Direzione generale della Commissione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le direzioni generali, generalmente abbreviate semplicemente in DG, sono i trentatré dicasteri in cui è strutturata la Commissione europea.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni DG, similmente ai ministeri italiani, si occupa di uno specifico settore, ha un suo portafoglio, ed è sottoposta ad un direttore generale il quale, a sua volta, rende conto direttamente al Commissario europeo preposto a tale portafoglio. Il direttore generale è scelto direttamente dal commissario ed opera in totale autonomia nell'ambito dei poteri gestionali, fermo restando al commissario il solo potere politico e l'indirizzo generale. Al loro interno le DG sono articolate in direzioni, unità e settori.

Alle DG è affidata la composizione e la redazione delle proposte legislative, le quali vengono poi sottoposte al giudizio della Commissione nella riunione settimanale e diventano ufficiali qualora vengano adottate.

È possibile che due o più DG vengano affidate a un solo commissario, oppure che un'unica DG venga affidata a due commissari: è stato il caso della DG per la salute e tutela dei consumatori, affidata durante la Commissione Barroso I a due distinti commissari, uno per la salute e l'altro per i consumatori. Tuttavia, recenti riforme della struttura interna della Commissione hanno portato a una sempre maggiore corrispondenza tra commissari e direzioni generali.

La maggior parte degli uffici amministrativi della Commissione ha sede a Bruxelles e a Lussemburgo.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personale della Commissione europea.

DG Politiche e Relazioni esterne[modifica | modifica wikitesto]

Politiche[modifica | modifica wikitesto]

Relazioni esterne[modifica | modifica wikitesto]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

I servizi si occupano di questioni amministrative più generali o questioni tecniche specifiche. Numerosi servizi sono comuni a più istituzioni. Alcuni servizi sono retti da un commissario preposto ad una DG, altri dal Segretariato generale della Commissione. Dal punto di vista formale, anche i servizi sono delle direzioni generali della Commissione.

Servizi generali[modifica | modifica wikitesto]

Servizi interni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ufficio dei consiglieri per le politiche europee
  • Responsabile per la protezione dei dati della Commissione europea
  • Servizio risorse umane e sicurezza
  • Servizio informatica
  • Servizio infrastrutture e logistica - Bruxelles (OIB)
  • Servizio infrastrutture e logistica - Lussemburgo (OIL)
  • Servizio di audit interno
  • Servizio interpretazione
  • Servizio giuridico
  • Ufficio gestione e liquidazione dei diritti individuali (PMO)
  • Direzione generale per la traduzione

Agenzie esecutive[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione europea ha sei agenzie esecutive, che formalmente sono delle direzioni generali ma che hanno carattere temporaneo.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Direzioni generali e servizi della Commissione Europea [1]
  • Curricula vitae dei direttori generali e dei vice-direttori generali della Commissione europea [2]
Unione europea - Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea
1951-52 1957-58 1965-67 1986-87 1992-93 1997-99 2001-03 2007-09
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA)
Comunità europea dell'energia atomica (CEEA o Euratom)
Comunità economica europea (CEE) Comunità europea (CE)
Comunità europee: CECA, CEEA, CEE Giustizia e
affari interni
(GAI)
 
Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (GAI)
Politica estera e di
sicurezza comune
(PESC)
U N I O N E   E U R O P E A   (U E)
Trattato di
Parigi
Trattati di
Roma
Trattato di
fusione
Atto unico
europeo
Trattato di
Maastricht
Trattato di
Amsterdam
Trattato di
Nizza
Trattato di
Lisbona
Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea