Colonia estiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine del 1954: colonia marina di Piscinas, costituita negli anni '50 del 1900, per i figli dei lavoratori delle miniere sarde di Ingurtosu.

La colonia estiva è una struttura situata presso località marine o montane destinata al soggiorno di bambini e adolescenti che vi svolgono attività ludiche e ricreative.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia sorge per iniziativa dell'Ospedale di Lucca nel 1822, che organizza a Viareggio una colonia per i bambini di strada. Verso la metà dell'Ottocento gli ospizi marini sono più di cinquanta, localizzati in Toscana, Emilia e Romagna. Oltre alle colonie marine sorgono anche le colonie alpine: la Colonia alpina San Marco di Pedavena, oggi all'interno del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, viene fondata nel 1898. Durante la Prima Guerra mondiale la Croce Rossa aumenta l'interesse per queste iniziative e nel 1928 le colonie vengono affidate all'Opera Nazionale per la Maternità ed Infanzia.

Durante il Fascismo le colonie vengono intensificate e rivolte a bambini e ragazzi allo scopo di sostenere le famiglie meno agiate e offrire un periodo di attività fisica e ludica per le future generazioni. Una delle colonie marine più grandi ed importanti realizzate durante questo periodo fu quella edificata a Gaeta, sulla spiaggia di Serapo, intitolata alla memoria di Alessandro Italico Mussolini, nipote del Duce e dirigente dell'Opera nazionale balilla, deceduto all'età di vent'anni. La colonia fu distrutta durante la Seconda Guerra mondiale dai tedeschi, che temevano lo sbarco alleato sulla spiaggia di Gaeta piuttosto che su quella di Anzio dove in realtà avvenne.

Dopo la Seconda guerra mondiale viene riconosciuto il carattere formativo ed emancipante delle colonie, le quali non saranno più rivolte alle sole fasce svantaggiate. Già a partire dagli Anni 1970, esse passano di competenza alle amministrazioni (Comunali, alle Comunità Montane) e agli Enti pubblici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Grande Dizionario Enciclopedico, UTET, Torino, 1963
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Il Piccolo, Alessandria, 1928
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Il Piccolo, Alessandria, 1929
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Il Piccolo, Alessandria, 1931
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Il Piccolo, Alessandria, 1933
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Alexandria, Alessandria, 1933
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Alexandria, Alessandria, 1936
  • AA.VV., Servizi giornalistici in Alexandria, Alessandria, 1939
  • Tony Frisina, La colonia elioterapica "Sandro Italico Mussolini" di Alessandria, in La Provincia di Alessandria, numero 283/2, pp. 75-80, Ediz. La Provincia di Alessandria, aprile-giugno 1987
  • Alberto Ballerino, Uno sguardo sull'Alessandria di ieri - Le colonie del Duce - Nella nostra città c'erano la "Sandro Italico Mussolini" e, sulle sponde del fiume Tanaro, la "Gymnasium", in "Il Piccolo" p. 3, Alessandria, 12 settembre 1992
  • Alberto Ballerino, L'evoluzione di una struttura - Un secolo di colonie, in "Il Piccolo", Alessandria, 15 maggio 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4134935-0