione del Ministero dello Sviluppo Economico 8 novembre 2010, n. 159528 (PDF), su sviluppoeconomico.gov.it. URL consultato il 3 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  42. ^ Conferenza unificata tra Governo, Regioni e Autonomie locali, Monitoraggio del Piano di sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, Istituto degli Innocenti, 2009.
  43. ^ a b Atto di iniziativa parlamentare C.1178 del 20 novembre 1972, su legislature.camera.it. URL consultato il 26 settembre 2016.
  44. ^ Titoli di studio per lavorare in asilo nido, su progettoasilonido.org. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  45. ^ Anna Salerni, Alessandro Sanzo, Orientare al tirocinio e alle professioni: L’università incontra le aziende, in Esercitazioni di ricerca in Scienze dell'educazione, Roma, Edizioni Nuova Cultura, 2013, p. 96.
  46. ^ Deliberazione della Regione del Veneto del 09 agosto 2002, numero 2230; Deliberazione della Regione del Veneto del 13 dicembre 2002, numero 3973.
  47. ^ a b In Italia, secondo il principio di corrispondenza dei diplomi di Stato professionali con quelli tecnici di cui alla normativa italiana: legge 27 ottobre 1969, numero 754, articolo 3; decreto legislativo 16 aprile 1994, numero 297, articolo 197, comma 3; decreto del presidente della Repubblica 23 luglio 1998, numero 323, articolo 15, comma 8; legge 10 dicembre 1997, numero 425, articolo 1.
  48. ^ Elena Fiore, Antonella Manzione, I requisiti morali e professionali per l'esercizio delle attività commerciali e di somministrazione, Dogana (Repubblica di San Marino), Maggioli Editore, 2012, p. 239.
  49. ^ Sindacato VPOD, Ticino, Svizzera, I diritti del lavoro (PDF), n. 4, 17 aprile 2009. URL consultato il 7 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2016).
  50. ^ Scuola cantonale degli operatori sociali, Svizzera, su scosmendrisio.ch. URL consultato il 7 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2016).
  51. ^ Legge 8 luglio 1956, n. 782, su normattiva.it, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana numero 192 del 2 agosto 1956. URL consultato il 2 febbraio 2015 (permalink).
  52. ^ Le denominazioni sono modificate ai sensi del principio costituzionale di rispetto della parità di genere richiamato dal Decreto Interministeriale (Pubblica istruzione e Tesoro, Bilancio e Programmazione economica) del 7 ottobre 1998, nunero 383.
  53. ^ Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione per la Formazione professionale agraria, forestale e di economia domestica (22), a cura di V. Messori e E. Gastaldelli, Analisi dei fabbisogni professionali e formativi per l’innovazione dell’offerta scolastica delle scuole di economia domestica dell’alto adige (Rapporto finale), 2005.
  54. ^ Decreto Ministeriale 10 settembre 2010, n. 249, su normattiva.it, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana numero 24 del 31 gennaio 2011, supplemento ordinario n. 23. URL consultato il 3 febbraio 2015 (permalink) (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  55. ^ Programma d'esame dei concorsi abilitanti all'insegnamento tecnico-pratico. (PDF), su edscuola.it. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  56. ^ Programma d'esame dei concorsi abilitanti all'insegnamento tecnico-pratico. (PDF), in edscuola.it, 6 agosto 2020.
  57. ^ Berufskunde.com. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
  58. ^ a b Piano di studio del corso per Dirigenti di comunità, su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  59. ^ Vincenzo Capaldo, Economia domestica: Servizi specializzati di Alimentazione e Ospitalità. Prendersi cura di sé, degli altri e dell'ambiente, Pisa, Università degli Studi di Pisa, 2014.
  60. ^ Organizzazione Svizzera per le professioni dell’Economia domestica, su it.hauswirtschaft.ch. URL consultato il 30 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
  61. ^ Classificazione dei titoli di studio italiani, ISTAT con la collaborazione di MIUR e INVALSI. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  62. ^ Legge 15 marzo 1997 numero 59, articolo 21, su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato il 30 settembre 2016.
  63. ^ Ministero della Pubblica Istruzione, Servizio statistico, I percorsi formativi della scuola secondaria di secondo grado statale tra corsi di ordinamento, sperimentazioni e autonomia, Roma, 2007.
  64. ^ Progetto autonomia, su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).