Isola dei Conigli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'isola omonima russa, vedi Isola dei Conigli (Mar del Giappone).
Isola dei Conigli
Rabbit islet (Isola dei Conigli) - Lampedusa - 3.jpg
L'isola dei Conigli presso Lampedusa
Geografia fisica
LocalizzazioneCanale di Sicilia
Coordinate35°30′36.09″N 12°33′30.27″E / 35.510024°N 12.558407°E35.510024; 12.558407Coordinate: 35°30′36.09″N 12°33′30.27″E / 35.510024°N 12.558407°E35.510024; 12.558407
Arcipelagoisole Pelagie
Superficie0,044 km²
Altitudine massima26 m s.l.m.
Geografia politica
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaAgrigento Agrigento
ComuneLampedusa e Linosa Lampedusa e Linosa
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Pelagie Islands map it.PNG
Mappa di localizzazione: Sicilia
Isola dei Conigli
Isola dei Conigli
voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

L'isola dei Conigli è un'isola italiana appartenente all'arcipelago delle isole Pelagie, in Sicilia.

L'isolotto, di appena 4,4 ettari, si trova all'interno di una baia eletta dagli utenti di TripAdvisor, nell'ambito dei Premi Travellers' Choice, la spiaggia più bella al mondo nel 2013, d'Europa e d'Italia nel 2014 e 2015.[1]

L'isolotto dista molto poco dalla costa, tant'è che di rado è stata anche unita ad essa attraverso un estemporaneo istmo sabbioso della lunghezza di 30 metri[2]. Si tratta di un evento raro (l'ultima volta nel 2008)[1], dovuto all'incedere del moto ondoso e alla bassa marea, ma di norma è comunque possibile sostare in quella zona della baia senza mai immergersi del tutto in acqua, dato che la profondità varia dai 30 ai 150 cm.

Nesonimo[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima carta nautica rinvenuta, datata 1824 e redatta dal capitano Smith, l'area è denominata "Rabit Island", in riferimento all'istmo che collega l'isolotto alla costa: rabit in arabo vuol dire infatti collegamento, che collega. Oppure, molto verosimilmente a causa di un errore tipografico, la parola rabbit (coniglio) è stata stampata con una sola b. Con buone probabilità nelle cartografie successive questo toponimo è stato riportato in maniera impropria e quindi tradotto dall'inglese (rabbit = coniglio) anziché dall'arabo.

Secondo altri invece il nome deriverebbe da una colonia di conigli installatasi nell'isola in occasione di una delle ricorrenti formazioni dell'istmo sabbioso. La colonia si sarebbe poi estinta con la scomparsa del collegamento terrestre.[1]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'isolotto visto dalla costa di Lampedusa

Tutta la baia dell'Isola dei Conigli è parte della Riserva naturale orientata Isola di Lampedusa ed è quindi fortemente protetta. È possibile accedervi solo nelle ore diurne, dalle 08:30 alle 19:30, in modo da salvaguardare la nidificazione delle tartarughe marine (che di solito avviene di notte, appunto). Dal 1995 l'intera area è affidata alla gestione di Legambiente che ogni anno attiva i campi di volontariato per selezionare il personale che sorveglierà la spiaggia durante la stagione estiva.

L'isolotto è basso, con un'altezza massima di 26 metri, e completamente roccioso. La flora e la fauna sono molto simili a quelle della costa nord-africana; la spiaggia adiacente all'isolotto è una delle poche zone dove le tartarughe marine Caretta caretta depongono le uova. È inoltre un'importante stazione di sosta di uccelli migratori che vi fanno tappa in aprile e settembre[3] e l'unica area (oltreché nelle zone africane dalla quale proviene) in cui vive una particolare specie di lucertola, la Psammodromus algirus[1].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima di arrivare sulla spiaggia dell'Isola dei Conigli, proprio nel cuore della baia e quasi nascosta in un vallone, si incontra quella che fu la villa di Domenico Modugno a Lampedusa, della quale era follemente innamorato tanto trascorrervi i suoi ultimi momenti di vita. Fu proprio lui che coniò il termine Piscina di Dio, riferendosi al mare cristallino che bagna questo luogo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]