Dattilo (isola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dattilo
Dattilo-isola.jpg
Dattilo
Geografia fisica
LocalizzazioneMar Mediterraneo
Coordinate38°38′20″N 15°05′52″E / 38.638889°N 15.097778°E38.638889; 15.097778Coordinate: 38°38′20″N 15°05′52″E / 38.638889°N 15.097778°E38.638889; 15.097778
ArcipelagoIsole Eolie
Superficie0,0287 km²
Altitudine massima103 m s.l.m.
Geografia politica
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaMessina Messina
ComuneLipari-Stemma.png Lipari
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Mappa Eolie.PNG
Mappa di localizzazione: Sicilia
Dattilo
Dattilo
voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Dattilo è un'isola italiana appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia.

L'isoletta, disabitata, è posta circa 1,5 km ad est di Panarea. È caratterizzata da ripidi pendii sul versante orientale e prevalentemente scogliere su quello occidentale. La cima è a 103 metri di altezza.

Caratteristiche geologiche[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Dattilo (a destra) vista dalla vicina Panarea

L'isola, insieme ai numerosi scogli vicini (Lisca Bianca, Bottaro, Lisca Nera e altri), è ciò che resta di antiche bocche vulcaniche appartenenti all'apparato di Panarea, formatesi circa 130.000 anni fa. Molto probabilmente in passato tali scogli erano uniti fra loro a formare un'isola più grande, forse collegata alla stessa Panarea, ma in seguito all'erosione degli agenti atmosferici ed a fenomeni di bradisismo, essa si separò in più terre emerse, processo completatosi circa 10.000 anni fa.[1]

Dattilo è interamente rocciosa, ricca di allume, zolfo e gesso, ed è totalmente inaccessibile, eccezion fatta per una piccola spiaggia di ciottoli sul versante orientale.[2][3]

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Le piante principali presenti sull'isola sono radi cespugli di lentisco (Pistacia lentiscus), enula marina (Limbarda crithmoides) e Suaeda vera. Tra gli animali più comuni si annoverano il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), la lucertola campestre (Podarcis sicula), il geco comune (Tarentola mauritanica) ed il geco verrucoso (Hemidactylus turcicus). Sull'isola nidifica inoltre il gabbiano reale mediterraneo (Larus michahellis).[3][4]

Nel 1991, insieme agli altri isolotti minori di Panarea, Dattilo è stata dichiarata Riserva naturale integrale, con divieto di sbarco se non per scopi scientifici.[5]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Panarea. Sullo sfondo, a sinistra Dattilo, a destra Lisca Bianca

Pur in mancanza di documenti storici, si ritiene che il nome dell'isola derivi dal greco antico dáctylos (δάκτυλος), ossia “dito”, a causa di una roccia slanciata verso il cielo che assume appunto la forma di un dito.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lo Cascio-Navarra 2003, p. 23.
  2. ^ Racheli, ediz. 1986, p. 134.
  3. ^ a b Lo Cascio-Navarra 2003, p. 191.
  4. ^ Lo Cascio-Navarra 2003, pp. 116-134.
  5. ^ Lo Cascio-Navarra 2003, p. 208.
  6. ^ Lineablu, su ehodettotutto.rai.it.[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Dattilo. La roccia a forma di dito è ben visibile sulla sinistra
  • Pietro Lo Cascio, Enrico Navarra, Guida naturalistica alle Isole Eolie, Palermo, L'Epos, 2003, ISBN 978-88-8302-213-5.
  • Gin Racheli, Eolie di vento e di fuoco. Natura, storia, arte, turismo, Mursia, 1999. ISBN 978-88-4252-328-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]