Area marina protetta Isole Pelagie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Area marina protetta
Isole Pelagie
Tipo di areaArea marina protetta
Codice WDPA182733
Codice EUAPEUAP0553
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
Regioni  Sicilia
Province  Agrigento
ComuniLampedusa e Linosa-Stemma.pngLampedusa e Linosa
Superficie a terradi costa: 46,28 km²
Superficie a mare4.136,00 ha
Provvedimenti istitutiviD.M. 21/10/2002 (G.U. n.14 del 18.01.2003)
GestoreComune di Lampedusa e Linosa
PresidenteSindaco Giuseppe Martello
Lampedusa coast line.jpg
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale
Coordinate: 35°52′20.64″N 12°52′04.8″E / 35.8724°N 12.868°E35.8724; 12.868

L'area marina protetta Isole Pelagie è un'area marina protetta istituita con decreto del Ministero dell'Ambiente il 21 ottobre 2002.[1]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'AMP delle Isole Pelagie comprende 46,28 km di costa delle isole di Lampedusa, Linosa e Lampione, a cui si somma l'estensione a mare di 4.136 ha.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'area comprende alcuni importanti siti di nidificazione della tartaruga marina Caretta caretta.
Le isole di Linosa (Spiaggia della Pozzolana di Ponente) e di Lampedusa (Spiaggia di Isola dei Conigli) sono tra i pochi siti in Italia in cui la presenza di regolari ovodeposizioni da parte di alcuni esemplari è documentata e certa. Purtroppo la densità del turismo di massa e la frequentazione crescente del turismo appiedato (ancora permesso) stanno facendo perdere alla spiaggia dell'Isola dei Conigli ogni attrattiva per la deposizione delle uova delle tartarughe. Nel 2007 e nel 2008 non è stato censito infatti alcun nido a Lampedusa. Le ovodeposizioni sono fortunatamente riprese nel giugno del 2009[2].

Sul versante meridionale dell'isola di Lampedusa si osservano ampie zone di trottoir a vermeti, tipica ecostruttura mediterranea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.
  2. ^ Redazione, "Lampedusa, il ritorno della caretta", la Repubblica, 7 luglio 2009. (URL consultato il 16 gennaio 2010)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]